sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
24 Giugno 2005 ARCHEOLOGIA
La redazione di La Porta del Tempo
Il mistero delle pietre di Stonehenge
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Gli archeologi hanno risolto uno dei più grandi misteri di Stonehenge il punto esatto da cui furono estratte le sue ampie pietre attorno al 2, 500 a.C..

E´ stato trovato un piccolo spazio circondato di pareti di roccia, presso uno dei più alti punti della montagna di Carn Menyn, Galles di 1, 008 piedi, tra Preseli Hills nel Pembrokshire.

Lo spiazzo misura oltre un acro, e, secondo il leader del team professor Tim Darvill, offre una miniera di pilastri, fatti su misura per aspiranti costruttori di circoli di pietre. All´interno ed all´esterno dello spiazzo, vi sono numerose pietre abbattute, con chiare tracce di lavorazione. Alcune sono piuttosto recenti e recano una serie di fori di trapano ad attestare la tecnologia utilizzata. Altri blocchi potrebbero essere stati ricavati dal suolo o dal frontone di roccia in tempi antichi.

Quindi le pietre venivano trasportate per 240 miglia al famoso sito sulla Piana di Salisbury, Wiltshire.

La scoperta giunge un anno dopo che gli scienziati hanno potuto dimostrare che la cosiddetta "banda di fratelli" che presumibilmente trasportò le pietre trovate presso Stonehenge, erano Gallesi. Gli scheletri furono trovati dagli operai che lavoravano ad una conduttura a Boscombe Down, ed un´analisi chimica dei loro denti hanno rivelato che furono portati avanti nel Galles del Sud Ovest.

Gli esperti ritengono che la famiglia accompagnò le pietre nel suo viaggio dalle Praseli Hills, fino alla Piana di Salisbury.

Ora il prof Darvill, il suo collega Geoff Wainwright, un archeologo in pensione dell´English Heritage, e sei ricercatori e studenti dell´Università di Bournemouth hanno confermato dove precisamente hanno scoperto le pietre.

Il team ha trascorso gli ultimi tre anni nel progetto.

Hanno individuato un´area di 3 km quadrati sul punto più alto di Carn meyn dove dicono di avere effettuato la sorprendente scoperta.

"Geograficamente, le pietre sono molto particolari e potrebbero provenire solo da un´area molto precisa. Sapevamo che si provenivano dalle Preseli Hills, ma i risultati dai test geologici combinati con i risultati dei test chimici, ci hanno dato la conferma definitiva."

"Nel 2, 500 a.C., le cose erano molto più primitive, così i costruttori dovevano cercare rocce in posizione naturalmente favorevole.

Le avrebbero quindi poste sul fiume e fatte scivolare fino a Stonehenge."

La "banda di fratelli" trovata lo scorso anno, era un´unità familiare di tre adulti, un adolescente e tre bambini seppelliti in una tomba comune 4, 300 anni or sono, all´inizio dell´età dei metalli. La famiglia è stata trovata a Boscombe Down (e per questo i suoi membri ribattezzati "gli arcieri di Boscombe") nei pressi del sito in cui è stato scoperto tre anni or sono il notoriamente ricco "arciere di Amesbury".

La scoperta di Prof. Darvill sarà pubblicato nell´edizione di luglio-agosto di British Archaeology.