sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
7 Settembre 2001 ARCHEOLOGIA
La redazione di La Porta del Tempo
Una città fortificata di 6500 anni fa è la più antica dell´arcipelago di Andros
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Quella che è probabilmente il primo insediamento fortificato nell´Egeo ed un dei più vasti del suo tempo in Grecia, è stato trovato sull´isola di Andros, secondo quanto riferito ieri dal ministro della Cultura.

L´insediamento risalente a 6500 anni or sono a Strofilas, che occupa una piana sul lato occidentale dell´isola, dovrebbe gettare luce sul periodo poco conosciuto della storia Egea che precedette immediatamente la sofisticata civiltà Ciclade, con le sue impareggiabili sculture di marmo, che fiorì nel centro dell´arcipelago nel corso del terzo millennio a.C.

"Da questi ritrovamenti, concludiamo che si tratti dell´insediamento più grande, meglio preservato e organizzato, oltre che densamente popolato, del periodo Neolitico, che sia mai stato trovato nell´arcipelago dell´Egeo" ha riferito il Ministro.

Anche se successivo alle città neolitiche di Tessalonica, il sito di Strofilas è circa 1500 anni più antico del primo insediamento di Troia, e precede la civiltà di Micene di circa tre millenni.

La scoperta di parecchi oggetti di rame indica un´industria metallurgica altamente sviluppata nell´arcipelago, in una data di molto anteriore a quanto gli archeologi avessero creduto finora. In più, la presenza di implementi di rame metallo ancora molto raro in un tempo in cui la pietra era il materiale principale per gli utensili permette di inferire un alto grado di sviluppo, che probabilmente derivava dai commerci con il resto delle isole, con l´Attica e la terra madre.

La porzione più densamente costruita dell´insediamento, copre da 2.5 a tre ettari, e risale alla parte finale del Neolitico (4.500-3.300 a.C.)

Gli archeologi hanno dissotterrato una cinta di 100 metri di mura di pietra con scopi difensivi, spessi tra 1.6 e 2 metri, che si innalza fino a due metri. Forse la figura più sorprendente è un ingresso ampio un metro e mezzo, fiancheggiato da bastioni di protezione ellittici. Una struttura simile si trova nell´insediamento fortificato sulla cima della collina di Kastri, nella vicina isola di Syros; ma è stata costruita oltre due migliaia di anni dopo nel corso della seconda metà del terzo millennio a.C.

L´insediamento stesso, costruito nelle vicinanze dell´isola in posizione defilata rispetto alla solita locazione costiera, consiste in un ampio edificio di pietra absidato e rettangolare, preservato in alcuni tratti fino all´altezza di un metro.

Secondo i ritrovamenti dall´unico altro insediamento conosciuto, anche se comunque più tardo, della fine del neolitico, nelle Cicladi, sul promontorio di Kephala, la comunità dell´isola a quel tempo, consisteva di coltivatori, pastori e pescatori, che mangiavano cereali, carne di bue, capre, maiali e pesci, erano maestri nella produzione di vasi, anche di marmo di raffinata qualità, e che erano seppelliti in cimiteri ben organizzati.

La gente di Strofilas traeva la propria fortuna da una terra fertile, in un ambiente lussureggiante e ricco di sorgenti e corsi d´acqua.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >