sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
4 Ottobre 2017 PALEONTOLOGIA
https://www.eurekalert.org
RETRODATATA A 300.000 ANNI LA NASCITA DELL'UOMO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Il Sudafrica è noto per il suo record di fossili ominin. Ma questa volta, i risultati di uno studio dell'antico DNA presentato nella prima pubblicazione online della prima pubblicazione del 28 settembre, della Scienza, mostrano che i resti 2000 anni di un ragazzo trovato a Ballito Bay a KwaZulu-Natal negli anni Sessanta, hanno contribuito a riscrivere storia umana.

Marlize Lombard, professore di archeologia di pietra dell'Università di Johannesburg, ha avviato la collaborazione con i genetisti dell'università di Uppsala in Svezia e l'Università del Witwatersrand, che hanno riunito un gruppo di esperti nel laboratorio di Uppsala.

Ricostruirono il genoma completo del bambino di Ballito Bay, insieme ai genomi di sei altri individui di KwaZulu-Natal che vivevano tra 2300 e 300 anni fa.

Tre individui di età di pietra che hanno vissuto tra 2300 e 1800 anni fa sono stati trovati geneticamente connessi con i discendenti dei gruppi di Khoe-San che vivono oggi nell'Africa meridionale. I resti degli altri quattro individui che vivevano 500-300 anni fa durante l'età del ferro, erano geneticamente legati ai sud africani attuali di origine africana africana.

Poiché il ragazzo di Ballito Bay era di origine cacciatrice-raccoglitrice, vivendo in un tempo prima che i migranti dall'estremo nord dell'Africa avessero raggiunto le coste del Sudafrica, il suo DNA potrebbe essere usato per stimare la divisione tra gli umani moderni e i gruppi umani precedenti, come avviene tra 350 000 e 260 000 anni fa. "Questo significa che gli esseri umani moderni sono emersi prima di quanto precedentemente pensato", afferma Mattias Jakobsson, genetista della popolazione presso l'Università Uppsala, che ha guidato il progetto insieme a Marlize Lombard dell'Università di Johannesburg.

Le stime di 350 000 a 260 000 anni si coincidono anche con il cranio di Florisbad, che è stato un contemporaneo dei Homo naledi piccoli in Sudafrica. "Ora sembra che almeno due o tre specie Homo abbiano occupato il paesaggio dell'Africa meridionale in questo periodo, che rappresenta anche le fasi iniziali dell'Età del Medio Evo", dice Lombard.

Cumulativamente, i dati fossili, antichi DNA e archeologici indicano che la transizione dall'arcaica all'umanità moderna potrebbe non essere avvenuta in un solo luogo in Africa. Al contrario, le regioni incluse l'Africa meridionale e settentrionale (come recentemente riportate) hanno probabilmente svolto un ruolo. "Quindi, entrambe le testimonianze paleoantropologiche e genetiche mostrano sempre più l'origine multiregionale di uomini anatomicamente moderni in Africa, cioè l'Homo sapiens non proveniva da un luogo in Africa, ma potrebbe essere evoluto da forme più antiche in diversi luoghi del continente tra gruppi di diversi luoghi ", afferma Carina Schlebusch.

Queste scoperte provenienti dal Sudafrica danno nuova luce sulla storia profonda africana della nostra specie e mostrano che c'è ancora molto da sapere sul nostro processo di diventare umani moderni. I risultati di questo studio sottolineano anche che l'interazione tra genetica e archeologia ha un ruolo sempre più importante da svolgere.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >