sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
28 Luglio 2009 ARCHEOLOGIA
Liutprand.it
LE GRANDI SFERE INCISE DELLA NUOVA ZELANDA
tempo di lettura previsto 5 min. circa

Per quasi quarant'anni, gli automobilisti che guidano fra Orewa e Silverdale sono stati intrigati da un insieme di massi sferici enormi a lato dell'intersezione che conduce alla penisola di Whangaparoa.

I massi, varianti da circa 3 a 10 m di circonferenza, erano argomento di considerevole polemica e di discussioni quando furono scoperti nel 1971. A quel tempo, si stava costruendo una nuova autostrada fra Silverdale e Orewa e l'ostacolo principale era la collina di Silverdale. Mentre il bulldozer e le altre macchine tagliavano la parte superiore della collina, incontrarono un insieme di circa di dozzina di grandi massi. Da allora in poi, il bulldozer hanno dovuto tagliare via il terreno che circonda le pietre per esporle. Successivamente i massi sono stati spostati giù al lato occidentale della collina, dove sono stati disposti in bell'ordine.

Ma c'era un problema esasperante da risolvere. I massi sferici enormi erano "concrezioni„, che possono "svilupparsi soltanto„ in un ambiente sedimentario del mare in milioni di anni. Per certi aspetti si sviluppano come una perla si sviluppa in un'ostrica. Una piccola pietra o un pezzetto di conchiglia, che si trova nel fango del mare, è rivestita da uno strato sottile di calcare e di sabbia, che poi s'indurisce col passare del tempo. Un secondo strato ricopre il primo e così via, fino a che l'oggetto originale rimane al centro di molte centinaia di strati di rivestimento.

Come accade da milioni di anni, il fondo del mare può allora essere spinto verso l'alto e trasformarsi in una parte di terra asciutta. Tuttavia, i massi rimarranno all'interno dello stesso materiale ricco di sabbia e calcare, da cui sono stati formati. Se sono trovati in mezzo all'argilla o ad altro materiale estraneo alla loro formazione e sviluppo, sono stati spostati, in qualche modo, verso quella nuova posizione.

Questa era una delle polemiche infuriate per alcuni giorni nel 1971. La prova visiva suggeriva che fosse stato l'intervento umano antico ad avere spostato i massi sino alla cima della collina, fatta di argilla giallastra. Gli operai erano intrigati dalla strana presenza dei massi e chiedevano al Soprintendente del Ministero dei lavori pubblici, Clarry Neville, come le pietre fossero arrivate. Il signor Neville non aveva risposte e disse loro semplicemente: "la vostra congettura è buona quanto le mie„.

Un altro elemento notato sui massi era che alcuni erano stati incisi con disegni geometrici. Era abbastanza evidente che gli esseri umani avevano praticato, anticamente, disegni ed intagli nelle superfici di un certo numero di pietre. Era ugualmente evidente che l'antica sistemazione delle concrezioni era stata persa da tempo, poiché tanto terreno si era accumulato intorno a loro da seppellirle completamente, sino a quando il Ministero dei lavori pubblici le ritrovò nel 1971.

Clarry Neville, è stato intervistato dai giornalisti riguardo al ritrovamento anomalo dei massi. Il sig. Neville ha dichiarato che non sapeva proprio in che modo avessero raggiunto la parte superiore della collina. Ha dichiarato che i geologi stavano per studiare la materia e preparare un rapporto dettagliato, ma l'idea era stata lasciata cadere e nessuna spiegazione soddisfacente era venuta dagli esperti.

La disposizione dei massi di concrezione appariva, effettivamente, come un fatto intenzionale. Essi erano disposti in una linea retta, che proseguiva attraverso l'istmo di Auckland per oltre 55 miglia. La parte di Auckland dell'allineamento antico corre dal Mt. William al South Auckland sino ad un monticello presso Moir's Hill al Nord di Puhoi. Le altre strutture provvisoriamente finora identificate sotto questa linea sono il monticello a Totara Park in Manukau, l'alto monticello laterale a sud (cresta centrale) del Mt. Wellington, plausibilmente una sfera oggi spostata a Bastion Point, una gobba antica in cima a Okura Ridge, poi il gruppo di concrezioni a Silverdale. Dietro c'è il monticello della collina di Moir, che è vagamente visibile dalla posizione delle concrezioni a Silverdale quando il tempo è bello.

1 – Posizione in cui due delle maggiori concrezioni e alcune più piccole frantumate si sono sedimentate e sono state ammirate dai passanti per quasi 40 anni.

2 – La linea bianca mostra come l'allineamento antico attraverso l'istmo di Auckland passi per la posizione di Silverdale. La grande intersezione delle strade trasversali ora si trova direttamente sotto la precedente parte superiore della collina in cui le concrezioni sono state trovate e il triangolo erboso ne indica approssimativamente la posizione.

3 – Nell'aprile 2009 i bulldozer hanno spostato le grandi concrezioni, "lontano dagli occhi – lontano dal cuore " giù sopra il lato della collina su uno scavo in cui un nuovo centro medico sta sviluppando. Il destino degli enormi massi è sconosciuto, ma le prospettive non sembrano buone. Quelli che sono sopravvissuti allo spostamento sopra la banca sono stati dati via dal County Council di Rodney ad un'azienda privata (Croce del sud).

Questi "manufatti„ sono proprietà pubblica ed il County Council di Rodney non ha il diritto di "darli semplicemente via„. Inoltre, le concrezioni incrinate e rotte devono avere loro superfici controllate con attenzione dagli archeologi per i segni dei graffiti e dei disegni incisi antichi, come quelli trovati su altri da questo gruppo di Silverdale.

Gettare soltanto via quelli rotti, senza studiarli a fondo, sarebbe un errore altamente irresponsabile. Da una semplice prospettiva geologica, entrare a dare un'occhiata nel cuore di una concrezione fornisce comprensioni importanti circa il modo in cui si formano in natura e quelle rotte dovrebbero essere conservate, almeno come sussidi didattici agli allievi di geologia.

Alcune delle concrezioni del demanio di Auckland, ottenute da questo gruppo di Silverdale, sono state incise molto fortemente attraverso le loro superfici esterne dagli antichi abitanti della Nuova Zelanda.

Questi antichi manufatti, che erano una volta una parte "di una struttura creata per uno scopo preciso„, ora affrontano un futuro incerto. Le autorità competenti del County Council di Rodney sono state minuziosamente informate circa l'importanza di queste pietre, ma hanno candidamente mentito, quando assicuravano che i massi antichi sarebbero stati conservati. Malgrado le false promesse, subito dopo le concrezioni sono state buttate con le macchine giù dalla collina ed hanno ricevuto danni nel corso del trattamento molto sommario.

Come "Humpty-dumpty„ le concrezioni frantumate devono essere rimesse insieme ancora, per quanto possibile. Tutti i massi superstiti devono essere messi in esposizione come icona locale, preferibilmente sull'isola d'erba nel mezzo dell'intersezione (con una barriera di sicurezza bassa che li circondi e che protegga dai guidatori disattenti).

continua su

http://www.liutprand.it/articoliMondo.asp?id=264


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >