sei in Home > Mistero > News > Dettaglio News
10 Dicembre 2010 MISTERO
http://www.nationalgeographic.it
LE DIECI SENSAZIONALI SCOPERTE DELL'ANNO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 5 min. circa

I pesci con le mani e il pipistrello Yoda, nuovi corpi celesti e gli strani disegni in Amazzonia, i rotoli del Mar Morto e l'Arca di Noé. Le dieci scoperte del 2010 più importanti o che hanno attirato la maggiore attenzione.

1. I pesci con le mani tra le nuove specie

Fotografia per gentile concessione di aren Gowlett-Holmes

Usa le sue pinne più per camminare che per nuotare sul fondale dell'oceano Pacifico. Questo pesce rosa e raro è una delle nove nuove specie della famiglia dei brachionittidi identificate in uno studio pubblicato lo scorso maggio.

Tutte le 14 specie conosciute di brachionittidi sono state rinvenute nelle acque costiere dell'Australia Sud-orientale. Ma anche le specie già note di questo pesce sono scarsamente studiate, e poco si sa della loro biologia e del loro comportamento.

2. Risolto il mistero dei manoscritti del Mar Morto?

Fotografia di Baz Ratner, Reuters

Gli scavi condotti negli antichi tunnel di Gerusalemme, la recente decifrazione di un'enigmatica coppa e altre indagini archeologiche potrebbero contribuire a risolvere uno dei grandi misteri biblici: chi scrisse i Rotoli del Mar Morto?

I nuovi indizi suggeriscono che i Rotoli, che comprendono alcuni fra i più antichi documenti biblici, potessero costituire il patrimonio scritto di alcuni gruppi che li avrebbero nascosti durante un conflitto; ma potrebbero anche rappresentare "il grande tesoro del tempio di Gerusalemme", quello che secondo la Bibbia custodiva l'Arca dell'Alleanza.

3. Il pesce mostro a largo della Groenlandia

Fotografia per gentile concessione di Julius Nielsen, Istituto per le Risorse Naturali della Groenlandia

Sembra uscito da un film della serie Alien, questo inquietante pesce lanterna (Chaenophryne longiceps).

Questo pesce, che può raggiungere dimensioni tutto sommato modeste per un mostro marino (17 centimetri) è solo una delle 38 specie ittiche individuate per la prima volta nel Mar Glaciale Artico.

4. Trovata l'Arca di Noé?

Fotografia di Martin Gray, National Geographic

Un gruppo di esploratori cristiani evangelici ha annunciato di aver trovato i resti dell'Arca di Noé sotto una coltre di neve e di detriti vulcanici sul Monte Ararat.

La notizia - come molte altre in precedenza - è stata accolta con molto scetticismo da archeologi e storici, e non è stata sufficientemente provata.

. Il pipistrello "Yoda"

Fotografia su gentile concessione di Piotr Naskrecki, Conservation International

Questo pipistrello col naso a forma di tubo, della specie dei pteropodidi - immortalato da altre parti come il pipistrello "Yoda" - è una delle circa 200 specie scoperte nel corso di due spedizioni scientifiche in Papua Nuova Guinea nel 2009, scoperte che includono anche tettigoniidi e rane che assomigliano a grilli, come annunciato da Conservation International lo scorso ottobre.

Anche se già avvistato nelle precedenti spedizioni, il pipistrello deve essere ancora formalmente classificato come nuova specie.

Complessivamente, le spedizioni nelle montagne Nakanai e Muller della Papua Nuova Guinea, hanno portato alla luce 24 nuove specie di rane, 2 nuovi mammiferi e quasi un centinaio di nuovi insetti.

Queste impervie montagne- in cui sono stati scoperti molti esemplari di nuove specie in questi ultimi anni- sono accessibili unicamente tramite aereo, barca a piedi o in elicottero.

6. Un buco nero contiene l'universo?

Immagine su gentile concessione NASA/CXC/CfA/R.Kraft et al., MPIfR/ESO/APEX/A.Weiss et al. and ESO/WFI

Come parte di una matrioska cosmica, il nostro universo potrebbe trovarsi all'interno di un buco nero che farebbe parte a sua volta di un universo ancora più ampio.

In realtà, tutti i buchi neri rilevati fino a ora nel nostro universo - da quello più microscopico a quello più imponente - potrebbero essere delle porte verso altre realtà.

Secondo uno studio portato avanti la scorsa primavera, un buco nero è in realtà un tunnel tra diversi universi. In accordo con questa teoria, la materia che il buco nero attrae non collasserebbe all'interno di un punto singolo, come era stato suggerito precedentemente, ma piuttosto zampillerebbe fuori da un "buco bianco" posto nell'altra estremità del buco nero.

7. I disegni rivelano l'Amazzonia perduta

Fotografia su gentile concessione di Édison Caetano

Centinaia di cerchi, quadrati e altre forme geometriche in precedenza nascoste dalla foresta suggeriscono la presenza di una sconosciuta civiltà fiorita all'interno dell'Amazzonia, secondo un nuovo studio realizzato lo scorso gennaio.

Le immagini dal satellite dell'alto bacino del Rio delle Amazzoni, hanno rivelato più di 200 terrapieni geometrici che si estendono per oltre 250 km.

I ricercatori, hanno stimato che nuove strutture circa dieci volte più ampie di quelle rilevate, potrebbero esistere al di sotto dello strato della foresta Amazzonica.

8. La lucertola che evolve nella procreazione

Fotografia su gentile concessione di Rebecca A. Pyles

L'evoluzione colta sul fatto: un nuovo studio realizzato questa estate suggerisce che questa nuova specie di lucertola australiana stia abbandonando la deposizione delle uova in favore del parto.

Lungo le coste del Nuovo Galles del Sud, queste scincidi dal colorito giallastro e dalle tre dita, continuano a deporre uova per riprodursi. Ma gli individui della stessa specie che vivono nelle montagne più fredde della regione, hanno quasi completamente cominciato a utilizzare il processo di creazione ed espulsione del feto per la riproduzione.

9. Indizi di corpi oltre l'universo

Photograph courtesy Misti Mountain Observatory

La tesi del "flusso oscuro" potrebbe essere rafforzata da uno studio dello scorso marzo. Secondo questa ipotesi ci sarebbero "strutture" ai confini dell'universo.

Nel 2008 alcuni scienziati hanno annunciato la scoperta di centinaia di galassie in rapido movimento (3, 6 milioni di chilometri all'ora) nella stessa direzione. Un movimento che non poteva essere spiegato con le principali teorie sulla distribuzione della massa nell'universo. Sono così arrivati all'ipotesi che siano attratte da una massa al di fuori dell'universo osservabile.

Nel 2010 gli stessi ricercatori hanno scoperto che il flusso oscuro è molto più in profondità di di quanto si pensasse, almeno 2, 5 miliardi di anni luce dalla Terra.

10. Terremoti e asse terrestre

Fotografia per gentile concessione NASA Earth Observatory

Il terremoto in Cile dello scorso febbraio è stato così potente da spostare l'asse terrestre e accorciare la lunghezza del giorno.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >