sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
5 Marzo 2010 ARCHEOLOGIA
aezio ilfattostorico.com
Lo splendore di Ur
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Con il paese devastato dalla guerra cominciata nel 2003, il debole governo di Baghdad (Iraq) ha avuto ben altre priorità che finanziare scavi su larga scala a Ur ritenuto il paese di nascita di Abramo e una delle culle della civiltà -. Dal 2005 lavorano solo piccole squadre.

"Quando riprenderanno gli scavi (su larga scala), tonnellate di oggetti antichi verranno portate alla luce, riempiendo interamenti i musei. Questo sito diventerà forse più importante di Giza", dice entusiasta Dhaif Moussin, il cui compito è proteggere il sito dai tombaroli.

All´inizio del´900 l´archeologo inglese Charles Leonard Woolley fece delle scoperte sbalorditive dissotterrando 16 tombe dell´élite di Ur (vedi qui).

All´interno erano conservati alcuni dei più grandi tesori dell´antichità, inclusi un pugnale tempestato di lapislazzuli, una statua dorata di capra (associata da Wolley al biblico Ariete nel boschetto, foto sotto), una lira decorata con testa di toro e un copricapo di piume d´oro della regina Sumera Puabi.

Dal punto di vista archeologico, la scoperta più straordinaria di Ur è stata una ziqqurat (o ziggurat) eccezionalmente ben preservata. È datata al III millennio a.C., quando faceva parte di un complesso di templi che servivano come centro amministrativo.

Fino a oggi, appena il 20% del sito è stato scavato. "Alcuni archeologi stimano che ci vorranno più di 30 anni per scavare l´intera città", dice Moussin.

"Ur dei Caldei", com´è menzionata nel Vecchio Testamento, era uno dei grandi centri urbani della civiltà sumera e rimase una città importante fino alla conquista di Alessandro Magno.

Si pensa che Ur raggiunse il suo apogeo sotto il re Ur-Nammu (2112-2095 a.C.), un abile guerriero e fondatore della terza dinastia di Ur (o sumera).

Durante il suo dominio, la capitale sumera vantava strade lastricate, viali alberati, scuole, poeti, scribi, e favolosi lavori di arte e architettura come quelli scoperti da Woolley.

Il regno era governato da una reale amministrazione e da un "codice" di leggi. La scrittura sumera cuneiforme è il primo sistema di scrittura conosciuto al mondo.

Si spera di provare che Ur fu il luogo di nascita di Abramo; Woolley ne scoprì il nome su un mattone lì dissotterrato.

Comunque, per il momento, Ur rimane sepolta sotto il sito protetto da una fragile barriera e da alcune guardie, persa in un paese scosso dalla violenza e più preoccupato di ricostruire la sua attuale capitale.

Nella sola provincia di Dhi Qar, oltre a Ur, ci sono 47 altri siti di grande valore archeologico.