sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
17 Novembre 2010 PALEONTOLOGIA
stonepages.com
STUDI SUL DNA RIVELANO LE ORIGINI DEI PRIMI AGRICOLTORI EUROPEI
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Un team di ricercatori internazionali ha risolto il problema delle origini del popolo che ha introdotto l'agricoltura in Europa circa 8000 anni fa. Un dettagliato studio genetico di una delle prime comunità rurali in Europa, dalla Germania centrale, rivela somiglianze con le popolazioni che vivono in Turchia e l'Iraq oggi, piuttosto che quelli provenienti dall'Europa.

Project leader professor Alan Cooper, direttore del Centro australiano per DNA antico (ACAD) presso l'Università di Adelaide, dice: "Questo capovolge il pensiero corrente, che ammette che le prime popolazioni agricole europee sono state costruite in gran parte da popolazioni attuali di cacciatori-raccoglitori, che avevano rapidamente imparato a coltivare e incrociato con gli invasori ".

"Abbiamo finalmente risolto il problema di chi fossero i primi agricoltori in Europa Furono dei veri e propri invasori con rivoluzionarie idee nuove, piuttosto che le popolazioni di cacciatori-raccoglitori dell'età della pietra che già esistevano nella zona", dice l'autore il dottor Wolfgang Haak, Senior Research Associate con ACAD presso l'Università di Adelaide. "Siamo stati in grado di applicare nuovi metodi di mappatura degli antichi DNA, di alta precisione per creare un quadro dettagliato genetico di questa antica popolazione agricola, e di rivelare che era radicalmente diversa rispetto alle popolazioni nomadi già presenti in Europa." Abbiamo anche potuto utilizzare le firme genetica per identificare una potenziale via dal Vicino Oriente e Anatolia, dove l'agricoltura si è sviluppata intorno 11.000 anni fa, via sud-orientale e del bacino dei Carpazi (Ungheria di oggi) in Europa centrale ", dice il dottor Haak.

Il DNA antico utilizzato in questo studio proviene da un cimitero completo dei primi agricoltori neolitici rinvenuti presso la città di Derenburg in Sassonia-Anhalt, Germania centrale. Studi precedenti avevano già confermato che i resti appartenevano ad antichi agricoltori europei dal Neolitico Antico appartenenti alla "cultura della ceramica lineare".

Villems Richard presso l'Università di Tartu e Biocentre estone in Estonia, un co-autore dello studio, ha denominato questi risultati "entusiasmanti", ma ha detto che ulteriori studi potrebbero portare a risultati ancora più importanti. "Il DNA antico è molto meglio conservato in Europa con clima freddo che in luoghi più caldi", ha detto. "Ma se fosse possibile, e speriamo che sia possibile in futuro, da abbinare con alcuni campioni di 8.000-10.000 anni fa dal Vicino Oriente, allora sarebbe davvero perfetto."

L'analisi ha inoltre rivelato che la popolazione di cacciatori-raccoglitori in Europa non è morto come conseguenza della "invasione" degli immigrati dal Medio Oriente. Invece, i due gruppi si mescolarono insieme, che ha portato a discendenze "miste".

TAG: DNA, Neolitico

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >