sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
11 Giugno 2010 ARCHEOLOGIA
aezio ilfattostorico.com
La tomba perduta di Ptahmes
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Nella necropoli di Saqqara, in Egitto, gli archeologi dell´Università del Cairo hanno scoperto la tomba di Ptahmes. Viene datata alla seconda metà della 19′ dinastia (1203-1186 a.C.).

Ptahmes (o Ptah Mes) visse sotto il faraone Seti I e suo figlio e successore Ramesse II, nel XIII secolo a.C. A lui vengono attribuite molte cariche: "sindaco" di Memphi, supervisore del tempio di Ptah, capo dell´esercito, responsabile del tesoro e scriba reale.

La tomba è lunga 70 metri e contiene numerose stanze: sul muro di una sono rappresentate delle persone che pescano su delle barche fatte con fasci di canne di papiro.

Sono stati poi portati alla luce diverse stele, tra cui una raffigurazione non terminata del defunto. Mostra Ptahmes e la sua famiglia davanti della cosiddetta triade tebana, cioè le tre divinità egizie più popolari nell´area di Tebe: Amon, la sua sposa Mut e loro figlio Khonsu.

Rinvenuti anche diversi frammenti della statua di Ptahmes e di sua moglie, in particolare una testa dipinta femminile probabilmente sua moglie o una delle sue figlie -, oltre a una statua di calcare appartenuta al defunto.

Infine, sono stati anche recuperati vasi di terracotta, ushabti (o shabti, sono delle statuette funerarie) e amuleti.

Questa scoperta risolve un enigma durato più di un secolo: nel 1885 dei tombaroli avevano già portato via alcuni pezzi della tomba causandole diversi danni, tuttavia la sua ubicazione venne presto dimenticata.

"Da allora venne coperta con la sabbia e nessuno ne seppe più nulla", dice Ola el-Aguizy, il professore di archeologia all´Università del Cairo che ha condotto gli scavi.

Ora che il mistero è stato risolto, parte la caccia al sarcofago di Ptahmes, non ancora trovato. Gli scavi dunque continuano alla ricerca del condotto principale della tomba che porterà alla camera sepolcrale con la bara e gli oggetti funebri.

Saqqara è un´antica necropoli che copre un´area di circa 7 x 1.5 km. Ospita un grande numero di mastabe, tombe tagliate nella roccia e piramidi, delle quali la più famosa è la piramide a gradoni di Djoser.

Quest´anno gli archeologi vi hanno già rinvenuto la camera sepolcrale della regina della VI dinastia Behenu (moglie di Pepi I, Merytawy, o di Pepi II, Netjerkhau) e due tombe scavate nella roccia di cui una è la più grande di Saqqara. Diverse squadre stanno scavando il sito, tra cui quella di Vasko Dobrev che spera di trovare la piramide di Userkare.