sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
18 Dicembre 2012 PALEONTOLOGIA
http://blogs.smithsonianmag.com
LE "SCOPERTE" DEI PALENTOLOGI: STORIA DI QUATTRO SPECIE DI "HOMO" MAI ESISTITE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 5 min. circa

La Smithsonian Institution mostra nelle sue sale sette specie come appartenenti al genere Homo . Ma questa è solo una frazione di tutte le specie che gli scienziati hanno proposto per il nostro genere. Nel corso degli anni, i ricercatori si sono resi conto che i fossili di diversi gruppi in realtà provengono dalla stessa specie, gli antropologi hanno inventato per loro nomi che non sono più validi. La scorsa primavera, si è voluto mettere in evidenza molti di questi ormai oscuri nomi, così come alcune specie recentemente proposte che non sono universalmente accettate . Ecco uno sguardo a quattro specie più proposte di Homo che probabilmente non troverete nei libri di testo umani di evoluzione o in esposizione nei musei.

Homo antiquus : Nel 1984, Walter Ferguson di Israele Tel Aviv University ha dichiarato che l'Australopithecus afarensis non era una specie reale . A quel tempo, i fossili noti di A. afarensis erano venuti dal sito di Hadar in Etiopia e Laetoli in Tanzania . C'era molta variazione fisica tra le ossa in questa collezione diversamente miscelate, ma molti antropologi han pensato che la diversità era dovuta a causa di differenze di dimensioni tra i membri maschi e femmine della specie. Ferguson, invece, ritiene che le ossa erano in realtà rappresentive di più di una specie. In base alle dimensioni e la forma dei molari, Ferguson ha concluso che alcuni dei più grandi griffe a Hadar corrispondevano a quelli di Australopithecus africanus, una specie che era solo stato trovato in Sud Africa. Altre ganasce della collezione avevano denti più piccoli. I fossili di circa tre milioni di anni erano troppo antichi per adattarsi con uno qualsiasi dei membri precedentemente descritti del genere Homo, quindi Ferguson ha creato una nuova specie nome H. antiquus . Questa divisione delle specie di Ferguson aveva anche una implicazione più grande: se Australopithecus e Homo avevano vissuto fianco a fianco per centinaia di migliaia di anni, era improbabile che australopitechi erano gli antenati diretti di Homo . Il lavoro di Ferguson non deve essere stato convincente. Quasi 30 anni dopo, A. afarensis è ancora oggetto di ipotesi e poche persone hanno mai sentito parlare di H. antiquus .

Kanamensis Homo : Molte delle scoperte di Louis Leakey hanno resistito alla prova del tempo . H. kanamensis non è uno di loro. Nei primi anni 1930, Leakey portato alla luce una mascella inferiore ominide nel sito di Kanam, Kenya . La mascella simili a quelle dell'uomo moderno in molti modi, ma era più spessa in alcuni punti. Leakey determinato la mandibola deve avere un proprio nome: H. kanamensis . A circa mezzo milione di anni, la specie era il membro più anziano di Homo ancora trovato, tranne, il fossile non era poi così antica. Successivi studi geologici a Kanam rivelato che la mascella era solo poche decine di migliaia di anni. E insolito spessore della mascella era dovuta ad una crescita anormale, suggerendo H. kanamensis non era altro che un malato Homo sapiens .

Capensis Homo : Nei primi anni 1910, due contadini imbattuti in fossili di ominidi, tra cui frammenti di un teschio, vicino Boskop, Sud Africa. Le ossa sono stati passati in giro per anatomisti-tra cui molti Raymond Dart, che in seguito ha scoperto il primo Australopithecus fossile prima di finire nelle mani di paleontologo Robert Broom. Broom stimato la dimensione del cervello del cranio (PDF) : un enorme 1.980 centimetri cubi ( cervello della persona tipico moderno è circa 1.400 centimetri cubi ). Broom stabilito che il cranio deve essere chiamato H. capensis, noto anche come Uomo Boskop. Altri esemplari provenienti dal Sud Africa sono stati aggiunti alla specie, e alcuni scienziati si convinsero meridionale era una volta sede di una razza di grandi cervelli, piccole-faccia le persone. Ma dal 1950, gli scienziati sono stati in discussione la legittimità di H. capensis . Un problema è che lo spessore del cranio originale reso difficile stimare la dimensione vera cervello. E anche se si trattasse di 1.980 centimetri cubi, che è ancora nel range di normalità di variazione per il cervello della gente moderna, antropologo e blogger Hawks John ha spiegato nel corso del 2008 . Un altro problema, Hawks ha sottolineato, è che gli scienziati sono stati preferenzialmente scelta crani più grandi da includere nel H. capensi s ignorando piccoli teschi che sono stati trovati in associazione con i più grandi campioni. Oggi, i fossili, una volta classificati come H. capensis sono considerati membri di H. sapiens .

Homo rhodesiensis : Se avete sentito parlare di una delle specie in questo elenco, probabilmente è questo. Paleontologo Arthur Smith Woodward creato il nome H. rhodesiensis per un teschio scoperto nel 1921 a Broken Hill o Kabwe, in Zambia (una volta parte della Rhodesia del Nord). Testa dura del fossile, la fronte inclinata e arcate sopraccigliari giganti fatto le specie distinta da persone che vivono. Altri fossili robusti africani risalenti a circa 300.000 a 125.000 anni fa, sono stati aggiunti alla specie. Tuttavia, questo gruppo di fossili è stato conosciuto con molti altri nomi. Alcuni antropologi, per esempio, che le ossa appartengono ai primi, i membri più arcaiche della nostra specie, H. sapiens . Tuttavia, la maggior parte dei ricercatori oggi grumo H. rhodesiensis fossili con la specie più diffusa Homo heidelbergensis, che viveva in Africa e in Eurasia a partire circa mezzo milione di anni fa e potrebbe essere stato l'antenato comune degli esseri umani moderni ed i Neanderthal.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >