sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
16 Gennaio 2002 ARCHEOLOGIA
cnn.com
Ballard: Il Mar Nero è un museo di relitti antichi
tempo di lettura previsto 3 min. circa

NEW YORK (CNN) L´esploratore sottomarino Robert Ballard, meglio conosciuto per aver trovato i resti della nave da crociera Titanic, ed il suo gruppo, stanno concentrando la loro attenzione su quello che si ritiene essere uno dei più antichi relitti mai trovati.

La nave, scoperta la scorsa estate, affondò in un periodo compreso tra il V ed il III secolo a.C. nel Mar Nero, a largo della costa di quella che è adesso la Bulgaria.

Ballard, presidente dell´Istituto d´Esplorazioni all´Acquario di Mystic nel Connecticut ed esploratore-in-residenza del National Geographic, ha discusso della scoperta e del suo significato con l´inviato della CNN Bill Hemmer.

HEMMER: Avete semplicemente scansionato l´acqua alla ricerca di qualsiasi cosa, o sapevate che era opportuno guardare là?

BALLARD: Abbiamo un grosso gruppo di ricercatori all´Università di Pennsylvania, e Rhode Island. Stiamo studiando una rotta commerciale che sappiamo essere stata usata dai Greci nel corso di III, IV e V secolo a.C. Il naufragio si verificò poco dopo che Alessandro il Grande aveva conquistato il mondo civilizzato; ed il Mar Nero era molto sfruttato allora per la sua pescosità. Vi sono prove in quel che la nave stava trasportando abbiamo trovato all´ interno [di una di] queste anfore [giare a due manici] un pesce gatto di otto piedi che era stato filettato in bistecche di pesce salate.

Il nostro gruppo ha potuto identificare le specie di pesce e vedere i segni dei tagli sulle sue ossa. Tornavano indietro, probabilmente dalla Crimea, e ciò sebbene la nave fosse probabilmente originaria della Turchia centro-settentrionale, poiché sappiamo che queste anfore furono prodotte a Sinop.

Abbiamo usato il sottomarino dopo averla rilevata con il sonar stavamo lavorando con l´Istituto Bulgaro di Oceanografia in loco. Abbiamo svolto una missione di sottomarina e riportato a galla questa giara... ed in essa vi erano le bistecche di pesce.

HEMMER: Ha menzionato l´importanza della scoperta. Quanto è significativa? Cosa ci insegna circa la storia della Terra a quel punto?

BALLARD: E´ accaduta immediatamente dopo l´ascesa greca, la massima altezza dell´impero Greco. E´ chiamato Periodo Ellenico; i greci avevano colonie sparse per il Mar Nero, e riportavano il pesce indietro dalle colonie, similmente a quanto accadde nell´impero inglese.

HEMMER: Quali sono le condizioni della nave?

BALLARD: Questa è un´area interessante. Si vede il legno. Normalmente, non è possibile vedere il legno. Normalmente, in un ambiente tipico, alcune delle scoperte che abbiamo fatto in passato, il legno non sopravvive per via degli organismi che del legno si nutrono. La tolda del Titanic era mangiata, le grandi scale erano mangiate.

Ma qui siamo in presenza di acqua anossica [priva di ossigeno] che non permette alla vita di esistere, così il legno può mantenere un alto stato di preservazione.

HEMMER: E´ questa una condizione esclusiva del Mar Nero?

BALLARD: Si, è veramente unico. Il Mar Nero non ha uguali sul pianeta. E´ un vero Museo di Storia.

HEMMER: Ricorda cosa hanno trovato a largo delle cose dell´Egitto settentrionale pochi anni or sono... Alessandria. E´ una situazione simile?

BALLARD: Con la pietra è differente, la pietra non viene mangiata. Queste sono navi di legno. Ed in fatti, solo poco più in profondità, abbiamo individuato un altro vascello con l´ albero maestro ancora eretto. E stiamo pianificando di tornare indietro con il National Geographic, il NOAA [National Oceanic and Atmospheric Administration] e l´Esercito per svolgere i primi scavi su una nave antica nel mare profondo.

HEMMER: Cosa vi aspettate di trovare nel prossimo futuro?

BALLARD: Andremo a dare uno sguardo di ciò che si trova all´interno, e sono certo che le sorprese non mancheranno.

HEMMER: Qualche previsione?

BALLARD: Credo potremo trovare alcuni membri dell´equipaggio. Abbiamo una mostra sontuosa all´Acquario di Mystic, e dovete venirla vedere perché abbiamo impegnato molte delle nostre risorse in essa.