sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
13 Luglio 2006 ARCHEOLOGIA
La redazione di La Porta del Tempo
L´English Heritage svela al pubblico le prime foto aeree di Stonehenge
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

L´English Heritage celebra il centenario delle prime fotografie aeree di Stonehenge con un´esposizione dedicata interamente al celebre sito neolitico. Dozzine di fotografie antiche e moderne racconteranno la storia delle prime immagini ed esploreranno il mondo di fotografia aerea nei periodi Vittoriano, Edwardiano e al tempo della guerra in Gran-Bretagna e tenteranno di spiegare come abbiano aiutato la nostra comprensione di 6.000 anni di storia e di preistoria britannici.

"La fotografia aerea è fondamentale per comprendere lo sviluppo umano nel paesaggio intorno a Stonehenge, " ha detto Dave Batchelor, archeologo esperto di Stonehenge presso l´English Heritage.

Il tenente Phillip Henry Sharpe della sezione dell'aerostato degli assistenti tecnici reali scattò le prime tre foto aeree del famosos sito da un aerostato nel 1906. Era di base alla sezione aerea degli aerostati reali ad appena un miglio da Stonehenge, al tempo in cui i palloni aerostatici erano l´unico mezzo e l'aeronautica ad ala fissa era ancora di là da venire (il Corpo reale di volo - successivamente la RAF fu fondato nel 1912).

foto aerea nera e bianca di stonehenge

Dopo che le foto furono pubblicate sulla rivista della società degli antiquari nel 1907, gli archeologi gradualmente realizzarono il valore della fotografia aerea come tecnica chiave per scoprire, registrare ed interpretare le tracce del passato. foto aerea di colore di stonehenge

"Oggi l'indagine aerea è l´elemento più importante nella scoperta dei siti archeologici di questo paese" ha dichiarato Pete Horne, direttore dell'indagine aerea e ricerca presso l´English Heritage.

Centinaia di nuovi siti vengono riscoperti ogni anno con il programma di tracciatura del territorio nazionale dell´English Heritage, a cominciare dai siti neolitici per arrivare alle ville romane, ai villaggi medioevali e agli avamposti della seconda guerra mondiale.

"Gli esperti studiano le nuove fotografie così come quelle vecchie, usando la loro abilità di interpretazione, di tracciato e di analisi per evincere le informazioni che contengono, " ha aggiunto Pete. "Come conseguenza, scopriamo più circa il passato e guadagniamo una comprensione più grande nei cambiamenti che sono avvenuti."

La nuova mostra, "100 anni della scoperta", si troverà su esposizione a Stonehenge dal 1* al 7 di agosto 2006 e di qui partirà per un tour di altri cantieri archeologici curati dall´English Heritage intorno al paese.