sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
2 Aprile 2011 ARCHEOLOGIA
Dan McLerran Liutprand.it
LE ORIGINI DELLE CITTA' IN MESOPOTAMIA
FOTOGALLERY
Rovine della città di Ur. Cortesia Lubinski.
Immagine satellitare della pianura alluvionale e della regione del delta Tigri-Eufrate con le zone paludose. Cortesia NASA.
Cortesia Central Intelligence Agency, CIA pubblicazione IA 94-10020.
tempo di lettura previsto 4 min. circa

I ricercatori di una missione archeologica esplorano i primi sistemi urbani e gli insediamenti che fondarono le basi per le grandi città mesopotamiche che seguirono.

In questa zona di terra tra i fiumi Tigri ed Eufrate, oggi, si vede per lo più deserto con insediamenti sparsi. Negli ultimi anni, questo è stato lo sfondo di operazioni di combattimento e militari, terra pattugliata da soldati nell'Iraq dilaniato dalla guerra. Ma sotto la superficie, secondo un team di ricercatori, si possono trovare i resti di antichi complessi costruiti agli inizi dell'urbanizzazione: le basi delle grandi civiltà mesopotamiche che seguirono.

Le indagini preliminari sono iniziate l'anno scorso quando un gruppo di tre ricercatori, l'assistente alla cattedra di antropologia Carrie Hritz della Penn State University, Jennifer Pournelle, assistente e ricercatrice presso la scuola dell'ambiente, University of South Carolina e Jennifer Smith, professoressa associata di geologia alla Washington University di St. Louis si impegnò nella ricerca nella regione del delta del Tigri-Eufrate per trovare le tracce che avrebbero aiutato ad avviare un'esplorazione della connessione tra le risorse della zona umida e la comparsa di alcune delle prime città. Essi stanno guardando siti archeologici dal quarto millennio a.C. fino al periodo islamico. "Stavamo cercando prove del passato nel terreno paludoso e negli ambienti del litorale, " ha detto Hritz. "Noi, io e la collega Dr. Jennifer Pournelle, abbiamo identificato possibili caratteristiche quali possibili antiche linee di spiaggia su immagini satellitari e speravano di verificarle sul terreno. Abbiamo trovato alcune prove per i sistemi antichi di divisione dei campi, conservati nelle paludi, ma questi non erano in grado di fornire una datazione".

Pochi possono immaginare che queste fossero zone umide e che solo alcune parti fossero coltivate. Ma prima del 1950, questa parte della regione del delta era ricca di terreno paludoso. Tra il 1950 e gli anni ' 90, la regione fu prosciugata sistematicamente da parte del governo iracheno per, apparentemente, procedere verso uno sviluppo agricolo. La politica ha svolto un ruolo decisivo. Saddam Hussein ha prosciugato le aree come parte del suo piano per controllare i dissidenti sciiti che vi abitano. La maggior parte degli arabi delle paludi, che tradizionalmente abitavano la zona, sono stati trasferiti, lasciandola sostanzialmente spopolata dei suoi ex residenti di lunga data. Ora, il ritorno della regione alle condizioni paludose è stato dichiarato una priorità nazionale.

Ora, lavorando contro l'orologio, il team di ricerca sta mettendo insieme le risorse necessarie per esplorare la regione, mentre è asciutta, affinché le prove possano essere più facilmente identificate, recuperate e registrate.

L'inizio non è stato facile. Hritz dice: "In ultima analisi, abbiamo trovato che l'unico modo per entrare nel paese era quello di andare in un tour con una società turistica britannica." Durante il tour, hanno trascorso del tempo con una guida privata conducendo un sondaggio di geo-archeologia, poi hanno dato lezioni all'Università di Bassora e si sono incontrati con gli individui chiave per stabilire rapporti di collaborazione e discutere il ruolo che l'Università poteva svolgere nella ricerca. Una delle prime cose all'ordine del giorno sarebbe determinare ciò che è già stato fatto. "Le indagini straniere in Iraq si sono interrotte nel 1990, " ha detto Hritz, "gli iracheni hanno continuato le ricerche, ma poiché il loro lavoro è inedito, non siamo sicuri dove operare. Tuttavia, dice Hritz, "archeologo iracheno Abdul Amir Hamdani ha condotto l'indagine archeologica nelle ex paludi recentemente e attendiamo con impazienza la pubblicazione dei suoi risultati".

In definitiva, i risultati del loro lavoro nella regione possono avere un notevole impatto sulla nostra comprensione delle origini dell'urbanizzazione e la comparsa delle prime città. "Il nostro interesse è rivolto all'antico insediamento, " Hritz ha detto alla riunione annuale della società di archeologia americana il 31 marzo. "Il primo periodo di insediamento è sempre legato allo sviluppo dell'agricoltura." E, lei sostiene, le paludi avevano tutte le risorse necessarie per sostenere i primi insediamenti umani dopo l'epoca dei cacciatori-raccoglitori. "La Mesopotamia meridionale è uno dei primi luoghi a fornire la prova dell'importanza dell'agricoltura di irrigazione nell'aumento della complessità sociale. Questo rapporto è stato esplorato nella pianura sedimentaria irrigua ma, a causa di una combinazione di fattori quali la mancanza di strade navigabili in passato e l'acqua nelle paludi, gli acquitrini hanno conosciuto una scarsa attività di esplorazione formale". Scoperte a parte, il lavoro sarà progettato a beneficio dello studio e della ricerca delle risorse nello stesso Iraq. L'Università di Bassora giocherà un ruolo di primo piano in questo sforzo. "Una cosa che siamo stati in grado di fare è stato portare avanti il processo per ottenere l'accesso Università di Bassora a JSTOR (un database online di oltre 1000 riviste accademiche), " diceva Hritz. "Ora hanno l'accesso."

Questo articolo è stato scritto con adattamento editoriale di informazioni fornite dal professore assistente di antropologia Carrie Hritz della Penn State University e l'American Association for the Advancement of Science attraverso EurekAlert.

Fonte: http://popular-archaeology.com/issue/april-2011/article/researchers-explore-origins-of-urbanization-in-iraqi-marshlands


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >