sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
19 Dicembre 2004 ARCHEOLOGIA
kansas.com
FIGURE INCISE NELLA PRATERIA NARRANO LA STORIA DI ANTICHE FEDI
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Molto tempo prima che gli Europei camminassero sul suolo del Kansas, i Nativi Americani celebrarono la prateria e le sue notti stellate di Dicembre.

In alcuni casi, questi indiani, di più di mille anni or sono, scavavano intaglios figure animali mediante ampie trincee lungo i fianchi delle colline attraverso lo stato, e costruivano circoli per riunioni e per danzare durante le cerimonie rituali.

Il solstizio d´inverno 21 dicembre racchiudeva un tremendo significato per gli antichi abitatori del Kansas, ha spiegato Sue Cowdery, del Museo di Antropologia Holmes alla Wichita State University.

Mentre il Kansas oggi può celebrare le feste invernali secondo le tradizioni della Cristianità, del Giudaismo e dell´Islam, le tribù preistoriche del Kansas come i Quivira onoravano questo tempo in un modo del tutto peculiare.

Questo può essere il modo in cui vivevano nelle pianure del Kansas:

"Si accorgevano che la luce del giorno diminuiva giorno dopo giorno e sembrava quasi che la Terra si avviasse alla notte senza fine" spiega la Cowdery. "Ci si aspettava un tempo per il rinnovamento della terra, e lo si propiziava con cerimonie e preghiere."

Non appena i giorni si facevano più corti e le notti più lunghe, i popoli indiani delle pianure lasciavano le piccole comunità familiari, e partivano per le praterie a caccia di bisonti.

"Era il tempo in cui i nonni narravano le storie della storia del mondo, e intrattenevano i bambini lasciati alle loro cure" ha spiegato Cowdery.

Il cielo assumeva in questo modo un grande significato, sostiene Donald Blakeslee, professore di archeologia alla Wichita.

Le posizioni delle stelle e dei pianeti, nel cielo invernale, potrebbero essere stati parte delle storie che i primi indiani si trasmettevano di generazione in generazione.

Diciamo "potrebbe", poiché molte di queste cerimonie e storie si sono perse quando gli insediamenti Europei mutarono il volto della prateria. Le tribù furono spinte in riserve e malattie e fame ne sterminarono la popolazione.

"Non abbiamo informazioni perché nessuno ha mai posto loro la domanda giusta al momento giusto, prima che andassero incontro alla loro fine, e perdessero così le loro tradizioni" ha spiegato Blakeslee.

E gli intaglios come il serpente presso Lyons che tiene una palla in bocca, un altro serpente presso il Lago Waconda, e quattro nella Contea di Sedgwick che ritraggono una tartaruga, una papera e due bruchi sono tutti simbolici.

Seppure i resti degli intaglios possano ancora essere viste sull´attuale panorama del Kansas, ha spiegato Blakeslee, sono situati su terreni privati. Potrebbero essercene stati di più, ma le praterie sono state arate per far spazio ai raccolti, e così gli intaglios sono spariti.

Eppure, possono evidenziare connessioni con altre culture attorno al mondo.

Blakeslee traccia l´inevitabile paragone tra i circoli del Kansas e altri circoli come Stonehenge in Inghilterra. Gli intaglios potrebbero essere stati calendari sacri che il sole colpisce in certi punti durante i solstizi invernale ed estivo.

"I popoli nativi del Messico collegano il bruco a meteoriti e piogge di meteore hanno una precisa controparte celeste" ha spiegato Blakeslee.

I primi Indiani Quivira e Pawnee nel Kansas, potrebbero avere condiviso simili storie della creazione.

Janel Cook, direttore del Museo di Quivira-Coronado a Lyons, ha dichiarato che per molte culture il serpente era simbolo di morte e rinascita.

"Ci riferiamo ai serpenti che andavano in letargo in inverno, non troppo tempo fa. Molte culture credevano morisse, per poi rinascere a nuova vita in primavera" ha aggiunto.