sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
22 Gennaio 2010 ARCHEOLOGIA
John B (John) Giornalettismo.com
Archeologia alternativa
tempo di lettura previsto 5 min. circa

Gli inglesi la chiamano pseudoarcheologia, gli "addetti" la definiscono "archeologia misteriosa". E´ un insieme di miti, credenze e teorie, piuttosto diffuse, secondo le quali nel nostro passato e nella storia più antica del nostro pianeta esistono prove ed evidenze di conoscenze avanzatissime e ormai dimenticate, nonché di frequenti "incontri ravvicinati del terzo tipo" con civiltà aliene. Si tratta di un campo vastissimo, nel quale troviamo ricercatori in buona fede e veri e propri truffatori che non esitano a falsificare documenti e reperti pur di sostenere le proprie teorie, per cui oggi ci limiteremo a introdurre l´argomento a grandi linee, riservandoci di approfondirne alcuni aspetti in ulteriori articoli.

I TESTI ANTICHI Nei testi più antichi, specialmente quelli sacri, esistono numerosi racconti e descrizioni di eventi e circostanze che interpretati sulla base delle nostre attuali conoscenze sembrano ispirati dal contatto con civiltà e tecnologie incompatibili con il livello culturale e scientifico esistenti al tempo di quelle scritture. Un caso piuttosto emblematico è la "visione di Ezechiele", raccontata nella Bibbia: "...ed ecco venire dal settentrione un vento di tempesta, una grossa nuvola con un globo di fuoco che spandeva tutto all´intorno d´essa uno splendore; e nel centro di quel fuoco si vedeva come del rame sfavillante in mezzo al fuoco. Nel centro del fuoco appariva la forma di quattro esseri viventi... avevano sembianza umana. Ognuno d´essi aveva quattro facce, e ognuno quattro ali.... sfavillavano come il rame terso.... Le loro ali s´univano l´una all´altra... quel fuoco circolava in mezzo agli esseri viventi, era un fuoco sfavillante, e dal fuoco uscivan de´ lampi. E gli esseri viventi correvano in tutti i sensi, simili al fulmine. Or com´io stavo guardando gli esseri viventi, ecco una ruota in terra, presso a ciascun d´essi... il loro aspetto e la loro forma eran quelli d´una ruota che fosse attraversata da un´altra ruota. Quando si movevano, andavano tutte e quattro dal proprio lato, e, andando, non si voltavano....". Sembra proprio di leggere l´arrivo di un´astronave, con motori a razzo e fumo e fiamme e ruote che si abbassano per l´atterraggio. Ruote costituite da cerchi incrociati che consentono di spostarsi in ogni direzione. Un ingegnere della NASA, Josef Blumrich, partendo da questa scrittura ha brevettato il progetto di un´astronave per l´esplorazione planetaria.

E CHE DIRE DELLE PIRAMIDI? - Chi ha costruito edifici di pietra così mastodontici con tale precisione, quando per decine e decine di chilometri tutto attorno l´unico materiale di costruzione esistente è... la sabbia? Alcuni studiosi ritengono che le dimensioni delle piramidi e la loro dislocazione abbiano significati precisi. Esse sarebbero allineate al Nord magnetico con una precisione impossibile per le conoscenze scientifiche che attribuiamo agli Egizi e le loro misure fornirebbero riferimenti astronomici su stelle, galassie e costellazioni che quel popolo non poteva osservare senza i telescopi e i radiotelescopi di cui disponiamo oggi. La forma stessa della Piramide eserciterebbe poteri sconosciuti, come quello di preservare ciò che contiene dall´azione del tempo e degli agenti chimici, biologici e fisici. Qualcuno ricorderà che alcune aziende hanno prodotto latte in contenitori a forma di piramide, ma pochi sanno che il tetra-pack, modernissimo materiale per confezionamento alimentare, è nato come tetra-classic di forma piramidale, perché si riteneva che quella forma garantisse una maggiore durata del latte.

A CHI ERANO DESTINATI I MISTERIOSI DISEGNI DI NAZCA? Nel deserto peruviano di Nazca, circa 500 km quadrati di terreno sono incisi con disegni che raffigurano strani simboli di uccelli, animali e esseri umanoidi. Sono così grandi ed estesi che è impossibile osservarli da terra: per individuarne le forme occorre sorvolare la zona dall´alto, con un aereo o un elicottero. Considerato che i disegni risalgono a 2000 anni fa, come fecero a tracciarli senza utilizzare mezzi aerei, a quale civiltà proveniente dal cielo erano dedicati?

L´ENIGMA DEI DINOSAURI - Ci raccontano che i dinosauri si estinsero circa 65 milioni di anni orsono, probabilmente per una catastrofe naturale che mutò il clima terrestre. Ben prima, quindi, che la prima scimmia antenata dell´uomo comparisse sulla Terra. Eppure, i reperti archeologici mostrano che gli uomini della preistoria disegnarono e modellarono i dinosauri. Cosa può significare? I dinosauri si estinsero molto più tardi di quel che si racconta, o gli esseri umani apparvero sul pianeta ben prima di quanto sostiene la scienza ufficiale?

LA VITA - Ci raccontano da decenni che la vita è nata nel "brodo primordiale", con il calore dei vulcani e i raggi del sole che attiravano processi chimici casuali negli oceani dai quali, un bel giorno, si è formato il primo organismo vivente in grado di replicarsi, e da allora una lenta ma implacabile evoluzione ha portato all´uomo moderno. Come mai, allora, gli scienziati moderni non riescono a "creare" la vita con tutti i moderni strumenti scientifici di cui disponiamo? Circa 2500 anni fa un filosofo greco, Anassagora, sostenne che i "semi" della vita erano parte dell´universo ed erano stati quei semi a fecondare la Terra. Alcuni biologi e astronomi dei nostri giorni hanno elaborato una teoria molto simile, quella della panspermia, secondo cui la vita sarebbe arrivata sulla Terra trasportata da meteoriti e detriti cosmici, se non da sonde di civiltà aliene. Cosa sapeva Anassagora per elaborare, già ai suoi tempi, una teoria scientifica così moderna? E ancora, il mistero di Atlantide, le stupefacenti carte geografiche di Piri Reis, le conoscenze astronomiche dei Maya, l´astronauta di Palenque... Si tratta di argomenti avvincenti, in grado di tenere impegnati per interi giorni nella lettura dei libri scritti da Daniken, Kolosimo e altri autori. Tuttavia, come avremo modo di verificare, per ciascuno di essi esiste una spiegazione scientifica. Talvolta alcuni misteri sono costruiti artificiosamente, decontestualizzando o falsificando prove e indizi. Quasi sempre la spiegazione scientifica è basata su elementi fondati e provati, ed è molto più verosimile di quella "alternativa". Esistono anche, però, misteri nei confronti dei quali la scienza può solo proporre una spiegazione più o meno plausibile ma non può dimostrarne la correttezza, e in qualche caso le spiegazioni alternative appaiono perfino più verosimili di quelle scientifiche. Cercheremo di approfondire gli uni e gli altri, per distinguere le bufale dai pochi, veri enigmi del nostro passato.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >