sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
3 Giugno 2004 ARCHEOLOGIA
Zooba Storia Antica e Medievale
Hatshepsut, la donna che divenne un faraone
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Fonte: Zooba Storia Antica e Medievale.

La regina Hatshepsut (1526-1483 a.C.) fu una presenza scintillante sul trono dell´antico Egitto, una donna vestita da faraone, il che implicava abiti maschili e finta barba.

Il comportamento non convenzionale, comunque, divenne routine per l´ambiziosa regnante che frantumò una tradizione durata 1600 anni, dichiarando se stessa primo re donna della storia della sua nazione.

Alla morte di suo marito e fratellastro (era comune a quei tempi per i membri delle famiglie regnanti egiziane sposarsi tra sé per preservare una dinastia), Thutmose II nel 1504 a.C., Hatshepsut fu nominata reggente, o regnante facente funzioni, fino al momento in cui il suo giovane nipote Thutmose III sarebbe cresciuto abbastanza per prendere il trono. Ma sei anni più tardi lei depose effettivamente suo nipote dichiarando di essere stata incoronata Faraone dal suo antico e grandemente riverito padre, Thutmose II. E dichiarò anche che il suo "secondo padre" non era niente meno che il dio Amun, una storia abbastanza assurda ai giorni nostri, ma assolutamente attendibile in una società fondata su un particolare politeismo come l´Egitto.

Hatshepsut consolidò la sua posizione sul trono stabilendo alleanze con le figure più potenti della corte, incluso il famoso architetto Senemut, che in affermazione della "divina concezione" di Hatshepsut, disegnò un enorme e stravagante tempio mortuario per il nuovo Faraone, che lei indicò come "una giardino dedicato a mio padre Amun". Le sue terrazze colonnate inserite in un anfiteatro di pietra naturale rappresentarono uno stile unico per l´architettura Egiziana.

Ormai con pieni poteri faraonici, Hatshepsut creò il precedente più sorprendente, abbandonando la sua tomba ancora non ultimata nella Valle delle Regine per costruirsene una nella Valle dei Re. Ma Hatshepsut, in ultimo, dovette pagare un prezzo di gran lunga maggiore che il saccheggio di una tomba per la sua sovranità proibita. Alla sua morte, nel 1483 a.C., Thutmose III, il nipote a cui aveva strappato il trono, espresse il suo oltraggio distruggendo i suoi magnifici monumenti e spaccando le sue statue e obelischi. L´ultima umiliazione, comunque, fu il tentativo di eliminare Hatshepsut dalla storia, cancellano il suo nome dall´antica lista incisa nella pietra dei nomi dei Faraoni Egizi.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >