sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
22 Novembre 2012 STORIA
http://www.tafter.it
cominciano le demolizioni di costruzioni abusive nella Valle dei Templi
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 1 min. circa

In Soprintendenza parlano di "svolta sociale": stavolta infatti, per abbattere 18 edifici abusivi costruiti da anni nella zona A della Valle dei Templi (vincolo di inedificabilità assoluto), non sono dovute intervenire le ruspe dell'esercito come undici anni fa. Lo hanno fatto gli stessi proprietari a tre anni dagli "esposti esecutivi di demolizione" emessi dalla Soprintendenza di Agrigento. Recentissimi i segni del cambiamento contro la piaga dell'abusivismo edilizio che ha devasto per decenni l'area archeologica. A fine ottobre la clamorosa svolta. Le ruspe hanno abbattuto un intero immobile e cancellato l'ampliamento di un fabbricato proprio a ridosso dei templi e la Soprintendenza ha in corso altre due procedure per demolire, con i soldi dei proprietari e non più dello Stato, altri edifici non ancora completati.

L'abusivismo dilagante che ha compromesso la Valle dei Templi è storia antica. Iniziò con il decreto Gui-Mancini varato dopo la frana del 1968 che causò il crollo di alcuni palazzoni abusivi della "nuova Agrigento", la città illegale costruita "senza cemento e su colline di sabbia". La legge stabiliva il vincolo di inedificabilità per una vasta parte dei terreni intorno alla zona archeologica, la cosiddetta zona A, e dettava le regole per l'esproprio di altri ettari occupati o recintati illegalmente. Da allora la legge è stata sistematicamente violata e nella Valle dei Templi, a ridosso dei monumenti, si è continuato a costruire tra silenzi, negligenze, complicità.

Fonte: Il Giornale dell'Arte


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >