sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
11 Aprile 2003 PALEONTOLOGIA
BBC News online
L´eredità del cervello degli antichi cannibali
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Le abitudini cannibali degli antichi umani determinarono probabilmente l´insorgere di patologie epidemiche, sostengono i ricercatori. Aiutarono inoltre lo sviluppo dei geni che ora sembrano proteggere la gran parte di noi da tali malattie, hanno detto.

Se i nostri antenati abbiano mai usato nutrirsi l´uno dell´altro, è una questione ancora aperta.

Il gruppo di ricerca dell´University College di Londra, normalmente studia la genetica delle patologie dei prioni, sperando di trovare il modo di proteggere i moderni umani.

Comunque, esami genetici su più di 2, 000 individui da una vasta varietà di razze e culture attraverso il mondo, hanno mostrato un interessante indizio per la questione del cannibalismo.

Le patologie dei prioni si originano quando l´introduzione di proteine atipiche nel cervello spinge le normali proteine dei prioni a incrociarsi, ammucchiarsi insieme e ad uccidere le cellule.

In ogni modo, le persone che hanno particolari variazioni di geni associate alla proteina del prione sembrano essere protette dalla malattia.

Il gruppo dell´University College, guidato dal Professor John Collinge, ha scoperto che questi geni mutanti erano presenti negli uomini di tutto il mondo.

Normalmente, se un gene mutante offre un vantaggio migliore di un altro, l´altro scomparirà, ma la presenza continua di entrambe suggerisce che la loro combinazione determini un distinto vantaggio evoluzionistico.

Ciò suggerisce che, ad un certo punto nella preistoria, le persone che li portavano fossero in grado di insediarsi e diffondersi attraverso il mondo, quando forse le persone che mancavano dell´accoppiata di geni morivano.

Precisamente quale fosse questo vantaggio non è del tutto chiaro, ma il professor Collinge ritiene che la risposta più probabile possa essere trovata nella storia più recente della Papua Nuova Guinea.

Qui, una tribù che aveva la tradizione di mangiare i suoi morti, fu stroncata dall´epidemia di una patologia dei prioni chiamata kuru.

Egli ritiene che simili epidemie, ma su scala ben più ampia, causate dalla diffusa pratica del cannibalismo tra gli antichi umani, ne fosse probabilmente la causa.

Ha riferito alla BBC: "Abbiamo tentato di comprendere le basi genetiche delle malattie dei prioni, e perché alcune persone sviluppino la patologia più tardi di altre.

"Abbiamo trovato tracce di una forte selezione di bilanciamento sulla base delle proteine dei prioni.

"In alcuni stadi dell´evoluzione umana vi fu una serrata selezione che appare evidente dal bagaglio genetico dei geni dei prioni di oggi.

"La domanda è: cosa ha determinato questa selezione?

"La spiegazione più logica è la seguente: poiché sappiamo che il cannibalismo può condurre a queste malattie e poiché esistono prove a sostegno del cannibalismo nel passato dei nostri antenati, questo potrebbe essere l´elemento che determinò una rigida selezione".

Malgrado alcuni antropologi ritengano che l´argomento per il cannibalismo umano non sia ancora provato, esistono prove alquanto stringenti, quali ossa umane con segni di denti umani, e feci umane fossilizzate recanti tracce di proteine umane.

Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Science.

TAG: Preistoria

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >