sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
15 Ottobre 2017 ARCHEOLOGIA
http://www.tornosnews.gr
LA STORIA DELLA SCOPERTA DEL SITO NEI FONDALI DI ANTIKITERA
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 10 min. circa

Degli arti di bronzo, il coperchio di un sarcofago, pezzi di statua in marmo e un misterioso disco di bronzo sono stati tra i resti situati durante gli scavi di uno dei più antichi e famosi affondamenti di navi sono emersi in decenni dai fondali dell'Isola di Antikitera.

Mentre le statue sarebbero probabilmente state valutate come arte alta nel loro giorno, forse l'artefatto più intrigante trovato è un piccolo disco di bronzo. Punteggiata con fori e decorata con l'immagine di un toro, non è chiaro come sia utilizzato il disco, ha detto Simossi."Forse è la decorazione per mobili o forse un sigillo, o potrebbe essere uno strumento", suggerì Simossi. "È molto presto per dire".Ricorda anche il meccanismo Antikythera, un piccolo disco in bronzo che misura i movimenti celestiali con una precisione sorprendente. Quel pezzo è stato trovato tra i resti della nave nel 2006. Il meccanismo è così accurato, infatti, che è spesso definito come un "computer antico".La Divisione Grecia di Antichità Subacquee - un'agenzia governativa che fa parte del ministero dell'Archeologia del Paese - ha annunciato le sue scoperte mercoledì dopo diverse settimane di scavi, che son durate dal 4 al 20 settembre. Situato appena fuori dalla costa dell'isola greca di Antikythera, a 180 metri di distanza il mare, il cosiddetto naufragio di Antikythera può dare intuizioni sulla cultura romana durante il suo periodo d'oro."[Gli archeologi marini hanno trovato un tesoro molto grande di statue di marmo e di bronzo e altri oggetti", ha affermato il co-leader Aggeliki Simossi.Secondo lei, la nave mercantile del I secolo aC sarebbe stata destinata a Roma, dove ricchi membri della società romana decorarono le loro ville con l'arte greca. Grande per il suo tempo, la nave ha misurato circa 130 metri di lunghezza, il che significa un grande stash di artefatti era a bordo quando è partito per l'Italia.Il filmato sparato durante lo scavo mostra agli archeologi che tirano un frammento realistico di scultura di un braccio dal gomito alle dita. L'inclinazione aperta di alcune delle mani delle statue, con le dita che sembrano gesti verso l'alto e verso l'esterno, suggeriscono che sono state modellate dai filosofi.Altri scavi durante il 2018Il team di archeologi, co-diretto da Simossi e dall'archeologo Brendan Foley dell'università di Lund in Svezia, continuerà a studiare i resti del bivio di quest'anno, prima di tornare al sito del naufragio entro il maggio del 2018 per ulteriori scavi.Mentre Simossi ha sottolineato che il lavoro sul campo di quest'anno ha prodotto un carico più grande degli anni precedenti, il naufragio di Antikythera è stato il dono archeologico che continua a dare. È stato scoperto per la prima volta nel 1900 da subacquei di spugna, che individuavano arti di statue di bronzo.Gli arti "orfani", come chiamati dagli archeologi, suggerivano presto che quel più tesoro stava aspettando di essere scoperti. Il famoso esploratore marino francese Jacques Cousteau ha scavato le rovine nel 1976, trovando ulteriori statue e alcuni manufatti più piccoli.Mentre il sito è stato conosciuto da oltre 100 anni, gli scavi sono stati intermittenti dal viaggio di Cousteau negli anni '70. L'attenzione di Foley alla regione nel 2014 ha rinnovato l'interesse archeologico. Forse uno dei reperti più significativi è arrivato nel settembre dello scorso anno, quando gli archeologi hanno trovato resti umani nel sito. È stata la prima opportunità di esaminare il DNA di 2.000 anni dal relitto, che potrebbe fornire maggiori informazioni sulla sua storia. Il DNA è ancora in fase di analisi ma il lavoro iniziale suggerisce che era probabilmente un giovane maschio.Discutendo la scoperta nel 2016 con Nature, Foley sosteneva che la nave affondò improvvisamente e dalle condizioni naturali, probabilmente una tempesta.Secondo Simossi, il relitto contiene il carico di qualsiasi nave conosciuta rimane nel Mar Mediterraneo. Il lavoro lento e premuroso di pettinatura attraverso il relitto significa che più scoperte sono possibili lì.Più sfondo sul naufragioVerso la Pasqua del 1900, il capitano Dimitrios Kondos e il suo equipaggio di simbiosi di spugna da Symi hanno navigato attraverso l'Egeo fino alla zona di pesca fuori dal Nord Africa. Si fermarono all'isola greca di Antikythera per aspettare i venti favorevoli. Durante la sosta, cominciarono a immergersi sulla costa dell'isola che indossavano i vestiti di immersione standard - capi di tela e caschi di rame - del tempo.Il diver Elias Stadiatis scese fino a 45 metri di profondità, poi ha subito segnalato di essere tirato verso la superficie. Ha descritto uno spettacolo horror sul mare: un mucchio di cadaveri e cavalli sparsi tra le rocce. Pensando che il subacqueo fosse ubriaco dall'azoto nel suo mix di respirazione a quella profondità, lo stesso Kondos indossava l'attrezzatura subacquea e presto tornò alla superficie con il braccio di una statua di bronzo. Poco dopo, gli uomini partirono come previsto per pescare le spugne, ma alla fine della stagione tornarono in Antikythera e recuperarono diversi manufatti del relitto. Kondos ha riportato i reperti alle autorità di Atene e rapidamente le navi navali elleniche sono state inviate per sostenere lo sforzo di salvataggio dal novembre 1900 al 1901.Recupero artificialeInsieme al ministero dell'istruzione greca e alla Royal Naval Naval, i subacquei di spugna hanno recuperato numerosi artefatti dalle acque. Verso la metà del 1901 i subacquei avevano recuperato statue di bronzo denominate "Il Filosofo", la Gioventù di Antikythera (Ephebe) di c. 340 aC e trentasei sculture di marmo tra cui "Ercole", Ulysses, Diomede, Hermes, Apollo, tre statue di cavalli marmoree (un quarto è stato abbandonato durante il recupero e persa sul fondo del mare), una lira di bronzo e parecchi pezzi di vetro. L'attrezzatura della nave comprendeva i tubi di piombo e le lamiere dello scafo e un insieme di quattro pesi massicci di sospensione (fino a 14 kg). Questi sono gli unici pesi suonati mai scoperti su un antico naufragio nell'Egeo, benché altri esempi comparabili siano stati recuperati lungo la costa levantina. Sono stati trovati anche molti altri artefatti piccoli e comuni, e l'intero assemblaggio è stato portato al Museo Archeologico Nazionale di Atene. La morte del subacqueo Giorgos Kritikos e la paralisi di altri due a causa della malattia di decompressione hanno messo fine al lavoro durante l'estate del 1901.Il 17 maggio 1902, l'archeologo Valerios Stais ha fatto la scoperta più celebre studiando i manufatti del Museo Archeologico Nazionale. Notò che un pezzo di bronzo fortemente corroso aveva una ruota dentata incorporata e iscrizioni leggibili in greco. L'oggetto sarebbe conosciuto come il meccanismo di Antikythera. Originariamente pensato per essere una delle prime forme di un orologio meccanizzato o di un astrolabe, a volte è definito il più antico computer analogico noto al mondo.Il relitto è rimasto incontaminato fino al 1953, quando l'ufficiale e l'esploratore francese Jacques-Yves Cousteau hanno visitato brevemente per riportare il sito. Cousteau è tornato con una squadra piena nell'estate e nell'autunno del 1976 su invito del governo greco. Sotto la direzione dell'archeologo Dr. Lazaros Kolonas, il team ha recuperato quasi 300 manufatti, tra cui quattro scafi in scafo, vasi in ceramica, monete in bronzo e argento, pezzi di bronzo e sculture in marmo, statuette di bronzo, diversi gioielli d'oro e persino resti umani dell'equipaggio e dei passeggeri.Anche se il recupero di artefatti dal naufragio è stato molto successo e realizzato entro due anni, il sito risulta difficile e richiede molto più tempo. Sulla base di lavori conosciuti con provenienze note, le statue di bronzo risalgono al IV secolo aC, mentre le statue di marmo erano suggerite come copie delle opere precedenti dell'epoca ellenistica.La testa del filosofoAlcuni studiosi hanno ipotizzato che la nave stava parte del saccheggio del generale romano Sulla di Atene nel 86 aC e avrebbe potuto essere in viaggio verso l'Italia. Un riferimento dello scrittore greco Lucian a una delle navi di Sulla che affonda nella regione di Antikythera ha dato origine a questa teoria. Sostenere una prima data del primo secolo aC erano utensili domestici e oggetti della nave, simili a quelli conosciuti da altri contesti del 1 ° secolo aC. Le anfore ricavate dal relitto indicavano una data dell'80-70 aC, la ceramica ellenistica una data del 75-50 aC e le ceramiche romane erano simili a quelle conosciute nella metà del I secolo. Tuttavia, ogni possibile associazione con Sulla veniva eliminata quando le monete scoperte negli anni '70 durante il lavoro di Jacques Cousteau e dei loro associati erano datate tra il 76 e il 67 aC. Tuttavia, è probabile che la nave da carico incappucciata sia in viaggio verso Roma o altrove in Italia con tesori saccheggiati per sostenere una sfilata trionfale. In alternativa, forse il carico è stato assemblato su commissione da un ricco patrono romano.I resti delle lastre dello scafo mostravano che la nave era fatta di elm, un legno spesso utilizzato dai romani nelle loro navi. Alla fine nel 1964 un campione della plancetta di scafo è stato carbonio datato e ha consegnato una data calendario calibrata di 220 aC ± 43 anni. La disparità nella data radiocarbonata calibrata e la data prevista basata sulle ceramiche e sulle monete è stata spiegata dalla plancia del campione proveniente da un vecchio albero tagliato molto prima dell'evento di affondamento della nave.Ulteriori prove per una data di affondamento del primo secolo aC arrivarono nel 1974, quando il professore di Yale University Derek de Solla Price pubblicò la sua interpretazione del meccanismo Antikythera. Ha sostenuto che l'oggetto era un computer di calendario. Dalle impostazioni degli ingranaggi e dalle iscrizioni sui volti del meccanismo, ha concluso che il meccanismo è stato fatto circa 87 aC e perso solo pochi anni dopo.Nuove spedizioniNel 2012 l'archeologo marino Brendan P. Foley dell'Istituto oceanografico di Woods Hole negli Stati Uniti ha ricevuto il permesso del governo ellenico di condurre nuove immersioni intorno all'intera isola di Antikythera. Con il co-direttore del progetto Dr. Theotokis Theodoulou, i subacquei hanno iniziato un'indagine preliminare di tre settimane nell'ottobre 2012 utilizzando la tecnologia rebreather, per permettere di approfondire le immersioni fino a una profondità di 70 metri (230 ft). il sito. La squadra ha completato una circumnavigazione subacquea dell'isola, ha documentato diversi reperti isolati, ha trasferito il relitto Antikythera e ha identificato un secondo naufragio antico poche centinaia di metri a sud del relitto Antikythera.L'Ephorate ellenica di antichità subacquee e l'istituto oceanografico Hole Woods hanno continuato le indagini in Antikythera. Nel 2014 e nel 2015 hanno condotto indagini di mappatura robotica sui due siti di antenati antichi, collaborando con il Centro Australiano per la Robotica Campo dell'Università di Sydney. Gli scavi successivi del relitto Antikythera nel 2014-2016 hanno fornito nuovi reperti dalla nave stessa: elementi di legno dallo scafo o dai ponti, componenti di due ancore in piombo, un enorme anello di recupero di piombo, lamiere di piombo, diversi chiodi e spilli in bronzo, e un anello di bloccaggio in bronzo. Il relitto ha anche abbandonato molti beni di lusso tra cui due grandi spezie di bronzo provenienti da statue, la mano sinistra di una statua in marmo, ciotole di vetro ornate, vasi in ceramica intatti di diversi stili diversi, e un anello d'oro molto simile all'esempio recuperato nel 1976. Una straordinaria scoperta è un'arma antica nota come un delfino, una lampadina di piombo da 100 kg (220 lb) con punta di ferro, destinata a essere lasciata cadere ponte e scafo di una nave attaccante. Questo è l'unico esempio di un delfino da guerra mai scoperto. Il 31 agosto 2016, uno scheletro umano di 2000 anni soprannominato Pamphilos fu scoperto al naufragio. Una nuova missione e scavo nel settembre 2017 comportano il recupero di un braccio di bronzo insieme ad altri frammenti di statue di bronzo e di marmo e la localizzazione di frammenti significativi dello scheletro e della plancia di una parte della nave. destinato ad essere lasciato cadere dall'attaccatura della nave attraverso la piattaforma e lo scafo di una nave attaccante. Questo è l'unico esempio di un delfino da guerra mai scoperto. Il 31 agosto 2016, uno scheletro umano di 2000 anni soprannominato Pamphilos fu scoperto al naufragio. Una nuova missione e scavo nel settembre 2017 comportano il recupero di un braccio di bronzo insieme ad altri frammenti di statue di bronzo e di marmo e la localizzazione di frammenti significativi dello scheletro e della plancia di una parte della nave. destinato ad essere lasciato cadere dall'attaccatura della nave attraverso la piattaforma e lo scafo di una nave attaccante. Questo è l'unico esempio di un delfino da guerra mai scoperto. Il 31 agosto 2016, uno scheletro umano di 2000 anni soprannominato Pamphilos fu scoperto al naufragio. Una nuova missione e scavo nel settembre 2017 comportano il recupero di un braccio di bronzo insieme ad altri frammenti di statue di bronzo e marmo e la localizzazione di frammenti significativi dello scheletro e della plancia di una parte della nave.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >