sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
14 Ottobre 2011 STORIA
Devin Powell Science News
LE RESPONSABILITA' DI CRISTOFORO COLOMBO NEL RAFFREDDAMENTO DEL CLIMA
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

MINNEAPOLIS - Veleggiando verso il Nuovo Mondo, Cristoforo Colombo e gli altri esploratori che l'hanno seguito possono avere innescato una catena di eventi che hanno raffreddato il clima dell'Europa per secoli.

La conquista europea delle Americhe ha decimato le persone che vi abitavano, lasciando vaste aree di terra disboscata abbandonate. Gli alberi che hanno riempito questo territorio hanno tirato miliardi di tonnellate di anidride carbonica dall'atmosfera, diminuendo la capacità di intrappolare il calore dell'atmosfera e del clima di raffreddamento, dice Richard Nevle, un geochimico presso la Stanford University.

"Abbiamo un grande effetto della riforestazione che è quello di trattenere il carbonio... in coincidenza con l'arrivo degli europei", dice Nevle, che ha descritto le conseguenze di questo cambiamento l'11 ottobre presso la Geological Society of America, nell'incontro annuale.

Legando insieme molte differenti linee di evidenza, Nevle ha stimato la quantità di carbonio che tutti quei nuovi alberi avrebbero consumato. Dice che era sufficiente tenerne conto per motivare tutto o quasi tutto il calo improvviso dell'anidride carbonica atmosferica registrato nel ghiaccio antartico durante i secoli XVI e XVII. Questo esaurimento di un gas a effetto serra, a sua volta, può avere dato il via in Europa alla cosiddetta Piccola Era Glaciale, secoli di temperature più fredde che seguirono il Medioevo.

Alla fine del XV secolo, tra 40 milioni e 80 milioni di persone si pensa che vivessero nelle Americhe. Molti di loro bruciavano alberi per fare spazio a coltivazioni, lasciando depositi di carbone che sono stati trovati nei terreni del Messico, Nicaragua e altri paesi.

Circa 500 anni fa, questo accumulo di carbone è terminato e le persone stesse sono scomparse. Malattie come vaiolo, difterite e altre provenienti dall'Europa alla fine hanno spazzato via fino al 90 per cento della popolazione indigena.

Gli alberi restituiti hanno riforestato un'area almeno delle dimensioni della California, secondo quanto stima Nevle. Questa nuova crescita potrebbe avere assorbito tra 2 miliardi e 17 miliardi di tonnellate di anidride carbonica dall'aria.

Carote di ghiaccio dell'Antartide contengono bolle d'aria che mostrano un calo di anidride carbonica in questo periodo. Queste bolle suggeriscono che i livelli di gas serra sono diminuiti da 6 a 10 parti per milione tra il 1525 e gli inizi del 1600.

"Niente altro succedeva nel resto del mondo in questo momento, in termini di uso del suolo umano, che potrebbe spiegare questa rapida diffusione del carbonio", spiega Jed Kaplan, uno scienziato di sistemi terrestri al Politecnico federale di Losanna in Svizzera.

I processi naturali possono avere svolto un ruolo di raffreddamento Europa: una diminuzione dell'attività solare, un aumento dell'attività vulcanica o più freddo oceani in grado di assorbire più anidride carbonica. Questi fenomeni spiegare meglio i modelli climatici regionali nel corso della Piccola Età Glaciale, dice Michael Mann, ricercatore climatico alla Pennsylvania State University a State College.

Ma rimboschimento si adatta con un altro indizi nascosti nel ghiaccio antartico, dice Nevle. Mentre la popolazione è diminuita nelle Americhe, l'anidride carbonica in atmosfera era pesante. Sempre più spesso, le molecole del gas tendono ad essere realizzato in carbonio-13, un isotopo naturale con un neutrone in più. Questo potrebbe essere dovuto al fatto foglie degli alberi preferiscono prendere a gas realizzato in carbonio-12, lasciando la versione più pesante nell'aria.

Kaplan sottolinea che c'è molta incertezza nelle misurazioni degli isotopi tali, per cui questa evidenza non è conclusiva. Ma conviene che le pandemie del Nuovo Mondo sono state un grande evento che non può essere ignorato - una tragedia che ha evidenziato la capacità dell'umanità di influenzare il clima molto prima della rivoluzione industriale.

TAG: Medioevo

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >