sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
21 Settembre 2004 ARCHEOLOGIA
La redazione di La Porta del Tempo
Dilmun giocò un ruolo cruciale nel mondo antico
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Dilmun era situata all´incrocio delle rotte commerciali tra la Valle dell´Indo e la Mesopotamia. Basandosi sulle iscrizioni mesopotamiche e sui successivi scavi archeologici, è stata individuata come punto di raccordo essenziale tra queste antiche civiltà.

Secondo i documenti mesopotamici, in particolare l´Epica di Gilgamesh, Dilmun era considerata una sorta di Terra Santa e giocò un ruolo significativo nella storia del mondo antico.

L´esperto archeologo Geoffrey Bibby, che ha co-diretto una spedizione danese del Museo Moesgard, iniziò le attività a Bahrain il 4 dicembre del 1953. A seguito di quasi un anno di esplorazioni e analisi, i lavori di scavo non iniziarono prima del 1954.

Bibby descrive il lavoro del museo danese come parte del processo secondo il quale: "una nuova civiltà scopre sé stessa quando il tempo è maturo... e siamo stati fortunati ad essere gli archeologi più vicini in quel momento".

Gli oggetti trovati presso i seppellimenti, gli insediamenti ed i templi di Bahrain sono attualmente in esposizione al Museo Nazionale di Bahrain. Gli oggetti più antichi sono strumenti di selce e armi appartenute ad uomini dell´Età della Pietra, che cacciavano qui più di 7, 000 anni or sono.

I principali periodi storici di Dilmun, sono:

J Dilmun Formativo (3, 200-2, 200 a.C.): è in questo periodo che le prime menzioni del nome Dilmun compaiono nelle iscrizioni mesopotamiche. Era nata una nuova civiltà.

J Primo Dilmun (2, 200-1, 600 a.C.): Questa fu l´età d´oro di Dilmun nel corso della quale raggiunse lo zenit della sua prosperità ed influenza. Dilmun controllava le rotte commerciali e costruiva città fortificate, templi magnifici e migliaia di tumuli sepolcrali.

J Medio Dilmun (1, 600-1, 000 a.C.): la Mesopotamia si trovava sotto il governo Kassita a quel tempo. La corrispondenza tra regnanti, tavolette cuneiformi, sigilli cilindrici e ceramiche in esposizione, evidenzia le interazioni tra Dilmun e la Mesopotamia.

J Tardo Dilmun (1, 000-330 a.C.): Questo periodo fu segnato dal declino del commercio del rame, a lungo controllato da Dilmun, ed acquisì un ruolo meno importante nel nuovo fiorente commercio di incensi e spezie. La scoperta del suggestivo Palazzo Uperi a Ras Al Aqlah acrebbe grandemente la nostra conoscenza di questo periodo.