sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
22 Marzo 2005 ARCHEOLOGIA
floridatoday.com
LO SCAVO DELL´ISOLA DI MERRITT RIVELA EVIDENZE DI ANTICHI VILLAGGI
tempo di lettura previsto 3 min. circa

La vanga di Larry Anders gratta attorno alla soffice sabbia aranciata con la precisione di un bisturi da chirurgo.

Ogni colpo recupera sottili strati di tempo, e indizi sul modo in cui gli umani vissero una volta sull´Isola di Merritt, più di 3, 000 anni prima di Cristo.

"Non sapere cosa si trova al prossimo livello ci spinge a continuare a cercare" spiega Anders, uno delle decine di volontari della Società Antropologica del Fiume Indiana, che scava quasi ogni weekend nell´Area di Conservazione di Pine Island.

Lo scavo è iniziato nell´ottobre 2003, quando la Commissione Storica della Contea di Brevard ha chiesto a Thomas Penders, archeologo professionale, di verificare il significato storico dell´Isola di Pine. Volevano assicurarsi che i lavori per la posa di infrastrutture e costruzioni non avrebbero disturbato alcuni dei reperti.

Penders si attendeva reperti risalenti alla fine dell´800. Ha trovato invece molto di più.

Di 198 piccoli fori di prova, tutti eccetto quattro - hanno rivelato reperti archeologicamente significativi, tra cui cocci di ceramiche di 3, 000 anni or sono, una punta di lancia di corallo di 5, 000 anni or sono fossilizzata, e gusci di tartarughe bruciate di età non precisate.

Questo mese, una nuova sorprendente scoperta: una serie di macchie sul suolo a forma di anello, ad indicare una sequenza di pali di legno, e pertanto, di una struttura.

Ora Penders si attende di riportare alla luce un villaggio.

"E´ un sito estremamente importante. Abbiamo qui 5, 000 anni di storia. Ha il potenziale per essere uno dei siti più importanti dell´intera Contea di Brevard" ha dichiarato Penders.

Non molto è noto su coloro che vissero una volta su questa sporgenza di Merritt Island, che abbraccia la Laguna del Fiume River. I primi umani la cui presenza è confermata in Florida, vissero circa 13, 500 anni or sono.

Per via del calo del livello delle acque, la Florida era due volte più grande, con una linea di costa 30 miglia più ad est di oggi. La laguna sembrava una savana africana, probabilmente dotata solo di qualche bacino d´acqua dolce o fiume.

Piccoli gruppi di popoli nomadi potrebbero avere viaggiato fino a qui per seguire e nutrirsi dei mammiferi al pascolo, come i cervi.

Circa un anno or sono, gli operai della contea hanno trovato ossa fossili dell´Era Glaciale, di mammiferi estinti da tempo, poco a nord dello scavo. (...) Sono state trovate le ossa del piede di un armadillo di 5 piedi, gusci di tartaruga gigante, ossa delle gambe e denti di mammut, mastodonti, cavalli, tapiri, pecari, cervi, e ossa di cammello fossili,

"La gente non riesce a realizzare che i cammelli evolsero qui e si spostarono verso ovest" spiega Penders.

Il Museo di Storia Naturale della Florida di Gainsville ha determinato che i fossili spaziano da 10, 000 a 100, 000 anni or sono, ha dichiarato Richard Hulbert, direttore della collezione al dipartimento di paleontologia dei vertebrati del museo.

Tracce di fossili dell´Era Glaciale sono state trovate presso le sorgenti della Florida, in grotte ed antiche fosse, spiega Hulbert. Ma i primi di quest´area sono significativi in quanto aggiungono indizi notevoli circa la storia archeologica dell´area.

La maggior parte delle ceramiche trovate al sito risalgono ad un periodo chiamato Malabar 1, dal 500 a.C. al 750 d.C. Ciò significa che gli abitanti di Merritt Island predatano gli Indiani di Ais, che vivevano qui quando gli Spagnoli esplorarono la Florida nel ´500.