sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
28 Gennaio 2018 ARCHEOLOGIA
Di Sarah Gibbens https://news.nationalgeographic.com
SCOPERTO UN ALFABETO VICHINGO SCONOSCIUTO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

Perché gli archeologi sono entusiasti di un pettine vichingo.

È un pettine di 1.000 anni, semplicemente inscritto con la parola "pettine", ma può contenere indizi sulle origini dell'Era vichinga.

Forse nessuno è mai stato così eccitato di vedere un pettine come l'archeologo danese Søren Sindbæk.

Lui e un gruppo di archeologi dell'Università di Aarhus hanno recentemente portato alla luce uno in una città vichinga chiamata Ribe in Danimarca.

Ancora più eccitante, dice, la parola "pettine" è incisa su un lato, mentre quello che corrisponde alla versione di "pettinare" è sull'altro.

Per chiunque non sia un archeologo di carriera o un appassionato di storia vichinga, la scoperta può sembrare banale, ma potrebbe potenzialmente rivelare agli storici la nascita di un alfabeto vichingo e, di conseguenza, come la storica Era dei Vichinghi è diventata prominente.

Per capire perché il pettine è importante, devi riavvolgere verso la fine dell'8 ° secolo, un momento critico per i vichinghi. Era l'alba dell'era vichinga, iniziata poco prima dell'800 CE, e la lingua nella regione aveva subito centinaia di anni di evoluzione.

Immagine di un uomo vestito da vichingo

Un reenactor vichingo con un completo vichingo si trova in un festival in Polonia.

FOTOGRAFIA DI DAVID GUTTENFELDER, NATIONAL GEOGRAPHIC CREATIVE

Di Sarah Gibbens

PUBBLICATO 19 GENNAIO 2018

Forse nessuno è mai stato così eccitato di vedere un pettine come l'archeologo danese Søren Sindbæk.

Lui e un gruppo di archeologi dell'Università di Aarhus hanno recentemente portato alla luce uno in una città vichinga chiamata Ribe in Danimarca.

Ancora più eccitante, dice, la parola "pettine" è incisa su un lato, mentre quello che corrisponde alla versione di "pettinare" è sull'altro.

Per chiunque non sia un archeologo di carriera o un appassionato di storia vichinga, la scoperta può sembrare banale, ma potrebbe potenzialmente rivelare agli storici la nascita di un alfabeto vichingo e, di conseguenza, come la storica Era dei Vichinghi è diventata prominente.

Per capire perché il pettine è importante, devi riavvolgere verso la fine dell'8 ° secolo, un momento critico per i vichinghi. Era l'alba dell'era vichinga, iniziata poco prima dell'800 CE, e la lingua nella regione aveva subito centinaia di anni di evoluzione.

Poi, improvvisamente, l'alfabeto è cambiato. Le rune, o lettere, usate dai predecessori del gruppo divennero più uniformi e moderne per adattarsi al modo di parlare evoluto.

Alto e verticale, le nuove linee erano facili da intagliare in legno o pietra, afferma Sindbæk.

"Non sappiamo perché o quando è successo", dice del nuovo alfabeto usato. "Non sembra essere graduale."

Significa che il nuovo alfabeto è stato probabilmente creato da una persona o da un'istituzione e poi diffuso. Ma perché, quando e da chi? Gli archeologi non sono sicuri.

DIFFONDERE LA PAROLA

Una volta adottato il nuovo sistema di rune, le regioni europee sotto controllo vichingo sarebbero state in grado di utilizzare un metodo uniforme di comunicazione scritta. Il commercio sarebbe stato più facile da facilitare.

Che il pettine abbia il nome di se stesso indica una rapida adozione dell'alfabeto, afferma Sindbæk.

Anche Henrik Williams, dell'università di Uppsala in Svezia, ha studiato molto le rune. Le sue teorie sul perché il pettine potrebbe essere inscritto con il proprio nome differiscono da quello di Sindbæk. Il primo è che avrebbe potuto aiutare le persone che hanno malattie cognitive come la demenza o i bambini che imparano la lingua.

"Non c'erano scuole, quindi insegnare a un bambino come leggere e scrivere le rune potrebbe essere fatto scrivendo parole su articoli per la casa", dice.

Un'altra teoria è che le rune potrebbero essere state pensate per trasmettere uno scopo speciale o anche proprietà magiche. Non è stato fino a quando il nuovo alfabeto è diventato più ampiamente adottato che gli archeologi trovano prove di essere utilizzato per le comuni forme di comunicazione come l'invio di note.

Alla fine, afferma Williams, "entrambe le spiegazioni sono solo ipotesi, ma ogni nuova scoperta di questo personaggio costituisce un nuovo tassello del puzzle".

MANUFATTI AGGIUNTIVI

Oltre al pettine, il team dell'Università di Aarhus ha trovato un piatto realizzato con una sorta di avorio o corno. Contiene una sorta di parola runica, ma l'oggetto era troppo frammentario da distinguere. Gli escavatori ipotizzano che potrebbe essere un nome vichingo comune, Tobi. Il materiale e il taglio indicano che sarebbe stato attaccato a una scatola o una bara in modo cerimonioso.

Entrambi i primi artefatti runici sono tra i molti ritrovati a Ribe, la città più antica di Scandanavia e quindi il primo insediamento vichingo conosciuto.

Altri due primi oggetti runici sono stati trovati nell'ultimo anno. Uno è un semplice strumento da stiro e un altro è un teschio con una frase per evocare il dio vichingo Oden, dice Sindbæk.

Gli stampi per fonderia trovati nel sito l'anno scorso hanno trovato il metallo trovato in tutta Europa. Per Sindbæk, questo suggerisce che Ribe abbia avuto un ruolo centrale all'inizio dell'era vichinga.

Gli scavi sono in corso e fanno parte di un progetto di un anno per saperne di più sulla città antica.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >