sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
11 Ottobre 2011 ARCHEOLOGIA
http://www.adnkronos.com/
AMSICORA, LO SCHELETRO PIU' ANTICO DELLA SARDEGNA
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Antichi resti umani sono stati scoperti a Pistoccu, a Marina di Arbus, a pochi metri dal litorale della Costa Verde, nella parte sud-occidentale della Sardegna (Italia). Prof. Rita Melis, geoarcheologo del Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Cagliari, ha detto che potrebbe essere il "più antico umani trovati in Sardegna risale al periodo di transizione tra il Mesolitico e Neolitico, " che è tra i 10.000 ei 8.200 anni fa.

E 'stato soprannominato' Amsicora ', come un personaggio storico ancora vivo nella cultura sarda e noto per la sua forte opposizione al potere romano. La scoperta è stata fatta dopo una breve campagna di scavo, grazie alla tenacia di Rita Melis e il suo collega Margherita Mussi del Dipartimento di Studi Umanistici, Università La Sapienza di Roma, che ha studiato la più antica popolazione della Sardegna da oltre 15 anni.

Il sito era già noto agli archeologi, perché nel 1985 una prima serie di resti umani è stato trovato in una parete di arenaria crollato dopo una tempesta. A quel tempo, era il Gruppo Archeologico Neapolis di Guspini che ha recuperato l'antico scheletro di un uomo, di circa 40 anni, che era soprannominato Beniamino, da allora conservati a Guspini. Beniamino era coperto di ocra rossa, ed è stato trovato insieme ad un guscio Trion di grandi dimensioni e frammenti di ossa di Prolagus sardus, un piccolo roditore ormai estinta. Problemi dovuti al recupero 'non scientifica' e successivo stoccaggio ha causato danni irreparabili al Beniamino rimane: "Non è stato possibile datare con C14 a causa della mancanza di collagene", spiega Rita Melis.

Durante la campagna 2007 di scavo, gli archeologi scoprirono altri resti umani nel sito; campioni inviati al laboratorio NSF dell'Università di Tucson (Arizona, USA), gli scienziati ha permesso fino ad oggi le ossa umane indietro a 8400 anni fa. Questa primavera, Melis e Mussi ha iniziato un nuovo scavo, seguito da un altro scavare questa settimana. "Subito, dopo aver recuperato i gusci di un'offerta sepoltura ci siamo resi conto che c'era qualcosa di importante", dice Melis, "E abbiamo rivolto la nostra attenzione su un punto particolare. Così abbiamo scoperto la parte di uno scheletro umano", ha aggiunto. "Abbiamo bisogno di esaminare se si tratta di una sepoltura tradizionale o una deposizione di un individuo lasciato in una grotta con una serie di offerte sepoltura", ha detto Margherita Mussi.

I due scienziati stanno effettuando una ricerca sui cambiamenti paleoambientali e climatici della Sardegna e della crescita della popolazione delle isole del Mediterraneo durante l'Olocene. "Questa scoperta permette di comprendere meglio i primi della Sardegna, un'isola lontana dal continente che, a differenza della Sicilia, non sia facilmente accessibile, " ha concluso Melis.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >