sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
30 Dicembre 2017 ARCHEOLOGIA
Nevine El-Aref http://weekly.ahram.org.eg
Un anno di molte scoperte
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 11 min. circa

Egiziani egiziani e stranieri che hanno effettuato scavi in ​​siti archeologici in tutto l'Egitto hanno realizzato più di 30 scoperte quest'anno.

La coincidenza ha sempre avuto un ruolo importante nel fare nuove scoperte. Tra gli esempi più famosi ci sono la scoperta della tomba del re-ragazzo Tutankhamon sulla riva occidentale del Nilo a Luxor, la collezione funeraria della madre del faraone Khufu Hetepheres, il cimitero dei piramidi sull'altopiano di Giza e la valle delle Mummie d'oro nell'oasi di Bahareya.

Quest'anno, la coincidenza ha portato alla scoperta di oltre 30 tesori, cosa che ha fatto del Ministero delle Antichità descrivere il 2017 come "l'anno delle scoperte".

"Sembra che i nostri antichi antenati egiziani diano le loro benedizioni all'economia dell'Egitto, dal momento che queste scoperte vanno bene per il paese e la sua industria del turismo", ha dichiarato ad Al-Ahram Weekly il ministro delle Antichità Khaled El-Enany .

Ha detto che molte nuove scoperte sono state fatte. Nell'area di Gabal Al-Selsela ad Aswan, 20 tombe sono state scoperte da una squadra dell'Università di Lund in Svezia, ad esempio, mentre a Luxor una missione egiziana-giapponese ha scoperto la tomba di uno scriba reale.

Una missione egiziana-tedesca a Matareya, al di fuori del Cairo, ha fatto scalpore internazionali quando ha scoperto frammenti di una colossale statua del faraone Psamtick I.

Una missione egiziana del Ministero delle Antichità ha scoperto le parti interne di una piramide della XIII dinastia, nonché i resti di una sepoltura che un tempo sarebbe stata all'interno della piramide.

Nel sito archeologico di Tuna Al-Gabal a Minya, una missione dell'Università del Cairo si è imbattuta in una cachette di mummie non reali di uomini, donne e bambini sepolti in catacombe a otto metri sotto il livello del suolo nel deserto vicino alla necropoli locale di uccelli e animali.

"Questa scoperta ha cambiato la nostra comprensione del sito Tuna Al-Gabal", ha detto El-Enany al settimanale, aggiungendo che a Luxor erano state fatte molte altre importanti scoperte. Una missione egiziana europea che operava ai Colossi di Memnon e al tempio funerario di Amenhotep III aveva portato alla luce 136 statue della dea Sekhmet, la maggior parte delle quali a grandezza naturale, oltre a una bella statua in alabastro della regina Tiye, moglie di Amenhotep, scolpito sul lato di una colossale statua del re.

Una squadra dell'università di Jaen in Spagna ha anche scoperto la tomba di un funzionario ad Assuan. Una missione spagnola nella Tebe occidentale ha scoperto i resti di un giardino funerario, un primo nella storia della zona.

Una missione del Ministero delle Antichità si è imbattuta nelle collezioni funerarie quasi intatte di Amenemhat, l'orafo del dio Amun-Re e di Userhat, cancelliere di Tebe durante la XVIII dinastia, nella necropoli di Draa Abul-Naga a Luxor. La missione ha anche scoperto due tombe non ancora identificate che sono particolarmente ricche nelle loro collezioni funerarie.

"Questi reperti non sono solo una questione di fortuna, ma sono il risultato del duro lavoro degli archeologi in tutto il paese che lavorano in condizioni a volte molto difficili", ha detto El-Enany. "Le antichità sono il potere morbido che distingue l'Egitto", ha aggiunto, sottolineando che le notizie di nuove scoperte catturano sempre i titoli e l'attenzione di tutto il mondo.

TROVA LE SCOPERTE: Tra queste scoperte c'erano le tre principali della missione egiziana nella necropoli di Draa Abul-Nagaa sulla riva occidentale di Luxor, che forniscono una migliore comprensione della storia della necropoli e della vita dei proprietari di tombe.

La tomba di Userhat ospitava una collezione di dieci bare in legno dipinte ben conservate e otto mummie in vari stati di conservazione, per esempio. Una collezione di oltre 1.000 figurine ushabti e maschere di legno sono state scoperte insieme a scheletri, maschere di legno antropoidi, statuette in maiolica, terracotta e legno e varie pentole di terracotta.

L'archeologa Sherine Shawki, specialista in osteologia, ha dichiarato al settimanale che i primi studi condotti sulle mummie e sui crani avevano rivelato che uno degli individui era stato anemico e probabilmente soffriva di mal di denti severo, mentre un secondo aveva subito un intervento chirurgico primitivo.

La tomba dell'orafo ospita una collezione di figurine ushabitiche in pietra e legno di diversi tipi e dimensioni, mummie, sarcofagi in legno dipinti e antropoidi e gioielli in pietre preziose e semipreziose.

la cachette delle mummie in Minya

Mustafa Waziri, segretario generale del Supremo Consiglio delle Antichità, ha detto che la tomba era venuta alla luce quando la missione è inciampata su di essa attraverso un foro situato alla fine di una delle altre camere della tomba.

Nel cortile della tomba dell'orafo fu trovato un sepolcro del Regno di mezzo con la sepoltura familiare di una donna e dei suoi due figli. Sono stati rinvenuti anche resti di calcare di un tavolo da offerte, quattro sarcofagi in legno parzialmente danneggiati e decorati con testi geroglifici e scene di diverse divinità egizie antiche, e una doppia statua in arenaria di un mercante nel tempio del faraone Thutmose III di nome Mah.

Una raccolta di 150 figurine ushabti scolpite in maiolica, legno, argilla bruciata, calcare e mattoni di fango è stata anche portata alla luce, così come una raccolta di 50 coni funerari, 40 dei quali sono la prova della presenza di altre tombe appartenenti a quattro funzionari.

I primi studi sulle mummie hanno dimostrato che la donna morì all'età di 50 anni e durante la sua vita aveva sofferto di cavità nei denti che le avevano causato un ascesso nelle fauci e una malattia batterica alle ossa. Gli studi sulle mummie dei suoi due figli, ha detto Waziri, hanno dimostrato che appartenevano a due maschi adulti tra i 20 ei 30 anni. Entrambe le mummie sono in ottime condizioni.

"Probabilmente questa donna stava soffrendo molto perché le dimensioni delle sue ossa sono anormalmente ingrandite", ha detto Shawki, che ha studiato le ossa . All'interno della bara è stato trovato il poggiatesta della donna deceduta e un gruppo di vasi di ceramica.

Una delle mummie maschili mostra che anche lui soffriva di cavità dei denti durante la sua vita, mentre il secondo probabilmente è stato messo più tardi nella stessa bara perché le ossa sono nude.

Questa tomba ha portato alla scoperta di altre due tombe ancora non identificate che potrebbero essere datate al periodo tra il regno di Amenhotep II e Thutmose IV. Entrambi contengono pitture murali che mostrano parte della vita e della morte del defunto, una collezione di 450 figurine ushabiti, 100 coni funerari, statuette dipinte, maschere funerarie dipinte e un sarcofago decorato con testi geroglifici.

Al sito Tuna Al-Gabal di Minya, una missione egiziana dell'Università del Cairo ha scoperto una cachette di mummie contenenti 32 mummie umane, 17 delle quali erano in ottime condizioni, quest'anno.

Salah Al-Kholi, a capo della missione, ha affermato che la cachette è stata trovata per caso in un'indagine radar condotta in collaborazione con esperti della facoltà di scienze dell'Università all'inizio del 2016 che aveva rivelato un terreno profondo e vuoto.

Fu trovata una collezione di otto sarcofagi calcarei, due dei quali erano scolpiti in argilla e con coperchi antropoidi. Due bare di babbuino, frammenti di sarcofagi di legno decorati con iscrizioni funerarie, anfore di argilla, due papiri scritti in demotico egiziano antico, i resti di una maschera funeraria dorata sono stati trovati, così come una decorazione dorata a forma di piume.

SCOPERTA DELLA PIRAMIDE: Con l'aiuto di una tecnologia non invasiva all'avanguardia tra cui la scansione del muone e dell'infrarosso, un team francese, canadese, giapponese ed egiziano è riuscito a localizzare "uno spazio vuoto gigante" sopra la Grande Galleria del Grande piramide sull'altopiano di Giza come ulteriore passo verso la decifrazione della sua architettura unica.

Sebbene non ci sia ancora alcuna interpretazione architettonica dello spazio, e il ruolo e lo scopo della sua costruzione sono sconosciuti, è abbastanza certo che si tratti di uno spazio vuoto pieno di aria e non di pietre piccole o più grandi o raccolte funerarie come alcuni hanno affermato .

Nel frattempo, a Dahshur una missione egiziana ha scoperto i resti della piramide della XIII dinastia. Questa struttura è composta da un corridoio che conduce all'interno della piramide e da una sala che conduce a una rampa meridionale, oltre a una stanza all'estremità occidentale.

Alla Necropoli di Abusir, 30 km a sud dell'altopiano di Giza, una missione dell'Istituto di Egittologia ceco dell'Università Carlo di Praga si è imbattuta in quelli che si ritiene siano i resti di un tempio di Ramses II, comprese le fondamenta del suo santuario, la sala pilastro e un pilone, oltre a frammenti di rilievo incisi con scene collegate al culto delle divinità solari.

Il direttore della missione ceca Miroslav Bárta ha descritto la scoperta come importante perché scoprire un tempio di Ramses II in una necropoli del Vecchio Regno ha fornito una prova unica della costruzione e delle attività religiose del faraone nell'area di Memphis e dello status permanente del culto del sole dio Ra. Quest'ultimo fu venerato ad Abusir dalla V dinastia al Nuovo Regno quando regnò Ramses II.

"Questo potrebbe facilmente cambiare la storia della Necropoli, poiché getta più luce sull'importanza di Abusir per la religione e l'ideologia durante il Nuovo Regno", ha detto Bárta.

Alla Necropoli di Saqqara, una missione franco-svizzera dell'Università di Ginevra ha scoperto due importanti resti del Vecchio Regno che potrebbero essere la prima prova di una piramide satellitare persa da tempo e un tempio funerario della regina della sesta dinastia Ankhnespepy II, l'influente moglie di Pepy I.

Era la madre di Pepy II e regnò come reggente fino alla maggiore età. La missione ha scoperto un piramide, la parte superiore di una piramide e la parte superiore di un obelisco.

Philippe Collombert, capo della missione archeologica, ha detto che il piramide è stato trovato sul lato nord della piramide di Pepy I e misurava 1, 3 m di altezza e 1, 1 m di larghezza sui lati. La parte superiore è stata in parte distrutta, ma in origine era coperta da un foglio di metallo, oro o rame, una tecnica utilizzata per far brillare la parte superiore della struttura al sole.

Dell'obelisco, Collombert disse che era scolpito in granito rosso ed era il più grande frammento di obelisco del Vecchio Regno mai scoperto a 2, 5 m di altezza. "Possiamo stimare l'originale dimensione completa dell'obelisco a circa 5 metri di altezza", ha detto.

Anche quest'anno, presso il monastero di Santa Caterina nel Sinai, i restauratori della biblioteca si sono imbattuti in una copia del VI secolo di una ricetta medica originariamente scritta dall'antico medico greco Ippocrate.

Il manoscritto è scritto su pelle. Contiene anche altre tre ricette mediche scritte da uno scriba anonimo, una delle quali contiene disegni di erbe medicinali. Il secondo strato di scrittura trovato nel manoscritto è un testo della Bibbia.

Ad Alessandria furono rinvenuti sommergibili sul fondo marino naufragi romani e una corteccia votiva del dio Osiride. Una testa di cristallo romana probabilmente raffigurante il comandante romano Marco Antonio, l'amante di Cleopatra, e monete d'oro dal regno dell'imperatore Augusto sono stati trovati anche.

I restauratori che lavoravano nel monastero di San Bishoi nella zona di Wadi Al-Natroun hanno scoperto un certo numero di pitture murali e elementi architettonici dell'era medievale, rimuovendo quest'anno un moderno strato di malta dalle pareti della vecchia chiesa del monastero. I dipinti risalgono tra il IX e il XIII secolo aC e aiuteranno gli archeologi a determinare lo stile architettonico originale della chiesa e le date della sua costruzione.

Quest'anno è stata trovata anche una cachette di materiali per imbalsamazione a Luxor, un architrave del faraone Sesostris II in Ihnasya e 10 tombe del periodo tardo ad Assuan.

La cachette è stata scoperta in un pozzo all'interno di una camera ausiliaria nell'angolo nord-est del cortile superiore della tomba di Ipi a Luxor, dove una collezione di 56 vasetti di argilla grandi e quasi 300 pacchetti di natron e altri materiali utilizzati nell'imbalsamazione processo sono stati trovati.

La scoperta non mette in luce solo i metodi di mummificazione e i materiali usati per le élite del Regno Unito, ma aggiunge anche in modo significativo la comprensione del tipo di tecniche di imbalsamazione, strumenti, tessuti, prodotti chimici e balsami usati quando le procedure di mummificazione hanno iniziato a prendere le misure più efficienti forma, raggiungendo un picco nel Nuovo Regno.

L'anno si è concluso con tre scoperte nelle aree di Kom Ombo e Aswan. Una missione svedese-egiziana che lavorava nella zona di Gabal Al-Selsela vicino ad Aswan ha scoperto quattro sepolture intatte di bambini, mentre una missione austriaca a Kom Ombo ha scoperto un ampio segmento di un cimitero del Primo Periodo Intermedio.

Una missione egiziana-svizzera che operava nel centro storico di Aswan ha anche portato alla luce una piccola statua incompleta che probabilmente raffigura l'antica dea greca Artemide, la dea della caccia, della procreazione, della verginità e della fertilità, combinata con le divinità egizie Iside e Bastet.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >