sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
12 Gennaio 2018 ARCHEOLOGIA
Gino Fornaciari https://www.sciencedaily.com
UNA MUMMIA DI UN BAMBINO DIMOSTRA CHE AVEVA L'EPATITE B
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

I resti mummificati di un bambino piccolo sepolto nella basilica di San Domenico Maggiore a Napoli, Italia. L'analisi precedente dei resti del XVI secolo aveva suggerito che il bambino fosse stato infettato dal vaiolo, in quella che era stata ritenuta la prima prova datata del virus. Tecniche avanzate di sequenziamento, ora suggeriscono che il bambino sia stato effettivamente infettato dall'epatite B.

Un team di scienziati ha sequenziato il genoma completo di un antico ceppo del virus dell'epatite B (HBV), gettando nuova luce su un patogeno pervasivo, complesso e mortale che oggi uccide quasi un milione di persone ogni anno. Sebbene si sappia poco sulla sua storia e origine evolutive, i risultati confermano l'idea che l'HBV sia esistita nell'uomo da secoli.

Sebbene si sappia poco sulla sua storia e origine evolutive, i risultati confermano l'idea che l'HBV sia esistita nell'uomo da secoli.

I risultati sono basati su dati genomici estratti dai resti mummificati di un bambino piccolo sepolto nella Basilica di San Domenico Maggiore a Napoli, Italia.

Le precedenti analisi scientifiche del sedicesimo secolo - che non includevano il test del DNA - suggerivano che il bambino fosse infetto dal virus Variola o dal vaiolo. In realtà, questa era la prova più antica per la presenza di vaiolo nei resti medievali e una tempistica critica per le sue origini.

Utilizzando tecniche avanzate di sequenziamento, i ricercatori suggeriscono ora il contrario: il bambino è stato effettivamente infettato dall'HBV. È interessante notare che i bambini infetti da infezioni da HBV possono sviluppare un'eruzione facciale, nota come sindrome di Gianotti-Crosti. Questo potrebbe essere stato erroneamente identificato come il vaiolo e illustrare l'ingannevole identificazione di malattie infettive in passato.

I risultati sono pubblicati online sulla rivista PLOS Pathogens .

"Questi dati sottolineano l'importanza degli approcci molecolari per aiutare a identificare la presenza di patogeni chiave nel passato, permettendoci di limitare meglio il tempo in cui possono aver infettato gli esseri umani", spiega Hendrik Poinar, un genetista evolutivo con il McMaster Ancient DNA Center e un investigatore principale presso l'Istituto Michael G. DeGroote per la ricerca sulle malattie infettive.

Usando piccoli campioni di tessuto di pelle e ossa, gli scienziati sono stati in grado di estrarre piccoli frammenti di DNA e quindi unire insieme pezzi di informazioni genetiche per creare un'immagine molto più completa.

Mentre i virus spesso si evolvono molto rapidamente - a volte in pochi giorni - i ricercatori suggeriscono che questo antico ceppo dell'HBV è cambiato poco negli ultimi 450 anni e che l'evoluzione di questo virus è complessa.

Mentre la squadra ha trovato una stretta relazione tra i ceppi antichi e moderni dell'HBV, entrambi mancano di quella che è nota come struttura temporale. In altre parole, non vi è alcun tasso misurabile di evoluzione per tutto il periodo di 450 anni che separa il campione di mummia dai campioni moderni.

Secondo alcune stime, oltre 350 milioni di persone viventi oggi hanno infezioni croniche da HBV mentre circa un terzo della popolazione globale è stata infettata a un certo punto della loro vita. I ricercatori suggeriscono che sottolinei l'importanza di studiare virus antichi.

"Più comprendiamo il comportamento delle pandemie e delle epidemie passate, maggiore è la nostra comprensione di come i moderni agenti patogeni potrebbero funzionare e diffondersi e queste informazioni alla fine contribuiranno al loro controllo", afferma Poinar.

TAG: DNA, Mummie

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >