sei in Home > Mistero > News > Dettaglio News
6 Febbraio 2012 MISTERO
Emanuel Celano http://www.Spaziosacro.it http://www.nonapritequelportale.com
Ecco perche' i Maya hanno smesso di contare il 21-12-2012 : un'ipotesi sul 21 dicembre 2012
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 10 min. circa

Cari Amici,

vi scrivo questo breve articolo per condividere quanto mi è accaduto con una premessa, non sono un matematico né un fisico. Aggiungo inoltre che non sono per il catastrofismo e per l'industria che lo appoggia. Come molti canalizzatori sostengono il calendario Maya riguarda principalmente dei cambiamenti negli esseri umani e non predizioni di distruzione, poichè stiamo entrando un un'era dove il futuro non è più scritto e quel che accade dipenderà interamente da noi.

Quindi, quello che leggerete prendetelo come una teoria personale senza alcuna presunzione sulle conclusioni che verranno formulate, perchè non vi sono conclusioni ma un nuovo inizio. Un invito alla consapevolezza, alla luce di quanto sta accadendo al nostro Pianeta e alle sue risorse.

Due sere fa mi sono addormentato e dopo pochi istanti subito risvegliato. Saranno intercorsi pochi secondi ma in quegli attimi ho fatto un sogno e ho "visto" un gessetto scrivere su di una lavagna la data del 21 dicembre 2012 e accanto ai numeri, su due colonne una frase breve e un'indicazione sottolineata che riportava :"il 2 è un muro, le forze sono in gioco" e subito sotto : "01 è il vostro nucleo ... prima del 2 vi era - spazio e moto - da o verso lo 0 e l'1".

Al mio risveglio ho subito sentito una voce interiore che mi ripeteva BUIO e LUCE si stanno per re-incontrare.

Nei giorni successivi ho fatto delle ricerche online per trovare delle risposte e mi sono imbattuto sul sito http://www.matematicabinaria.info.

La mia premessa sul perché i Maya hanno smesso di contare il 21 dicembre 2012, ha" preso forma" proprio da queste pagine su internet che vi riporto di seguito.

Occorre infatti partire dalla logica di Leibnitz che nel 1673 concepì il sistema binario, divulgato poi nel 1679 nello scritto "De Progressione Dyadica".

Nell'I Ching, di oltre 3700 anni fa, il sistema binario era già presente come per i Veda, i Libri della Conoscenza ; ma mentre nei Veda i simboli binari vanno scoperti, nell'I Ching essi sono evidenti anche se rappresentati in maniera diversa:

con una linea intera -- chiamata YANG (0) e una linea spezzata - - chiamata YIN (1)

0 e 1 forniscono la rappresentazione primordiale di Dio,

delineando la sua Forma e le sue successive elaborazioni e definendo il suo Contenuto Vibrazionale.

0 e 1 sono i mattoni dell'universo o i semi dell'universo.

Nel campo duale 0 è Buio e 1 è Luce

L'insieme dei numeri naturali inizia da 1 per estendersi all'Infinito che è l'1 stesso!

Quindi nell'Universo, visibile e non, vige "il principio della circolarità" in quanto tutta la manifestazione si estende dall'Uno all'Uno!

Ma scrivere 1 non è la stessa cosa di 01.

01 introduce infatti la possibilità da parte dell'1 di poter saltare al livello superiore.

01 permette all'uomo di passare dal buio alla luce ... nella bibbia si legge " e fu sera e fu mattina" per ricordarci la sequenzialità degli accadimenti, da 0 a 1 per l'appunto.

01 rappresenta quindi (per mia deduzione) il nostro nucleo, è il "trampolino" per recuperare la divinità assopita al nostro interno.

All'interno dell'1 (0 attivato) è contenuta l'infinita successione dei numeri naturali che deve necessariamente cominciare da 2!

Il 2 possiamo scriverlo come 1 + 1, cioè il 2 discende dall'unione o somma dell'Infinito con Se Stesso!

Questa unione possiamo tuttavia vederla anche come una divisione (e questo ne dimostra la circolarità dell'infinito che ritorna su se stesso), in senso esoterico infatti il numero 2 deriva dalla divisione dell'unità 1 (da 1 generiamo 1+1) ed è il simbolo della separazione, perché da un punto di vista sacro, l'unità è per essenza una e unica.

Il due, come dìade, è l'espressione della dualità.

In una visione dualistica del mondo si ha la separazione del principio materiale dal principio spirituale, e il numero due è l'incarnazione degli opposti: maschile /femminile, giorno/notte, terra/cielo, ecc.

Essendo un principio duale, indica sia il contrasto, sia la polarità, sia il tentativo di conciliazione tra le forze in gioco.

Veniamo ora alla data del 2012.

Il nucleo (01), da intendersi come abbiamo appena letto è nella parte centrale dell'anno.

Esternamente troviamo alla destra e alla sinistra il 2.

Nel sogno il 2 era indicato come "un muro" ed era accompagnato dall'affermazione : "le forze sono in gioco".

Le forze sono quelle del nucleo : BUIO (0) e LUCE (1).

Ebbene perché solo adesso? Perché il 2012?

La mia risposta interpretativa ( sottolineo questa è un'ipotesi personale ) è legata alla seconda frase del sogno : "prima del 2 vi era - spazio e moto - da o verso lo 0 e l'1". E' come se il nucleo 01 avesse avuto fino al 2011 la possibilità di manifestare "spinte energetiche di trasformazione" verso il Buio e/o verso la Luce senza che queste due forze dovessero scontrarsi.

Prendendo in considerazione le combinazioni di anni che hanno nel nucleo 01 (parte centrale) mi auguro possiate comprendere meglio questa teoria personale sulle "vie di trasformazione" BUIO / LUCE .

L'anno 01 ha "vie di trasformazione" a destra e sinistra. Esiste uno spazio in entrambe le direzioni

Gli anni come 101 non presentano un nucleo in equilibrio poiché l'anno è di tre cifre, per cui non verranno considerati.

L'anno 1011 ha "vie di trasformazione" verso il buio da entrambi i lati, ovvero da 1 a 0 (essendo il movimento verso la forza opposta)

L'anno 1012 ... fino al 1019 ha "vie di trasformazione" verso il buio sulla parte sinistra.

L'anno 2010 ha "vie di trasformazione" verso la Luce sulla parte destra

L'anno 2011 ha "vie di trasformazione" verso il Buio sulla parte destra

L'anno 2012 NON HA VIE DI USCITA.

Il 2 somma dell'Infinito con se stesso contiene come "un muro" le due forze in gioco BUIO (0) e LUCE (1).

Il giorno stesso 21 - 12 - 2012 individuato dai Maya come ultimo anno del grande computo ha un significato molto forte.

21 - 12 si può anche vedere come 2 (1+1) 2 ovvero quel giorno l'Infinito "reincontrerà se stesso" o "guarderà se stesso".

I Maya non potevano prevedere quello che sarebbe accaduto da questo incontro di LUCE e BUIO poiché le forze in gioco vanno valutate e pesate solo in quel preciso momento, essendo costantemente mutevoli e collegate in modo sottile non solo al nostro pianeta ma anche al potenziale energetico di tutti gli esseri che lo abitano.

Quello che accadrà non è ancora dato saperlo.

Nella sua funzione positiva (positiva e negativa vengono qui assegnati per dare un valore logico richiestoci dalla nostra mente che divide ogni cosa essendo nella dualità ) questo evento cercherà di riconciliare gli opposti per ritrovare la perduta armonia; nella sua funzione negativa può portare alla rottura dell'unità con la netta divisione dei contrari.

Il numero due che compare da entrambi i lati dell'anno 2012 e che nell'Antichità era attributo alla Grande Madre Terra (Terra = 2), contiene nel suo nucleo la nostra possibilità evolutiva (01). Esso ci porterà all'interno di una differenziazione, non multipla, bensì fondata su un conflitto binario BUIO (0) e LUCE (1) che comporta matematicamente un'esclusione o una spaccatura ma esotericamente potrebbe simboleggiare la nascita di una nuova Era.

La linea che i Maya non potevano valicare quella del 21 dicembre 2012 e che si presenta in questo anno è quella che segnerà il cammino dell'uomo o in senso orizzontale verso lo sviluppo materiale, o in senso verticale verso l'elevazione spirituale. La linea è la figura geometrica raffigurante il due; infatti si ha un collegamento con il simbolismo della croce nella coppia della verticale e dell'orizzontale.

Come considerazione finale posso dire che, uomini di scienza o meno, tutti possiamo constatare quanto adesso più che mai sia forte questo imperativo :

"LA TERRA CHIEDE UNA RICONCILIAZIONE DEGLI OPPOSTI! LA TERRA CHIEDE DI ESSERE RISPETTATA E AMATA!"

In considerazione di quanto scritto, il giorno 21-12-2012 l'INFINITO RITORNERA' SU SE STESSO, vedrà la sua creazione e si creerà un nuovo piano cosmico. Ma non parliamo di un solo giorno!

Come ci ricorda Gregg Braden in un http://youtu.be/4gD1d9_HfHA la scienza ci insegna che gli allineamenti avvengono in un lasso di tempo molto lungo e non in un solo giorno e i Maya di questo ne erano ben consapevoli. Secondo i Maya questo allineamento è iniziato nel 1980 e terminerà circa nel 2016, in un periodo quindi di 36 anni.

Tutte quello che le "profezie ad effetto" hanno attribuito ad un data precisa, in realtà, sta già accadendo. I ghiacciai si stanno modificando ed i livelli dei mari ne risentono, stiamo già subendo malattie che non hanno alcuna cura medica, stiamo già assistendo a fenomeni climatici anomali (prodotti anche dall'uomo e dai suoi tentativi di influenzare il clima ... vedi ad esempio le scie chimiche ...) che sfuggono al nostro controllo in diversi continenti. L'impatto climatico a livello globale è più forte che mai.

E' il modo in cui noi risponderemo a questi cambiamenti che determinerà il nostro destino alla fine del ciclo del tempo individuato dai Maya. Ci ricorderemo che siamo una famiglia e lavoreremo insieme per rispondere a questi cambiamenti oppure ce ne dimenticheremo e ci spaventeremo? Troveremo modi più sostenibili di vivere, lavorando tutti insieme per la nostra Amata Terra?

Quello che i Maya volevano comunicare è che il futuro non è più scritto nel tempo, la ciclicità degli eventi non è più prevedibile e la creazione di un mondo in armonia o meno dipenderà dagli esseri umani stessi.

Alla fine di un cliclo di circa 26.000 anni (precessione degli equinozi) costituito da 5 grandi ere del mondo si assiste ad un "attimo senza tempo", il momento dell'adesso. Non è ancora finito un ciclo e non è ancora inziato uno nuovo. Questo è l'unico momento in cui gli esseri umani posso rigenerare i loro corpi e procedere nel cerchio del tempo, senza giudizi e condizionamenti del passato e scegliere nuovamente quello che desiderano.

Prevarrà la Luce o il Buio? Oppure, la fusione di 0 e 1 darà vita ad un nuovo elemento, una nuova consapevolezza?

Abbracciamoci tutti nel buio come nella luce per ritrovare il nostro centro, il nostro nucleo e ringraziare il nostro Pianeta e ogni essere che lo abita.

Auguro a me stesso come ad ognuno di voi di provare ogni giorno gratitudine e amore, le forze più potenti che possiede l'uomo, affinchè la coerenza personale tra cuore e cervello divenga presto una coerenza collettiva.

Alcuni di voi adesso potrebbero chiedersi giustamente : "ma quest'anno è veramente il 2012 o è già il 2018 oppure un'altra data qualsiasi?".

Per rispondere desidero ricordarci uno dei principi base della fisica quantistica, che afferma : "la realtà è una nostra creazione".

Al suo livello più profondo la realtà non è altro che una sorta di super-ologramma dove il passato, il presente ed il futuro coesistono simultaneamente. Ebbene gli abitanti del pianeta Terra, in una delle dimensioni possibili, stanno co-creando insieme nel "nostro adesso" il 2012, scrivendolo e leggendolo ogni giorno. In altri termini, l'Energia del 2012 è costantemente co-creata da miliardi di "osservatori coscienti" ... e quindi poco importa se fossimo già nel 2018 o nel 2019 ... noi stiamo co-creando il 2012 adesso!

Inoltre quello che mi ha affascina maggiormente, sempre secondo la fisica quantistica, è che quello che stiamo facendo nel presente influenza anche tutto quello che è già accaduto nel passato ... ovvero quello che facciamo adesso influenza anche il "primo ciclo del tempo e la sua fine" ... quasi come se il Divino o L'intelligenza Superiore o in qualsiasi altro modo volessimo chiamarla ci riproponesse la stessa domanda ... attendendo finalmente una risposta di consapevolezza per l'accesso ad una dimensione superiore ...

Invito infine a vedere questo video davvero imperdibile per comprendere quanto sia importante unirsi ora per prendersi cura della nostra casa, la nostra Madre Terra : http://youtu.be/nGeXdv-uPaw


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >