sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
27 Gennaio 2011 ARCHEOLOGIA
Sabbagh H. http://www.english.globalarabnetwork.com/
RITROVATE 650 TAVOLETTE IN SCRITTURA CUNEIFORME
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Scoperte archeologiche nel sito di Tell Lilan situato a 120 km a nordest di Hasaka indicano l'importanza storica del sito, che risale agli inizi del secondo millennio aC.

Il sito si trova su una delle importanti vie commerciali che collegavano le antiche Cappadocia, Ashur con i principali centri dell'Anatolia.

Gli scavi che sono stati effettuati in vari settori nel sito dal 1978 mostrano che l'area è stata abitata per la prima volta durante la metà del sesto millennio aC ed ha continuato ad esserlo fino alla fine del 1800 aC.

Sono state scoperte ceramiche risalenti al periodo Halaf (6500-5500 aC) e al periodo di Ubaid (6500-3800 aC), oltre a vasi a forma di campana, risalente al periodo di Uruk (4000-3100 aC).

Gli scavi hanno scoperto un importante insediamento umano risalente al periodo di Ninive. Ceramiche dentata, tazze giallo, piedistalli di statue colorate e pentole .

Il sito che misura quasi 15 ettari di terreno inizia ad essere abitato verso la prima metà del 3 ° millennio aC. Successivamente vi è stato ad un boom improvviso, sia in termini di popolazione che di sviluppo civile durante la metà del 2 ° millennio aC. Durante questo periodo, un muro e un sistema difensivo sono stati eretti per proteggere le aree residenziali in espansione, trasformando il sito da un piccolo villaggio ad una città che copre oltre 90 ettari.

Un tempio è stato scoperto nel lato nord-est del sito.

Le sue più spiccate caratteristiche sono le facciate, i pilastri decorati con motivi spiralati, ed un corridoio centrale, circondato da camere sui lati est e ovest.Sono stati trovati nel tempio anche ceramiche, sigilli, tavolette cuneiformi e cilindrici .

Vi è un locale che si trova nella zona bassa del sito in cui è stato rinvenuto un archivio di 650 tavolette cuneiformi con scritti in dialetto antico babilonese, con i testi sia amministrativi che economici, messaggi politici e di trattati che fanno luce sugli sviluppi nel settore a seguito della caduta del città di Mari (circa 1759 aC).

Secondo i testi trovati a Tel Lilan e altri siti, alla città fu dato il nome Shubat Enlil che significa "la casa di Enlil" (Enlil era un antico dio) dal re assiro Shamshi-Adad I. Prima di allora, era conosciuto come Shekhna, e questo nome è stato utilizzato nuovamente dopo la morte di Shamshi-Adad I nel 1776 aC. La città fu distrutta dal re Samsu-iluna di Babilonia nel 1728, e da allora è rimasta disabitata.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >