sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
7 Agosto 2009 ARCHEOLOGIA
Martin Doutré Liutprand.it
LE GRANDI SFERE INCISE DELLA NUOVA ZELANDA. Salviamo i massi di Silversdale!
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 14 min. circa

Nuova Zelanda – Per quasi quarant´anni, gli automobilisti che guidano fra Orewa e Silverdale sono stati intrigati da un insieme di massi sferici enormi a lato dell'intersezione che conduce alla penisola di Whangaparoa.

I massi, varianti da circa 3 a 10 m di circonferenza, erano argomento di considerevole polemica e di discussioni quando furono scoperti nel 1971. A quel tempo, si stava costruendo una nuova autostrada fra Silverdale e Orewa e l'ostacolo principale era la collina di Silverdale. Mentre il bulldozer e le altre macchine tagliavano la parte superiore della collina, incontrarono un insieme di circa di dozzina di grandi massi. Da allora in poi, il bulldozer hanno dovuto tagliare via il terreno che circonda le pietre per esporle. Successivamente i massi sono stati spostati giù al lato occidentale della collina, dove sono stati disposti in bell´ordine.

Ma c´era un problema esasperante da risolvere. I massi sferici enormi erano "concrezioni„, che possono "svilupparsi soltanto„ in un ambiente sedimentario del mare in milioni di anni. Per certi aspetti si sviluppano come una perla si sviluppa in un'ostrica. Una piccola pietra o un pezzetto di conchiglia, che si trova nel fango del mare, è rivestita da uno strato sottile di calcare e di sabbia, che poi s´indurisce col passare del tempo. Un secondo strato ricopre il primo e così via, fino a che l'oggetto originale rimane al centro di molte centinaia di strati di rivestimento.

Come accade da milioni di anni, il fondo del mare può allora essere spinto verso l'alto e trasformarsi in una parte di terra asciutta. Tuttavia, i massi rimarranno all'interno dello stesso materiale ricco di sabbia e calcare, da cui sono stati formati. Se sono trovati in mezzo all'argilla o ad altro materiale estraneo alla loro formazione e sviluppo, sono stati spostati, in qualche modo, verso quella nuova posizione.

Questa era una delle polemiche infuriate per alcuni giorni nel 1971. La prova visiva suggeriva che fosse stato l´intervento umano antico ad avere spostato i massi sino alla cima della collina, fatta di argilla giallastra. Gli operai erano intrigati dalla strana presenza dei massi e chiedevano al Soprintendente del Ministero dei lavori pubblici, Clarry Neville, come le pietre fossero arrivate. Il signor Neville non aveva risposte e disse loro semplicemente: "la vostra congettura è buona quanto le mie„.

Un altro elemento notato sui massi era che alcuni erano stati incisi con disegni geometrici. Era abbastanza evidente che gli esseri umani avevano praticato, anticamente, disegni ed intagli nelle superfici di un certo numero di pietre. Era ugualmente evidente che l´antica sistemazione delle concrezioni era stata persa da tempo, poiché tanto terreno si era accumulato intorno a loro da seppellirle completamente, sino a quando il Ministero dei lavori pubblici le ritrovò nel 1971.

Clarry Neville, è stato intervistato dai giornalisti riguardo al ritrovamento anomalo dei massi. Il sig. Neville ha dichiarato che non sapeva proprio in che modo avessero raggiunto la parte superiore della collina. Ha dichiarato che i geologi stavano per studiare la materia e preparare un rapporto dettagliato, ma l'idea era stata lasciata cadere e nessuna spiegazione soddisfacente era venuta dagli esperti.

La disposizione dei massi di concrezione appariva, effettivamente, come un fatto intenzionale. Essi erano disposti in una linea retta, che proseguiva attraverso l'istmo di Auckland per oltre 55 miglia. La parte di Auckland dell'allineamento antico corre dal Mt. William al South Auckland sino ad un monticello presso Moir´s Hill al Nord di Puhoi. Le altre strutture provvisoriamente finora identificate sotto questa linea sono il monticello a Totara Park in Manukau, l'alto monticello laterale a sud (cresta centrale) del Mt. Wellington, plausibilmente una sfera oggi spostata a Bastion Point, una gobba antica in cima a Okura Ridge, poi il gruppo di concrezioni a Silverdale. Dietro c´è il monticello della collina di Moir, che è vagamente visibile dalla posizione delle concrezioni a Silverdale quando il tempo è bello.

Nella foto 2:

1 – Posizione in cui due delle maggiori concrezioni e alcune più piccole frantumate si sono sedimentate e sono state ammirate dai passanti per quasi 40 anni.

2 – La linea bianca mostra come l'allineamento antico attraverso l'istmo di Auckland passi per la posizione di Silverdale. La grande intersezione delle strade trasversali ora si trova direttamente sotto la precedente parte superiore della collina in cui le concrezioni sono state trovate e il triangolo erboso ne indica approssimativamente la posizione.

3 – Nell'aprile 2009 i bulldozer hanno spostato le grandi concrezioni, "lontano dagli occhi – lontano dal cuore " giù sopra il lato della collina su uno scavo in cui un nuovo centro medico sta sviluppando. Il destino degli enormi massi è sconosciuto, ma le prospettive non sembrano buone. Quelli che sono sopravvissuti allo spostamento sopra la banca sono stati dati via dal County Council di Rodney ad un'azienda privata (Croce del sud).

Questi "manufatti„ sono proprietà pubblica ed il County Council di Rodney non ha il diritto di "darli semplicemente via„. Inoltre, le concrezioni incrinate e rotte devono avere loro superfici controllate con attenzione dagli archeologi per i segni dei graffiti e dei disegni incisi antichi, come quelli trovati su altri da questo gruppo di Silverdale.

Gettare soltanto via quelli rotti, senza studiarli a fondo, sarebbe un errore altamente irresponsabile. Da una semplice prospettiva geologica, entrare a dare un'occhiata nel cuore di una concrezione fornisce comprensioni importanti circa il modo in cui si formano in natura e quelle rotte dovrebbero essere conservate, almeno come sussidi didattici agli allievi di geologia.

Alcune delle concrezioni del demanio di Auckland, ottenute da questo gruppo di Silverdale, sono state incise molto fortemente attraverso le loro superfici esterne dagli antichi abitanti della Nuova Zelanda.

Questi antichi manufatti, che erano una volta una parte "di una struttura creata per uno scopo preciso„, ora affrontano un futuro incerto. Le autorità competenti del County Council di Rodney sono state minuziosamente informate circa l'importanza di queste pietre, ma hanno candidamente mentito, quando assicuravano che i massi antichi sarebbero stati conservati. Malgrado le false promesse, subito dopo le concrezioni sono state buttate con le macchine giù dalla collina ed hanno ricevuto danni nel corso del trattamento molto sommario.

Come "Humpty-dumpty„ le concrezioni frantumate devono essere rimesse insieme ancora, per quanto possibile. Tutti i massi superstiti devono essere messi in esposizione come icona locale, preferibilmente sull'isola d'erba nel mezzo dell'intersezione (con una barriera di sicurezza bassa che li circondi e che protegga dai guidatori disattenti).

Ora esaminiamo l´antico allineamento attraverso Auckland, di cui i massi di concrezione a Silverdale facevano parte.

Al sud di Auckland, il Mt. William (Puketutu) appare in lontananza "più grande della vita„ come il più alto punto, con le antenne radiofoniche che ne ornano l´alta sommità. Per chiunque che voglia esplorarlo, parecchi monticelli e pozzi antichi di avvistamento (fatti per gli allineamenti visivi) sono ancora in loco. Il complesso del Mt. William era un´area cruciale per gli allineamenti identificati che convergono intorno all'istmo di Auckland. I monticelli collegati in alto, intorno al Mt. William, servivano come obiettivi verso sud e verso ovest, come le colline di Pukemore e di Pukekohe a Huntly.

Nella foto 6: Due monticelli artificiali supplementari, lungo il percorso, presso il Mt. William. Essi servivano a marcare gli allineamenti attraverso l'istmo di Auckland o per obiettivi molte miglia a sud, attraverso la valle di Waikato. Le concrezioni di Silverdale erano un elemento del sistema generale che era stato installato migliaia di anni fa dalla gente pre-Maori.

Nella foto 7: Sul lato del grande monticello arificiale, molto antico, c´è questa pietra incisa. La figura della pietra è un´abbastanza tipica "pinna di squalo„ che si presenta in molti "siti di cerchi di pietre erette„ della Nuova Zelanda. Nella maggior parte dei casi le pietre sono trovate giacenti, come questa. Sia l'estremità aguzza della pietra, sia la configurazione profondamente incisa dell'indicatore o della freccia puntano direttamente alla collina di Pukekohe all'ovest.

Nella foto 8: Alla base orientale del monticello artificiale enorme è questa (mappa?) trovata su un masso da Wairua. La ragazza indica la rete complicata dei contrassegni incisi, chiaramente evidenti attraverso l´intera superficie, e l'unica ragione plausibile del disegno è che le linee rappresentassero una mappa della regione circostante. Uno studio attento potrebbe rivelare che si riferisce alle creste, ai percorsi, agli insediamenti, alle fonti d'alimentazione e d'acqua, ecc., nelle vicinanze e che sia stata messa là per i passanti. Queste strane pietre incise, prive di simmetria, sono state trovate dappertutto in Nuova Zelanda, anche lungo alcune strade litoranee molto lontano dalla pista o su creste boscose.

Stupefacente come i bambini sappiano trovare, come pure immediatamente riconoscere la natura anomala di questi massi incisi con linee, mentre i nostri archeologi non ne sono capaci.

L'antico allineamento dal Mt. William attraversa il monticello artificiale che l´antica popolazione pre-Maori di Patu-paiarehe ha costruito al parco di Totara, Manukau. Esso si dirige alle Teste di Manukau verso ovest e ad un monticello interno verso est. Inoltre ha un forte rapporto con le postazioni laboriosamente scavate sulla montagna di Mangere, ecc.

Il monticello del parco di Totara fu eretto di proposito in una posizione precisa dove un allineamento proveniente dalle Teste di Manukau (che si vedono in questa immagine fortemente ingrandita), che accarezzerebbe simultaneamente sia i bordi sud che nord. La depressione rispetto al livello del mare si trova ad un angolo di azimut di 260°. Il monticello era inoltre un osservatorio solare per l´alba e il tramonto dei solstizi e degli equinozi.

Nella foto 9: Ecco l´allineamento dall'incrocio col Mt. Wellington che sfiora il Mt. William nella posizione di un alto monticello dal lato sud. Di qui la linea attraversa il punto del bastione, in cui il cairn originale sembra essere stato saccheggiato per fornire i massi ornamentali per il giardino del centro medico. I massi al punto del bastione ora si trovano fuori linea, ma ragionevolmente vicino a dove dovrebbero essere.

La freccia rossa mostra la posizione della trincea della cresta del Mt. Wellington. Nel pomeriggio dell'equinozio (d´autunno o primaverile), il sole scende esattamente nella trincea dalla posizione dell'osservatore sulla collina dello Stockade in Howick. Gli ingegneri militari britannici (verso gli anni 1860), hanno dovuto rimuovere le vecchie pietre dell'indicatore di Patu-paiarehe quando hanno costruito la ridotta (posizione difensiva). Alternativamente, il sole dell´equinozio può essere osservato salire dalla trincea del Mt. Wellington o dalla posizione dell'osservatorio alla pietra diritta antica in cima al Mt. Albert.

Nella foto 10: In questo montaggio, l'immagine di sinistra superiore mostra una vista ingrandita del disegno su un obelisco di Bombay (Auckland del sud), mentre l´immagine di destra mostra una vista ingrandita del disegno sulla seconda più grande delle concrezioni sopravvissute di Silverdale (recentemente rotolate sopra un banco). Entrambi i modelli sono come una spirale a coclea appiattita o serpente, i disegni curvano sui lati per formare lo strato ascendente seguente. Un modello molto simile è trovato su un grande masso (al centro) alla porta orientale di Knowth in Irlanda, che data al 3150 a.C. Inoltre, le ultime tre foto mostrano un obelisco con iscrizioni "Ogham„ della Gran-Bretagna. Si può vedere che la forma a spirale appiattita o stratificata è utilizzata per le lettere di un alfabeto in questa forma antica di scrittura.

Nella foto 11: Il disegno a spirale impilato o serpeggiante è vagamente apparente su questa pietra molto rovinata dal tempo, a Hokianga, Nuova Zelanda del Nord.

Nella foto 12: Una spirale impilata o serpeggiante più alta di scarsa larghezza appare su questo masso di concrezione del gruppo di Silverdale, in mostra all'università di Auckland. L'università mostra un gran rispetto per questomasso e lo ha montato su un basamento di calcestruzzo per salvaguardarlo dall'incrinamento o dal rotolamento, causato dal suo proprio peso. Il Rodney County Council ha ereditato gli esempi migliori o "le migliori scelte casuali" di queste meraviglie della natura, ma le ha trattate con disprezzo.

Nella foto 13: Ecco alcuni campioni di incisioni, trovate sulle concrezioni di Silverdale scoperti nel 1971. 1. Una "X„ costituita da linee traversali incise. Inoltre ha un puntatore a freccia che l´attraversa sulla diagonale. 2. Un insieme di linee parallele con le linee deboli che si ramificano fuori. Il disegno è rievocativo di scrittura Ogham. 3. Una freccia molto lunga, estesa per parecchi piedi sopra un masso, suggerente un percorso fino una certa posizione. Un masso molto inciso sulla via di Stanley, in particolare, sembra visualizzare tutti gli attributi di una mappa.

Nella foto 14: Quattro massi di concrezione posti in un parco all'entrata di Auckland. Grazie al Consiglio di città di Auckland, i massi ricevono il rispetto che meritano e una piastra d'ottone esplicativa è stata disposta al lato dell'esposizione. Sulla piastra si legge: "Questi massi, conosciuti tecnicamente come concrezioni, si sono sviluppati in sabbia porosa sotto terra. Il Calcare (CaCO) trasportato in soluzione in acqua sotterranea è precipitato fra i grani di sabbia come cemento. Vengono da rocce di circa 60 milioni di anni. Questi massi particolari sono stati ottenuti per cortesia del Ministero dei lavori pubblici dalla proprietà del sig. A.H. Grut di Silverdale„. Ogni masso qualche linea retta incisa sulla propria superficie. Quello in primo piano è inciso molto da singole linee, da doppie linee parallele, da linee incrociate e da frecce. Forse rappresentava una mappa per i viaggiatori con le posizioni antiche nelle vicinanze di Silverdale?

Molti antichi massi di concrezione sono stati usati come osservatori solari o altri tipi di indicatori di posizione, nella Nuova Zelanda del Nord, da Silverdale-Waiwera al distretto di Dargaville a Mangamuka vicino a Kaitaia. I massi rotondi, comprese alcune concrezioni, sono stati utilizzati come indicatori nel delta di Diquis del Costa Rica in una remota antichità. Sono stati utilizzati similmente dal Messico in Bosnia, in Europa continentale.

ALCUNE VERITÀ DOMESTICHE PER I FUNZIONARI DEL COUNTY COUNCIL DI RODNEY.

Il personale del Consiglio di città di Auckland ha avuto l´accortezza e l'intelligenza di conservare i massi di concrezione "acquisiti„ dal ritrovamento del 1971, di Silverdale, a differenza del County Council di Rodney che è stato grossolanamente carente nel suo dovere sin dal primo giorno. In uno sguardo retrospettivo, il Consiglio di Auckland avrebbe fatto meglio a sistemare tutte le sfere all'entrata della Stanley Street.

Gli archeologi che offrono la loro consulenza a Rodney, per un motivo inspiegabile, non hanno notato le antiche incisioni che sono così chiaramente visibili sulle superfici di parecchi massi del gruppo di Silverdale.

Finora, nessun membro del Consiglio di Rodney (durante quasi quaranta anni), ha compiuto un solo gesto per conservare queste formazioni uniche di concrezioni come un'attrazione turistica utilizzabile o come elementi d'esposizione per gli scolari in visita per motivi geologici.

La conoscenza di una certa geologia di base dovrebbe avvisare gli assistenti tecnici del Consiglio di Rodney che il fatto di aver trovato una dozzina circa di massi di concrezione in cima alla più alta collina d'argilla del distretto costituisca in qualche modo un'anomalia degna di ricerca scientifica.

Anche la stampa, nel 1971, riconobbe la probabilità che questi massi fossero stati presi e disposti sulla parte superiore della collina tramite intervento umano ad una certa epoca molto antica. Il ritrovamento avrebbe avuto la potenzialità di "cambiare la storia„.

Archeologia proibita

E quella, mondo, è la condizione abissale della borsa archaeological e storica che siamo costretti a resistere a in Nuova Zelanda. Gli idioti istruiti, deposti le uova dal nostro sistema universitario, assolutamente sono indottrinati per essere "politicamente correggono„ e non si concedono vedere qualche cosa nel paesaggio che riduce le politiche "di indigeno-parti di destra„ delle Nazioni Unite. Molte centinaia di anomalie registrate, come quelle connesse con i massi di Silverdale, non si concedono alcuna menzione onorata o ricerca scientifica, affinchè non minaccia in qualche modo la vista trincerata che maori erano gli abitanti originali della Nuova Zelanda. Il fatto è che gli storici maori sono stati molto aperti nell'ammissione che non erano i primi residenti della Nuova Zelanda, ma hanno incontrato una civilizzazione stabilita lunga viventi durante il paese, che hanno denominato "gli stonebuilders„ o "gli ispettori„. Le tradizioni orali maori descrivono gli abitanti originali come "il uru-kehu„&"il kiri-puwhero„... rossastro, dorato hanno tinto i capelli - rossastri, luce - pelle complexioned... con tinte blu, verdi ed altre tipico Caucasoid-Europee di occhio-colore).

Nella foto 15: Ecco un esempio delle migliaia di scheletri caucasici dei "cacciatori di Moa„ che possono ancora essere trovati in caverne di sepoltura nella Nuova Zelanda. Poiché questi scheletri sono molto differenti per la fisiologia dai maori polinesiani, non è permessi il loro studio e "ufficialmente„ non esistono. Quando ritrovamenti come questo sono segnalati alle autorità i resti si distruggono o sono rimossi verso luoghi segreti e nuovamente sepolti.

Per leggere le nuove scoperte si rimanda in fondo alla pagina della pagina web http://www.liutprand.it/articoliMondo.asp?id=264


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >