sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
26 Agosto 2013 PALEONTOLOGIA
Stone Page
GLI ANTICHI EUROPEI CONDIVANO I CIBI CON SENAPE E AGLIO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Un recente studio condotto da Hayley Saul dell'Università di York ha scoperto che almeno alcuni dei nostri antenati preistorici volevano rendere il loro cibo più appetibile, condendolo con aromi naturali. Esaminando depositi di cibo rimasti su frammenti di ceramica datati dal 6.100 a 3.750 ac. provenienti da tre siti in Danimarca e in Germania, Saul e colleghi hanno identificato fitoliti da resti vegetali che sono probabilmente i semi di senape e aglio.

I fitoliti vengono creati quando le piante assorbono silice dal terreno. La silice è depositata all'interno di diverse strutture intracellulari ed extracellulari della pianta e dopo la morte della pianta si ridepositata nel terreno sotto forma di fitoliti, che sono rigidi, strutture microscopiche di varie dimensioni e forme. Questi fitoliti sono conservati nel suolo e in altri contesti, pronto per essere scoperti ed esaminati dagli archeologi migliaia di anni dopo.

Oltre alle fitoliti, la maggior parte dei campioni studiati forniscono elementi di prova che i resti di cibi contenevano sia animali marini che terrestri, ed alimenti vegetali ricchi di amido, tutti carbonizzati insieme ai fitoliti. Questo suggerisce che le tracce di senape e aglio son state carbonizzate in concomitanza con gli altri animali e alimenti vegetali nei vasi. Mentre tutti i tipi di alimenti individuati nell'analisi indicano sostanze con alti valori nutrizionali e ricchi di calorie, il seme di senape e aglio son noti per avere ben poco di tale valore. Inoltre, l'aglio ed il seme di senape, sono alla base di piante che vanno dall'Europa all'Asia centrale, l'India del Nord e ovest della Cina, è noto anche per avere un forte sapore piccante, ed è anche oggi utilizzato per insaporire insalate e salse come il pesto.

Conclude Saul e colleghi nel loro rapporto, "nonostante il modesto numero di campioni, è dimostrato oltre ogni dubbio che l'uso di spezie era praticata regolarmente nel corso dei decenni in cui sono stati introdotti nella regione del Baltico occidentale ... E 'ormai accertato che l'abitudine di valorizzare e alterare il sapore con spezie faceva parte della cucina europea già da oltre 9.000 anni.

Gli autori dello studio aggiungono che "è ancora incerto se la pratica era il risultato di usanze neolitiche influenzate dal Vicino Oriente o se tale pratica culinaria avanzata è stata sviluppata a livello locale prima dell'arrivo di elementi neolitici dall'est in nord Europa ".


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >