sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
10 Febbraio 2011 ARCHEOLOGIA
The Independent
ORO DI SPAGNA CONTESO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 6 min. circa

Per 200 anni, le monete d'argento sono rimaste in silenzio sui fondali dell'Atlantico, 3.000 piedi sotto le onde. Si riunivano in ciuffi come rocce attraverso un vasto corridoio di fondale oceanico vicino a sud del Portogallo, pergamenati con sedimenti e un totale di 17 tonnellate di peso.

Le monete erano certamente di alcuna utilità per i 250 marinai che li portò dal Perù su ciò che era probabilmente la fregata spagnola Nuestra Señora de las Mercedes, che affondò nel 1804, dilaniato dal fuoco dei cannoni britannico. Ma ora, trasportati dai loro landlubbers tomba a litigioso acquoso-ancora-lucrativo, quelle monete inattivi 600.000, riferito la pena fino a 500 milioni di dollari, sono di lavoro straordinario.

Essi hanno innescato un'alta posta in gioco battaglia legale negli Stati Uniti tra la Spagna, che rivendica la proprietà del bounty e Odissea Marine esplorazione, la compagnia americana di naufragio-caccia che esso rilevato con robot hi-tech, si extricated dal fondo marino e volò in bucketfuls in Florida nel 2007. Essi hanno dragati fino torbide domande circa la proprietà e conservazione dei tre milioni relitti che l'Unesco crede ancora resto su piani di oceano del mondo.

Più recentemente quelle monete croccante, crede di essere la più grande collezione da un singolo sito di acque profonda, sono un imbarazzo causato diplomatico anche grazie ai cavi del dipartimento di stato americano pubblicati dalla WikiLeaks. Si scoprì che l'arma più recente e altamente improbabile, nella scaramuccia transatlantico sopra il tesoro incassato: pittura impressionista di Camille Pissarro, intitolato Rue Saint-Honore, Apres Midi, Effet de Pluie.

Questo dipinto, valutate a 20 milioni di dollari, si blocca nel Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid, condivisione apparentemente nulla in comune con lotte navali o relitti, tranne forse l'acqua piovana che schizza sulla strada di Parisian grigio di Pissarro.

Ma il dipinto fu una volta posseduto da un ebreo tedesco fu costretto a vendere comodamente a ufficiali nazisti in cambio di un visto d'uscita nel 1939. I discendenti del proprietario in California hanno condotto i propri legali bout con lo Stato spagnolo dal 2005. Il Museo si rifiuta di cedere, sostenendo che esso è stato acquistato onestamente lungo dopo aver rubarono i nazisti. Immettere WikiLeaks. Secondo i cavi, il governo americano offerto aiutare la Spagna nella sua lotta legale per il tesoro incassato in cambio di assistenza spagnola nel recupero della Pissarro.

I cavi, l'ambasciatore americano ha suggerito che i due paesi "avvalersi di qualsiasi margine di manovra che avevano, coerente con i loro obblighi giuridici, di risolvere problemi di entrambi in un modo che favorivano le relazioni bilaterali."

Non è noto se tali uno swap infatti è stato offerto. Ma la possibilità divenne rapidamente la carne da cannone per la società di archeologia sottomarina, che sta usando la presunta collusione fra i due governi per rafforzare il suo caso prima negli Stati Uniti ricorsi Corte.

"La possibilità che qualcuno nel governo degli Stati Uniti si avvicinò con questa offerta perfidi a sacrificare l'Odissea, sue migliaia di azionisti, e i molti posti di lavoro creati dalla società in cambio per il ritorno di un dipinto di un individuo è difficile da credere, " chief executive del Odissea, Greg Stemm, ha detto in una dichiarazione scritta quando i cavi sono stati pubblicati nel mese di dicembre.

Odissea non credo vi siano prove sufficienti a stabilire che il tesoro è venuto da Nuestra Señora de las Mercedes, che è stato attaccato da navi britanniche disegno Spagna nelle guerre napoleoniche. Si riferisce semplicemente al relitto da un nome in codice, Black Swan. Ma anche se il cigno nero è la Mercedes, la società ritiene che ha ancora un diritto al tesoro. Mercedes, Odissea sostiene, svolgeva una missione commerciale, e la maggior parte delle monete d'argento apparteneva ai mercanti, non lo Stato spagnolo. Ai sensi della legge statunitense, Stati stranieri hanno il diritto di reclamare solo militari relitti, la società sostiene.

Spain's legal counsel, James Goold, of the Washington-based firm Covington&Burling, rejects that claim - "it's like claiming the USS Arizona in Pearl Harbour was a merchant ship" - and accuses the company of thwarting UN conventions on protecting undersea heritage.

"They secretly found the site, they conducted a round-the-clock campaign for two or three weeks to strip the site of coins, and then they sailed away - that's looting, not archaeology, " Mr Goold told The Independent. "They didn't seek authorisation or report the ship. Instead they grabbed as many coins as possible and concocted a cover story that they didn't know what ship it was."

According to Mr Goold, Odyssey's own videos, presented as evidence, demonstrate that the ship is the Spanish frigate. "There were Spanish navy cannons, swords, small arms, the rudder, everything just like you see at the Naval Museum in Madrid, but Odyssey didn't recover it, " Mr Goold said. "They just took the coins, steered clear of the cannons and claimed it was a mystery ship with no intact hull found. But it wasn't intact because it blew up."

The Spanish government, meanwhile, has treated the company like modern-day pirates. Spanish police blocked Odyssey's ship when it left port at Gibraltar, forcefully searched the cargo and jailed the captain overnight.

Mr Stemm of Odyssey said he was surprised by the hostile treatment. "We had a good relationship with the Spanish government for a long time, " he said. "We actually invited the Ministry of Culture to send archaeologists along with the project."

The sunken treasure caper has sparked debate in Spain about how to keep thousands of other colonial-era shipwrecks from private hands. A national environmentalist group, Ecologists in Action, petitioned Spain's Culture Ministry to recover all of the sunken treasures, place the best artefacts in museums and auction the rest - with proceeds going to Latin America's indigenous peoples.

But it is hard for cash-strapped governments such as Spain's to afford the technology to compete with a company like Odyssey, which trades on the Nasdaq stock exchange and which has, according to Mr Stemm, invested $150 million in developing its technology.

Indeed, the world of the hi-tech shipwreck hunter is unlike anything Jacques Cousteau encountered with his aqualung. The company's team of nearly 200 archaeologists, engineers, conservationists and other technicians scan the ocean depths with the help of an eight-tonne underwater robot nicknamed Zeus and a barrage of equipment. Last year's operations cost Odyssey $20 million.

With unmanned robots reaching record depths throughout the world, archaeologists are increasingly concerned how best to preserve underwater heritage. According to Unesco, more than 160 large shipwrecks have been commercially exploited since the 1980s. In 2001, Unesco drafted a convention to protect wreck sites. It recommends preservation of objects in their original locations and bans trade or speculation in artefacts.

Odyssey takes pains to distance itself from irresponsible "treasure hunters" who, as Mr Stemm puts it, "tear apart shipwrecks in search of treasure without any regard to the archaeological and historical importance of the site".

The company points to HMS Victory as an example of its illuminating power. Following an agreement with the British government, the company searched for the 18th century predecessor to Lord Nelson's flagship, considered the largest and most sophisticated of its day. In 2008, Odyssey's crew located the wreck in the English Channel, about 60 miles from where it was thought to have gone down with 900 souls, 110 bronze cannons and £400, 000. "It solved a long-standing naval mystery, " Mr Stemm said.

Stay tuned: the silver has yet to turn up.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >