sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
31 Dicembre 2009 ARCHEOLOGIA
Rossella Lorenzi La redazione di La Porta del Tempo
TROVATO NEL DESERTO I RESTI DELL'ESERCITO DI CAMBISE CHE SVANI' 2500 ANNI FA
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 7 min. circa

Centinaia di ossa sbiancate e teschi trovati nel deserto desolato del deserto del Sahara possono essere i resti dell'esercito lungo tempo perduta Cambise ', secondo i ricercatori italiani.

Alfredo e Angelo Castiglioni

I resti di un potente esercito persiano dice che sono annegati nelle sabbie del deserto occidentale egiziano di 2500 anni fa avrebbe potuto essere finalmente trova, risolvendo uno dei più grandi misteri dell'archeologia di liquidare, secondo i ricercatori italiani.

Armi in bronzo, un braccialetto d'argento, un orecchino e centinaia di ossa umane trovate nel deserto vasto desolata del deserto del Sahara hanno sollevato le speranze di trovare finalmente l'armata perduta di Cambise II re persiano. 50.000 guerrieri si diceva di essere sepolto da una tempesta di sabbia cataclisma nel 525 aC

Guarda il video: Date un'occhiata più da vicino a una valle di ossa che i ricercatori pensano possono appartenere all'esercito favolosa perduta di Cambise II.

Visualizzare una presentazione: Vedi alcuni dei resti trovati nel deserto del Sahara.

"Abbiamo trovato le prime testimonianze archeologiche di un racconto riportato dal storico greco Erodoto, " Dario Del Bufalo, un membro della spedizione presso l'Università di Lecce, ha detto a Discovery News.

Secondo Erodoto (484-425 aC), Cambise, figlio di Ciro il Grande, ha inviato 50.000 soldati da Tebe ad attaccare l'Oasi di Siwa e distruggere l'oracolo nel tempio di Amon, dopo i sacerdoti si rifiutò di legittimare la sua pretesa di Egitto .

Dopo aver camminato per sette giorni nel deserto, l'esercito avuto modo di un ' "oasi", che gli storici ritengono fosse El-Kharga. Dopo la loro partenza, non erano mai più visti.

"Un vento da sud sorse, forte e mortale, portando con sé le colonne immense di sabbia turbinante, che interamente coperto le truppe e li ha interamente a scomparire", ha scritto Erodoto.

Un secolo dopo Erodoto scrisse il suo conto, Alessandro il Grande aveva fatto il proprio pellegrinaggio l'oracolo di Amon, e nel 332 aC ha vinto la conferma da parte di Oracle, che era il divino figlio di Zeus, il dio greco equiparata alla Amun.

Il racconto di dell'esercito perso Cambise ', tuttavia, sbiadito in antichità. Come nessuna traccia dei guerrieri sventurato è stato mai trovato, gli studiosi cominciarono a respingere la storia come un racconto di fantasia.

Ora, due top archeologi italiani sostengono di aver trovato la prova evidente che l'esercito persiano era davvero inghiottito in una tempesta di sabbia. Twin fratelli Angelo e Alfredo Castiglioni sono già famosi per la loro scoperta 20 anni fa, degli antichi egiziani "città d'oro" Berenice Pancrisia.

Presentato recentemente al festival del Cinema Archeologico di Rovereto, la scoperta è il risultato di 13 anni di ricerca e cinque spedizioni nel deserto.

"Tutto è cominciato nel 1996, durante una spedizione volta a indagare la presenza di meteoriti di ferro nei pressi Bahrin, una piccola oasi non lontano da Siwa, " Alfredo Castiglioni, direttore della Eastern Desert Research Center (CERDO) a Varese, ha detto a Discovery News.

Mentre lavorava nella zona, i ricercatori hanno notato un mezzo sepolto pentola e alcuni resti umani. Poi i fratelli macchiato qualcosa di veramente interessante - quello che avrebbe potuto essere un riparo naturale.

E 'stata una roccia di circa 35 metri (114, 8 metri) lungo 1, 8 metri (5, 9 metri) di altezza e 3 metri (9, 8 metri) di profondità. Tali formazioni naturali si verificano nel deserto, ma questa pietra di grandi dimensioni è stato l'unico in una vasta area.

"Le sue dimensioni e la forma ha reso il rifugio perfetto in una tempesta di sabbia", Castiglioni ha detto.

Proprio lì, il metal detector di geologo egiziano Aly Barakat del Cairo University, presso le reliquie della guerra antica: un pugnale in bronzo e punte freccia diversi.

"Stiamo parlando di piccoli oggetti, ma sono estremamente importanti in quanto sono i primi oggetti Achemenidi, così che risale al tempo di Cambise ', che sono emersi dalle sabbie del deserto in una posizione abbastanza vicino a Siwa, " ha affermato Castiglioni.

Circa un quarto di miglio dal riparo naturale, il team di Castiglioni trovato un braccialetto d'argento, un orecchino e sfere pochi che erano probabilmente parte di una collana.

"L'analisi dei orecchino, sulla base di fotografie, indicano che risale certamente al periodo achemenide. Sia l'orecchino e le sfere sembrano essere d'argento. Infatti un orecchino molto simile, risalente al V secolo aC, è stato trovato in uno scavo in Turchia, "Andrea Cagnetti, uno dei maggiori esperti di gioielleria antica, ha detto a Discovery News.

Negli anni successivi, i fratelli Castiglioni ha studiato le mappe antiche e sono giunti alla conclusione che l'esercito di Cambise 'non ha preso la rotta ampiamente creduto carovana attraverso l'Oasi Dakhla e Farafra Oasis.

"Dal momento che il 19 ° secolo, molti archeologi ed esploratori hanno cercato per l'esercito perse lungo questa rotta. Non hanno trovato nulla. Abbiamo ipotizzato un percorso diverso, provenienti da sud. Infatti abbiamo scoperto che questa strada esisteva già nella 18esima dinastia, " Castiglioni detto.

Secondo Castiglioni, da El Kargha l'esercito ha preso una rotta da ovest a Gilf El Kebir, attraversando il Wadi Abd el Melik, allora diretto a nord verso Siwa.

"Questo itinerario ha il vantaggio di tenere il nemico di sorpresa. Inoltre, l'esercito potrebbe marcia indisturbata. Al contrario, dal momento che l'oasi lungo il percorso gli altri erano controllati dagli Egiziani, l'esercito avrebbe dovuto lottare in ogni oasi, " Castiglioni detto.

Per testare la loro ipotesi, i fratelli Castiglioni hanno sondaggi geologici lungo quel percorso alternativo. Hanno trovato le fonti d'acqua essiccato e pozzi artificiali costituiti da centinaia di vasi d'acqua sepolto nella sabbia. Sorgenti d'acqua, che potrebbero aver fatto una marcia nel deserto possibile.

"Termoluminescence ha datato la ceramica a 2.500 anni fa, che è in linea con il tempo Cambise '", ha affermato Castiglioni.

Nella loro ultima spedizione nel 2002, i fratelli Castiglioni restituito la posizione della loro scoperta iniziale. Proprio lì, circa 100 km (62 miglia) a sud di Siwa, mappe antiche aveva erroneamente si trova il tempio di Amon.

I soldati credevano di aver raggiunto la loro destinazione, ma invece hanno trovato il khamsin - il caldo, forte, imprevedibile vento sud-est che soffia dal deserto del Sahara in Egitto.

"Alcuni soldati hanno trovato rifugio in forza di tale riparo naturale, altri dispersi in varie direzioni. Qualcuno potrebbe aver raggiunto il lago di Sitra, così sopravvissuti", ha detto Castiglioni.

Alla fine della loro spedizione, il team ha deciso di indagare storie beduina di migliaia di ossa bianche che sarebbero emerse decine di anni fa in condizioni di vento, soprattutto in una zona vicina.

Anzi, hanno scoperto una fossa comune con centinaia di ossa e teschi sbiancati.

"Abbiamo imparato che i resti erano stati esposti dai ladri tomba e che una bella spada, che è stato trovato tra le ossa è stato venduto ai turisti americani, " ha affermato Castiglioni.

Tra le ossa, un certo numero di punte di freccia persiano e un po 'di cavalli, identica a quella che appare in una raffigurazione di un cavallo persiana antica, emerse.

"Nel deserto desolato del deserto, abbiamo trovato la posizione più precisa in cui avvenne la tragedia", ha detto Del Bufalo.

Il team hanno comunicato la loro ricerca al Servizio Geologico d'Egitto e ha dato gli oggetti recuperati alle autorità egiziane.

"Non abbiamo mai sentito indietro. Sono sicuro che l'esercito perduto è sepolto da qualche parte intorno alla zona che abbiamo intervistato, forse sotto i cinque metri (16, 4 metri) di sabbia."

Mosalam Shaltout, professore di fisica solare presso il National Research Institute of Astronomy and Geophysics, Helwan, Il Cairo, ritiene che sia molto probabile che l'esercito ha preso un percorso alternativo per raggiungere Siwa occidentale.

"Penso che dipendeva dalla loro cattiva programmazione per l'acqua sufficiente e pasti durante il percorso lungo deserto e soprattutto dal verificarsi di un eruttiva venti Kamassen di sabbia per più di un giorno", ha detto Shaltout Discovery News.

Piero Pruneti, direttore di Archeologia Viva, la rivista d'Italia archeologia più importante, è anche impressionato dal lavoro del team.

"A giudicare dai loro documentario, la Castiglioni hanno fatto una scoperta molto promettente", ha detto Prunetic Discovery News. "In effetti, le spedizioni sono tutti basati su un attento studio del paesaggio ... Un approfondimenti della zona è certamente necessario!"


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >