sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
4 Ottobre 2017 PALEONTOLOGIA
https://www.eurekalert.org
DIMOSTRATE DIFFERENZE DI STATUS SOCIALE TRA GLI ABITANTI NEI DOLMEN E QUELLI NELLE GROTTE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

La rivista PLOS ONE ha pubblicato un pezzo di ricerca condotto dall'Università UPV / EHU del Paese Basco e dall'Università di Oxford e che rivela l'esistenza di differenze sociali 5.000 anni fa.

Il ricercatore Teresa Fernández-Crespo, autore principale di questo studio, aveva in una precedente opera di lavoro individuato le differenze demografiche tra le persone sepolte nelle dolmen e quelle sepolte nelle grotte: mentre gli adulti maschi predominavano nei dolmen, i bambini e le donne erano più comuni in le grotte. Questa variabilità funeraria è comune in tutto il continente europeo, anche se "non è stata quasi mai stata studiata sistematicamente", ha spiegato il ricercatore.

Attraverso questo studio volevano andare oltre e "conoscere il possibile significato delle diverse pratiche funerarie in una sequenza spaziale molto limitata per vedere se potrebbe esserci una differenza nella dieta degli individui sepolti in megaliti e in grotte ". La chiave va trovata nella dieta, che oltre ad affrontare un'esigenza fisiologica "costituisce anche un comportamento culturale e sociale determinato da vari parametri. Per questo sapevamo che attraverso i modelli di alimentazione potremmo esprimere qualcosa sulla struttura sociale e il tipo di società che erano state sepolte in questi luoghi ", ha spiegato.

L'analisi si è concentrata sui resti della zona di Rioja Alavesa, che "è una regione ineguagliabile in cui le grotte e le dolmen sono molto vicine tra loro, a una distanza media di 10 km. Grazie alle date disponibili, abbiamo potuto distinguere i ritardi neolitici e primi calcolitici dei dolmen per poterli confrontare con le sequenze delle grotte corrispondenti a quel medesimo periodo ".

Il lavoro ha riguardato la misurazione degli stabili isotopi di carbonio e azoto nel collagene osseo. "Questi isotopi sono usati per cercare di ricostruire la dieta in passato e il fatto è che la composizione delle ossa umane è determinata dal cibo consumato dall'individuo durante circa l'ultimo decennio della sua vita, perché il tessuto osseo viene gradualmente rimodellato Non è una sorpresa perché "siamo ciò che mangiamo", cosa succede è che alla fine tutto quello che mangiamo è gradualmente incorporato nel nostro tessuto ", ha detto Fernández-Crespo.

Comunità diverse o differenze socioeconomiche?

I risultati mostrano che la dieta degli individui è stata basata su "piante del tipo C3, come i cereali, perché erano già state coltivate in quel periodo, con un contributo di animali terrestri, principalmente domestici (capre, pecore, mucche), che sembra essere stata la dieta generale di entrambi i tipi sepolcrali ". Ma, in realtà, la scoperta più importante è la differenza significativa nei valori di isotopi del carbonio tra grotte e megaliti.

Due possibili interpretazioni sono avanzate per spiegare questa differenza. "La prima sarebbe che questa divergenza rifletta un uso differenziato in alcune comunità che praticavano diversi riti funebri e seguivano anche economie di sussistenza diverse a causa dell'utilizzo di diverse aree agricole: nel caso delle grotte, le pendici della cresta montuosa della Cantabria, e nel caso delle dolmen, le aree più aperte della valle ", ha sottolineato il ricercatore.

Per quanto riguarda la seconda opzione, "le divergenze nei valori di isotopi del carbonio potrebbero anche emergere nella stessa comunità, dove tutti appartenevano allo stesso gruppo in cui esisteva una specializzazione economica. In altre parole, un settore della popolazione potrebbe ad esempio, sono stati più coinvolti nelle attività di pascolo sul crinale della montagna e l'altra nell'agricoltura nella valle, o ci potrebbero essere state differenze socioeconomiche che si sono espresse nell'accesso preferenziale ad aree più fertili oa certi cibi. le grotte possono avere un status inferiore e il loro accesso a terre migliori per l'agricoltura potrebbe essere stato più restrittivo, mentre quelli sepolti in megaliti, la cui costruzione richiedeva notevoli investimenti in termini di lavoro, avrebbero potuto accedere a terre migliori (più aperti, più fertili, eccetera.)".

Per quanto riguarda il futuro, sono stati proposti altri canali di ricerca per scoprire "quale ipotesi dovremmo optare". Si propone pertanto un'analisi di isotopi di stronzio e di ossigeno in quanto consentirebbe di valutare la mobilità di queste popolazioni ", poiché alcuni autori stanno suggerendo che durante la tarda neolitica e la prima Calcolitica questa regione era molto densamente popolata probabilmente a seguito dell'arrivo di una popolazione straniera. Quindi coloro che occupano un tipo di sepoltura o un altro potrebbero essere popolazioni provenienti dall'esterno ", ha sottolineato Fernández-Crespo.

Inoltre, è stata avviata la ricerca basata sull'analisi sequenziale di isotopi di carbonio e di azoto sulla dentina dei denti. "Se le ossa vengono rimodellate e mostrano solo il segno degli ultimi dieci anni di vita degli individui, il segno isotopico del carbonio e dell'azoto del momento in cui sono stati formati è registrato nei denti. Questo studio potrebbe rivelare se le differenze tra le le persone sepolte in dolmen e quelle in grotte emergono sin dalla nascita (due popolazioni che stanno facendo qualcosa di diverso) o se si acquisiscono nel tempo, che ci porta a pensare che siano più legati allo stato raggiunto da ciascun individuo ", ha spiegato Teresa Fernández-Crespo.

TAG: Neolitico

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >