sei in Home > Mistero > News > Dettaglio News
8 Ottobre 2011 MISTERO
Eurek Alert
I MONUMENTI PIU' ANTICHI DEL MONDO NON ERANO TEMPLI
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Le strutture antiche scoperte in Turchia e ritenute i più antichi templi del mondo potrebbero non essere state edifici strettamente religiosi, dopo tutto, secondo un articolo apparso nel numero di ottobre di Current Anthropology. L'archeologo Ted Banning dell'Università di Toronto sostiene che gli edifici trovati a Göbekli Tepe potrebbero essere stati case per le persone, non gli dei.

Gli edifici a Göbekli, una collina appena fuori della città turca di Urfa, sono stati trovati nel 1995 da Klaus Schmidt dell'Istituto archeologico tedesco e colleghi del Museo Åžanlıurfa in Turchia. La più antica delle strutture sul sito sono immensi edifici con pilastri in pietra di grandi dimensioni, molte delle quali dispongono di sculture di serpenti, scorpioni, volpi e altri animali.

La presenza dell'arte negli edifici, lo sforzo notevole che deve essere stato coinvolto nella produzione e montaggio, e una mancanza di prove per ogni insediamento permanente nella zona, ha portato Schmidt e altri a concludere che Göbekli deve essere stato un luogo sacro dove pellegrini viaggiato al culto, proprio come le rovine greche di Delfi o Olimpia. Se tale interpretazione è vero che renderebbe gli edifici, che risalgono a più di 10.000 anni al neolitico, i templi più antichi mai trovati.

Tuttavia, Banning offre un'interpretazione alternativa che sfida alcuni dei crediti di Schmidt.

Si delinea sempre più evidenze archeologiche per le attività quotidiane sul sito, come ad esempio flintknapping e la preparazione dei cibi. "La presenza di queste evidenze suggeriscono che il sito non era, dopo tutto, privo di occupazione residenziale, ma probabilmente aveva ancora una grande popolazione, " Vietare detto.

Vietare continua sostenendo che la popolazione potrebbe essere stata ospitata nei templi presunta stessi. È in disaccordo con l'idea che la presenza di pilastri decorativi o gli sforzi di costruzione di massa, gli edifici non avrebbero potuto essere spazi residenziali.

"Il presupposto che 'l'arte', o anche l'arte 'monumentale', dovrebbe essere esclusivamente associata a santuari specializzati o altri spazi di uso non domestico riesce anche a sopportare lo scrutinio, " Vietare scrive. "Ci sono abbondanti testimonianze etnografiche di notevoli investimenti nella decorazione di strutture interne e spazi, sia per commemorare le gesta degli antenati, pubblicizzare la storia di un lignaggio o la generosità di un capo;. Iniziazioni o registrare e altri casa a base di rituali"

L'evidenza archeologica per l'arte nazionale dal periodo neolitico esiste pure, Banning, dice, come le pitture murali a Çatalhöyük, un altro sito archeologico in Turchia.

Vietare suggerisce che i templi pretesa può invece sono stati grandi case comuni ", in qualche modo simile alle case tavola grande della costa nord-ovest del Nord America con i loro messaggi casa impressionante e totem".

"Se è così, che avrebbe probabilmente ospitava famiglie abbastanza grande che potrebbe fornire un esempio estremamente precoce di quello che l'antropologo francese Claude Lévi-Strauss, chiamato 'casa delle società'", ha detto Banning. "Tali società utilizzano spesso strutture casa per garantire la competitività del display, luoghi per i rituali e simboli espliciti di unità sociale".

Vietare spera che più scavo presso il sito sarà in ultima analisi, far luce su come questi edifici sono stati utilizzati. Nel frattempo, spera che i ricercatori non sarà automaticamente scontato che la presenza di arte o di decorazione in strutture a Göbekli e altrove, denota una costruzione esclusivamente religiosa.

"E '... probabile che alcuni di questi edifici sono stati il ​​luogo per una varietà di rituali, probabilmente tra feste, i riti funebri, magia, e iniziazioni", scrive. "Eppure non vi è in genere motivo di presumere a priori, anche quando queste sono così impressionanti come gli edifici di Gobekli Tepe, che non fossero anche le case delle persone".

# # #

EB Banning, "Così Fiera Casa: Göbekli Tepe e l'identificazione dei Templi nel Neolitico pre-ceramico del Vicino Oriente." Current Anthropology 52:5 (ottobre 2011).

Current Anthropology è una rivista transnazionale dedicata alla ricerca sul genere umano, che comprende l'intera gamma di borse di studio antropologico sulle culture umane e sulla specie umana e di altri primati. La rivista è pubblicata da The University of Chicago Press e patrocinato dalla Wenner-Gren Foundation per la ricerca antropologica.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >