sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
2 Marzo 2010 ARCHEOLOGIA
Morgan Kelly Eurekalert
Uno studio condotto dall'Università di Pittsburg smonta le pretese millenarie sui sistematici sacrifici infantili in Cartagine
tempo di lettura previsto 4 min. circa

PITTSBURGH - Uno studio, condotto da ricercatori dell'Università di Pittsburgh, potrebbe finalmente porre a riposo la millennaria congettura che l'antico impero di Cartagine sacrificasse sistematicamente i suoi cittadini più giovani. L'esame dei resti dei bambini cartaginesi ha rivelato che la maggioranza dei bambini erano morti in fase prenatale o molto poco dopo la nascita e difficilmente sarebbero vissuti abbastanza a lungo per essere sacrificati, secondo un rapporto nel 17 febbraio pubblicato in PLoS ONE.

I risultati, basati sulle prime analisi pubblicate dei resti scheletrici trovati in urne funerarie cartaginesi - smentiscono le affermazioni fatte fin dal III secolo a.C. sul sistematico sacrificio di bambini, a Cartagine, che rimangono un argomento di dibattito tra gli studiosi biblici e gli archeologi, ha detto il ricercatore Jeffrey H. Schwartz, professore di antropologia e storia e filosofia della scienza alla scuola di Pittsburg delle Arti e delle Scienze e presidente della World Academy of Art and Science. Schwartz e i suoi colleghi presentano l'interpretazione più benevola che i bambini punici molto piccoli fossero cremati e sepolti in urne funerarie, a prescindere da come fossero morti.

"Il nostro studio sottolinea che gli scienziati e gli storici devono considerare tutti gli elementi di prova per decifrare i comportamenti della società antica" ha detto Schwartz. "L'idea di regolari sacrifici infantili a Cartagine non si basa su uno studio dei resti cremati, ma su casi di sacrifici umani denunciati da alcuni antichi cronisti, dedotti da ambigue iscrizioni cartaginesi, e fa riferimento nel Vecchio Testamento. I nostri risultati dimostrano che alcuni bambini sono stati sacrificati, ma contrastano con la conclusione che i Cartaginesi fossero un popolo brutale che, regolarmente, sacrificava i propri figli. "

Schwartz ha lavorato con Frank Houghton della Veterans Research Foundation di Pittsburgh, Roberto Macchiarelli del Museo Nazionale di Storia Naturale di Parigi, e Luca Bondioli del Museo Nazionale Preistorico Etnografico di Roma, per esaminare i resti di bambini trovati in Tophets, luoghi di sepoltura periferica nei cimiteri cartaginesi, destinati ai bambini più grandi e agli adulti. Le urne dei Tophets contenevano resti cremati di bambini e animali, che hanno portato alla teoria che fossero riservati per le vittime del sacrificio.

Schwartz e i suoi coautori hanno analizzato i presunti sacrifici esaminando i resti scheletrici di 348 urne tramite i marcatori di sviluppo per determinare l'età dei bambini al momento della morte. Schwartz e Houghton hanno registrato le misure del cranio, dell'anca, delle ossa lunghe, e le misurazioni dei denti che indicavano la maggior parte dei bambini sono morti nel primo anno con un numero considerevole in età compresa tra solo due a cinque mesi, e che almeno il 20 per cento del campione era prenatale.

Schwartz e Houghton hanno quindi selezionato i denti da 50 persone, hanno concluso erano morti prima o poco dopo la nascita e li hanno inviati a Macchiarelli e Bondioli, che hanno esaminato i campioni per una linea neonatale. Questa striscia opaca band si forma nei denti umani tra l'interruzione della produzione di smalto alla nascita e la sua ripresa entro due settimane di vita. L'identificazione di questa linea è comunemente utilizzata per determinare l'età di un bambino al momento della morte. Macchiarelli e Bondioli hanno trovato una linea neonatale nei denti di 24 persone, il che significa che le restanti 26 persone morirono in fase prenatale o entro due settimane dalla nascita, come i ricercatori hanno segnalato.

Il contenuto delle urne fuga anche la possibilità di sacrificio infantile di massa, come Schwartz e Houghton hanno osservato. Nessuna urna conteneva abbastanza materiale scheletrico da suggerire la presenza di più di due individui completi. Anche se molte delle urne contenevano alcuni frammenti superflui appartenenti ad altri bambini, i ricercatori hanno concluso che le ossa erano resti di precedenti cremazioni e potrebbero essere state inavvertitamente mescolate con le ceneri delle cremazioni successive.

La relazione della squadra contesta anche la tesi secondo cui i Cartaginesi specificamente sacrificavano i primogeniti maschi. Schwartz e Houghton hanno determinato il sesso misurando la tacca sciatica - una fessura nella parte posteriore del bacino, più ampia nelle femmine, di 70 ossa iliache. Hanno scoperto che 38 delle pelvi erano di femmine e 26 di maschi. Altre due erano probabilmente di sesso femminile, probabilmente un maschio, e tre di sesso indeterminato.

Schwartz e i suoi colleghi concludono che l'alta incidenza di mortalità infantile e prenatale è coerente con i dati moderni di nati morti, aborti, e di morte infantile. Scrivono che, se le condizioni presenti in altre antiche città erano simili a quelle di Cartagine, bambini e nascituri avrebbero potuto facilmente soccombere alle malattie per le stesse carenze sanitarie che si trovavano in città come Roma e Pompei.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >