sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
27 Febbraio 2009 ARCHEOLOGIA
Emily Sohn Discovery Channel
L'antica alluvione del Mar Nero: Piccolo evento o grande Calamità?
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Qualcosa è accaduto lungo le rive del Mar Nero, circa 9500 anni fa. Secondo una teoria, un enorme alluvione allagò improvvisamente il paesaggio, costringendo alcuni dei primi agricoltori del pianeta a spostarsi altrove. Un nuovo studio dipinge un quadro diverso.

"Direi non c'è mai stata una grande alluvione", ha detto Liviu Giosan, un geologo del Woods Hole Oceanographic Institute di Cape Cod, Mass., direttore del gruppo che ha condotto lo studio. "Abbiamo dimostrato che sarebbe impossibile".

Il nuovo lavoro accende un vivo dibattito sulla storia geologica del Mar Nero. La ricerca si è estesa ad altre parti del mondo, e molte questioni restano su come i livelli delle acque hanno fluttuato nel corso degli anni.

Questo è un posto unico. Il Mar Nero è un mare interno, circondato da Turchia, Georgia, Russia, Ucraina, Romania e Bulgaria. Era una volta un lago di acqua dolce circondato da ricchi e fertili pianure. Ma circa 9500 anni fa, il livello del mare è aumentato a causa del riscaldamento del clima, che provocò il riversamento d'acqua salata dal bacino del Mediterraneo attraverso il Mar di Marmara.

I fossili mostrano chiaramente il passaggio da specie di acqua dolce a specie d'acqua salata verso quel tempo. Che il cambiamento fosse avvenuto gradualmente o fosse drammatico, però, è qualcosa che gli scienziati stanno ancora discutendo.

I dettagli sono oscuri perché, per decenni, i sovietici hanno attentamente controllato tutti coloro che operavano nella regione, ha detto Giosan, nativo della Romania. Gli studi finanziati dai sovietici sono stati pubblicati nel corso degli anni, ma i documenti erano scarsi di informazioni sui metodi di studio, rendendo le loro conclusioni inattendibili.

A metà degli anni 1990, il geologo della Columbia University William Ryan collaborò con i ricercatori russi e turchi per studiare la geologia della regione del Mar Nero per la prima volta con metodi aggiornati. Basandosi su sette principali osservazioni in merito alla registrazione delle rive e fossili, il gruppo concluse che vi era stata una massiccia, catastrofica inondazione, che fu ribattezzata "il diluvio di Noè". La teoria è stata quanto mai controversa.

Giosan e colleghi affrontato la questione in modo nuovo. Invece di guardare sott'acqua, come gli studi precedenti hanno fatto, hanno perforato sino a 42 metri (140 piedi) nel delta del Danubio - una pianura formata dei sedimenti depositati dal Danubio che si riversa nel Mar Nero . Strato dopo strato, i loro campioni sono risaliti a più di 10.000 anni - il che consente ai ricercatori di vedere ciò che è accaduto prima e dopo l'alluvione.

Con la datazione degli strati dei sedimenti così come delle conchiglie ancora chiuse (il che indica che gli animali sono stati conservati e sepolti nello stesso luogo in cui hanno vissuto), il gruppo di Giosan ha stabilito che il Mar Nero era 30 metri (98 piedi) al di sotto del suo livello attuale al tempo del diluvio, e non 80 metri (262 piedi), come sostiene il gruppo di Ryan. Ciò suggerisce che l'inondazione fosse molto meno importante di quanto pensato inizialmente.

"Si sposta l'equilibrio di elementi di prova di questo evento e - scadendo dall'ipotesi di un grande evento catastrofico - ci appare come un non grande evento", ha detto l'oceanografo Mark Siddall, dell' Università di Bristol, nel Regno Unito.

Ryan rimane scettico sul nuovo studio, che egli ha detto dipendere in gran parte dall'analisi di due gusci di mollusco che sono stati completamente distrutti dal lavoro, non lasciando alcuna possibilità di controllare i risultati. Giosan ha detto di aver invitato Ryan a unirsi a lui nel tentativo di replicare ed estendere i risultati con altre perforazioni nel delta del Danubio.

Ora che la zona è aperta alle imprese, gli scienziati sperano che l'acquisizione di un quadro più chiaro del passato del Mar Nero li aiuterà a raggiungere il fondo di un'altra importante domanda: Quanto il cambiamento climatico ha contribuito alla storia della regione, e che cosa riserva il futuro?


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >