sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
25 Novembre 2018 STORIA
https://www.timesofisrael.com
CONFERMATO: PIOGGA METEORICA POSE FINE ALL'ETA' DEL BRONZO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 6 min. circa

Squadra multidisciplinare di scienziati utilizza prove archeologiche risalenti a 3.700 anni fa dal progetto di scavo el-Hammam della Giordania per comprendere la fine della civiltà vicino al Mar Morto-

Un team multidisciplinare di scienziati ha una nuova teoria sul perché tutta la civiltà umana si sia improvvisamente arrestata sulle rive del Mar Morto circa 3.700 anni fa. Secondo le prove archeologiche analizzate, il disastro delle proporzioni bibliche può essere spiegato da una massiccia esplosione, simile a quella registrata più di 100 anni fa in Russia.

Nel 1908, una massiccia esplosione nei pressi del fiume sassoso della Siberia Tunguska ha appiattito circa 2.000 chilometri quadrati di foreste di taiga disabitate. Curiosamente, non è stato scoperto alcun cratere e gli scienziati spiegano lo strano fenomeno attraverso un'esplosione di meteoriti a circa 5-10 km dal suolo.

Ora un gruppo interdisciplinare di archeologi e scienziati sta usando l'esplosione di Tunguska come modello per spiegare l'altrettanto curiosa fine a una fiorente civiltà che visse per migliaia di anni in una pianura vicino al Mar Morto.

Scarica l'edizione quotidiana di The Times of Israel via e-mail e non perdere mai le nostre storie migliori ISCRIZIONE GRATUITA

Come riportato su Science News, nel corso dell'ASOR Annual Meeting, con sede a Denver, direttore dell'analisi scientifica del progetto di scavo dell'Al el Hammam della Giordania, Phillip J. Silvia ha presentato un articolo, "The 3.7kaBP Middle Ghor Event: Catastrophic Termination of a Bronze Civiltà dell'età "durante una sessione sull'archeologia ambientale del vicino Oriente antico.

Disastro mostrato in una foto non datata del cratere meteorico di chilometri quadrati vicino a Winslow, in Arizona. Il cratere è stato creato 500 secoli fa quando un impatto meteorologico di 10.000.000 tonnellate ha provocato il dislocamento di 300.000.000 tonnellate di roccia. Il cratere profondo 600 piedi è tre miglia di circonferenza. (Foto AP / ho)

Secondo l'abstract della carta, gli scienziati hanno scoperto la prova di un evento esplosivo "ad alto calore" a nord del Mar Morto che istantaneamente "ha devastato circa 500 km2". L'esplosione avrebbe spazzato via tutta la civiltà nell'area colpita, compresa l'età del Bronzo Medio. città e paesi. Silvia ha detto a Science News che l'esplosione avrebbe ucciso all'istante le circa 40.000 - 65.000 persone che abitavano nel Medio Ghor, una pianura circolare larga 25 chilometri in Giordania.

Allo stesso modo, il terreno fertile sarebbe stato privato di sostanze nutritive dal calore elevato, e le onde dei sali di anidride salina del Mar Morto avrebbero - come uno tsunami - lavate sopra l'area circostante. Allo stesso tempo, le ricadute dell'esplosione hanno causato venti bollenti e forti, che hanno depositato una pioggia di grani minerali, che sono stati trovati su vasellame a Tall el-Hammam.

Cinque grandi siti nella regione che sono stati anche scavati hanno offerto ulteriori prove di una fine immediata dell'insediamento allo stesso tempo del disastro Tall el-Hammam proposto. Secondo Science News, la datazione al radiocarbonio di prove archeologiche organiche ha dimostrato che le "mura di mattoni di fango" delle strutture sono improvvisamente scomparse circa 3.700 anni fa, lasciando solo fondamenta di pietra. "

Gli smalti dei vasai contemporanei apparentemente hanno sperimentato temperature abbastanza elevate da trasformarli in vetro, "forse tanto caldi quanto la superficie del sole", ha detto Silvia alla fonte delle notizie.

Lo studio nacque da un indovinello storico: "Che la terra agricola più produttiva della regione, che aveva sostenuto continuamente fiorenti civiltà per almeno 3000 anni, dovesse improvvisamente essre abbandonata dalle attività umane, necessariamente deve avere avuto una causa.

Come elencato nell'estratto pubblicato, la Silvia della Trinity Southwest University è stata affiancata da un gruppo di scienziati multidisciplinari.

Il team di scienziati del New Mexico Tech, Northern Arizona University, NC State University, Elizabeth City (NC) State University, DePaul University, Trinity Southwest University, Comet Research Group e Los Alamos National Laboratories hanno analizzato campioni da 12 stagioni di Tall el - Scavi di Hamam per concludere che la spiegazione più logica per la fine della colonia fu un'esplosione di meteoriti.

"Questo documento esamina le molteplici linee di prove che suggeriscono collettivamente un evento cosmico di Tunguskalike che ha cancellato la civiltà - compresa la città-stato dell'età del bronzo medio ancorata da Tall el-Hammam - nel Middle Ghor (la pianura circolare di 25 km di diametro immediatamente a nord del Mar Morto) ca. 1700 BCE, o 3.700 anni prima del presente.

"Sulla base delle prove archeologiche, ci sono voluti almeno 600 anni per recuperare sufficientemente dalla distruzione del suolo e dalla contaminazione prima che la civiltà potesse di nuovo stabilirsi nel Medio Oriente Ghor", scrivono.

Una meteora ha attraversato il cielo degli Urali russi venerdì mattina, causando forti esplosioni e ferendo a centinaia di persone, tra cui molte ferite da vetri rotti. (credito fotografico: AP Photo / Nasha gazeta, www.ng.kz)

Una meteora ha attraversato il cielo degli Urali russi nel febbraio 2013, provocando forti esplosioni e ferendo a quanto riferito centinaia di persone, tra cui molte ferite da vetri rotti. (AP Photo / Nasha gazeta, www.ng.kz)

Una spiegazione biblica

Questo enorme disastro potrebbe offrire una spiegazione per la storia biblica di Sodoma?

Secondo un articolo del 2013 della rivista Biblical Archaeology del co-direttore del dottor Steven Collins, il sito di Tall el-Hammam è un forte candidato per la città biblica di Sodoma a causa di una moltitudine di fattori. Il disastro scoperto e la sua posizione precisa, che lega ai riferimenti biblici di " ha-kikkar " (o idiomaticamente, la pianura).

Nell'articolo, tra le altre citazioni bibliche, Collins cita da Genesi 19: 24-25: "Allora il Signore piovve su zolfo ardente su Sodoma e Gomorra - dal Signore fuori dai cieli. Così ha rovesciato quelle città e l'intera pianura, compresi tutti quelli che vivono nelle città - e anche la vegetazione nella terra ".

Sul terreno del sito, Collins assistette a tale distruzione di prima mano. Scrive in una vivida descrizione: "La violenta conflagrazione che pose fine all'occupazione a Tall el-Hammam produsse ceramiche sciolte, pietre di fondazione bruciate e parecchi piedi di cenere e detriti di distruzione agitati in una matrice grigio scuro come in un Cuisinart".

Potrebbe davvero essere che questa distruzione, ipoteticamente causata dall'esplosione di meteore e dalla sua catastrofica ricaduta, siano le cause naturali del razzismo all'ingrosso divino della città riportato nella Bibbia?

In un articolo redatto congiuntamente da Silvia e Collins, " The Civilization-Ending 3.7KYrBP Event: Archaeological Data, Sample Analyses and Biblical Implications ", gli autori scrivono, "Le prove fisiche di Tall el-Hammam e dei siti vicini mostrano segni di evento concussivo e termico altamente distruttivo che ci si potrebbe aspettare da quanto descritto in Genesi 19. "

Basandosi ulteriormente sugli studi del ricercatore di energia atomica Samuel Gladstone, gli autori scrivono che "una resa aerea di 10 megatoni sull'angolo nord-orientale del Mar Morto sarebbe sufficiente a produrre il danno fisico osservato a 10 km di distanza a Tall el-Hammam. Si noti che questa è solo la metà della resa dell'evento esplosivo di Tunguska (in Siberia), ben all'interno della "recente" esperienza umana per esplosioni di aria meteoritica! "Scrivono.

"La distruzione non solo di Tall el-Hammam (Sodoma), ma anche dei suoi vicini (Gomorra e le altre città della pianura) è stata probabilmente causata da un evento meteorologico esplosivo", concludono gli autori.

Nel suo articolo di Review Biblico sull'archeologia, Collins scrive che il massiccio disastro fu scottato nella memoria culturale collettiva e conservato nella tradizione biblica.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >