sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
12 Ottobre 2010 STORIA
Liutprand.it
Identificata la causa della grande epidemia di peste del medioevo
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

I puntini verdi indicano la posizione geografica dei cinque siti archeologici indagati.. Sono indicate anche due probabili vie d'infezione indipendenti (frecce tratteggiate in bianco e rosso) per la diffusione della peste nera (1347-1353) da Benedictow. ©: PLoS Pathogens

(PhysOrg.com) - La 'morte nera' è stata causata da almeno due tipi precedentemente sconosciuti di batteri Yersinia pestis.

Gli ultimi test condotti dagli antropologi presso la Johannes Gutenberg di Mainz (JGU) hanno dimostrato che i batteri Yersinia pestis erano davvero l'agente causale dietro la "Morte Nera" che imperversò in tutta Europa nel Medioevo. La causa dell'epidemia è sempre rimasta molto controversa, agenti patogeni e altri sono stati spesso citati come possibili cause, in particolare per le regioni del nord Europa. Utilizzando analisi del DNA e delle proteine da scheletri di appestati, un team internazionale guidato da scienziati di Magonza ha ormai definitivamente dimostrato che Yersinia pestis è stato responsabile della morte nera nel XIV secolo e delle successive epidemie che continuarono a scoppiare in tutto il continente europeo per altri 400 anni. Le prove effettuate sul materiale genetico da fosse comuni in cinque paesi ha inoltre individuato almeno due tipi precedentemente sconosciuti di Yersinia pestis che si sono dimostrati patogeni.

"I nostri risultati indicano che la peste ha viaggiato in Europa su almeno due canali, che poi presero strade individuali, " spiega la Dott. Barbara Bramanti dell'Istituto di Antropologia dell'Università di Mainz. I lavori, pubblicati sulla rivista open access PLoS Pathogens, ora forniranno la base necessaria per lo svolgimento di una dettagliata ricostruzione storica di come si sviluppa questa malattia.

Per un certo numero di anni, Barbara Bramanti è stata la ricerca che sono state grandi epidemie dilaganti in tutta Europa e le loro possibili conseguenze selettivo come parte di un progetto finanziato dalla Fondazione tedesca per la ricerca (DFG). Per il lavoro di recente pubblicazione, il 76 scheletri umani sono stati esaminati da presunte fosse per le vittime della peste in Inghilterra, Francia, Germania, Italia e Paesi Bassi. Mentre altre infezioni come lebbra possono essere facilmente individuate a lungo dopo la morte con le ossa deformate, il problema affrontato nella ricerca di vittime della peste sta nel fatto che la malattia può portare alla morte entro pochi giorni e non lascia tracce visibili. Con la fortuna, il DNA del patogeno può ancora essere presente per molti anni nella polpa dentale o tracce di proteine nelle ossa. Anche così è difficile da rilevare, e può essere distorta attraverso la contaminazione possibile. Il team guidato da Bramanti trovato i risultati analizzando vecchi materiale genetico, Noto anche come DNA antico (adna): dieci esemplari provenienti da Francia, Inghilterra e Paesi Bassi hanno mostrato un gene Yersinia pestis-specific. Perché i campioni da Parma, Italia e Augsburg, in Germania non ha dato risultati, sono stati sottoposti a un altro metodo conosciuto come immunocromatografia (simile al metodo usato nei test di gravidanza a casa per esempio), questa volta con successo.

Una volta che l'infezione da Yersinia pestis era stato accertato, Stephanie Hänsch e Barbara Bramanti utilizzata un'analisi di circa 20 indicatori per verificare se uno dei tipi noti batteri "orientalis" o "medievalis" era presente. Ma nessuno di questi due tipi è stato trovato. Invece, due forme sconosciute sono stati identificati, che sono anziani e differire dai patogeni moderni si trovano in Africa, America, Medio Oriente, e l'ex Unione Sovietica regioni. Uno di questi due tipi, che si ritiene abbiano contribuito significativamente al corso catastrofico della peste nel 14 ° secolo, molto probabilmente oggi non esiste più. L'altro sembra avere analogie con tipi che sono stati recentemente isolati in Asia.

Nella loro ricostruzione, Hänsch e Bramanti mostrano un percorso di infezione che va dal trasporto iniziale del patogeno dall'Asia a Marsiglia nel novembre del 1347, attraverso la Francia occidentale a nord della Francia e in Inghilterra. Perché un diverso tipo di Yersinia pestis è stato trovato a Bergen op Zoom, nei Paesi Bassi, i due scienziati credono che il sud dei Paesi Bassi non era direttamente infettate da Inghilterra o in Francia, ma piuttosto dal Nord. Questo potrebbe indicare un altro percorso infezione, che correva dalla Norvegia via Frisia e giù per i Paesi Bassi. Ulteriori indagini sono necessarie per scoprire il percorso completo della epidemia. "La storia di questa pandemia", ha dichiarato Hänsch, "è molto più complicata di quanto pensassimo".

Per maggiori informazioni: Haensch, S., Bianucci, R., et al. (2010) Distinct cloni di Yersinia pestis ha causato la morte nera PLoS Pathog 6 (10): e1001134. doi: 10.1371/journal.ppat.1001134

Fornito da Johannes Gutenberg University

Fonte: http://www.physorg.com/news206009200.html

TAG: DNA, Medioevo

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >