sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
4 Settembre 2012 ARCHEOLOGIA
Archaeology Daily
IL MISTERO DEI CRANI CON LE FACCE "MASSACRATE"
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 1 min. circa

UN INSOLITO gruppo di crani dell'età della pietra con le faccie fracassate sono stati trovati accuratamente separati dal resto dei loro scheletri.

Essi sembrano essere stati scavati diversi anni dopo essere stato sepolti con i loro corpi, separati, poi riseppelliti.

Collezioni di crani staccati sono stati scavati in molti siti dell'età della pietra in Europa e nel Vicino Oriente - ma la faccia-fracassata è una nuova svolta che aggiunge ulteriore mistero di come queste società si relazionavano con i loro morti.

Juan José Ibañez presso il National Research Council spagnolo a Barcellona dice che la scoperta potrebbe suggerire che le culture dell'Età della Pietra credevano che i loro morti giovani erano una minaccia per il mondo dei vivi.

Nessuno sa perché le società del Neolitico sepolto grappoli di teschi - spesso vicino o sotto insediamenti. Alcuni pensano che sia un segno di venerazione ancestrale. "Quando la gente ha iniziato vivere insieme [durante il periodo neolitico], avevano bisogno di un cemento sociale", dice Ibañez. La venerazione per gli "antenati" avrebbe potuto essere un modo per fare questo. Ma la violenza mostrata verso i teschi in quest'ultima scoperta suggerisce una storia diversa.

I teschi di 10.000 anni di età sono stati trovati in Siria.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >