sei in Home > Mistero > News > Dettaglio News
24 Gennaio 2011 MISTERO
Aardvarchaeology
UN MAMMUT PIGMEO E' RAFFIGURATO IN UNA TOMBA EGIZIA ?
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Nel 1994, Baruch Rosen ha pubblicato un breve articolo su Nature in cui ha richiamato l'attenzione sulla piccole zanne di un elefante peloso in una pittura di una tomba egizia. Le persone accanto a l'elefante sembrano essere dei commercianti siriani in possesso di oggetti che includono zanne. Loxodonta africana elefanti e l'ormai estinto popolazione del Medio Oriente del Elephas maximus elefante asiatico erano entrambi noto agli antichi Egizi, ma elefante Rekhmire non sembra essere neanche. La sua pelosità apparente, torna a cupola convessa e la testa fanno apparire come un elefante asiatico giovanile, ma allora perché è mostrato con enormi zanne? Sembra che abbia un orecchio abbastanza grande, però se questo è a forma di orecchio più simile a quella di Loxodonta o Elephas è difficile dire.

E' stata quindi avanzata l'ipotesi che possa essere un'esemplare nano di un mammothsMammuthus, che tra l'altro vivevano ancora di recente, circa 3700 anni fa (anche se su Wrangel nella regione artica della Siberia: Vartanyan et al (1993), Guthrie (2004).).

Rosen (1994) avanza l'ipotesi che l'elefante mostrato nella tomba Rekhmire's possa effettivamente essere un mammut-nano. Se fosse vero, ciò avrebbe conseguenze radicali. Ciò significherebbe che gli antichi Egizi avevano una sorta di scambi con la Siberia orientale, e anche che i mammut erano catturati e poi trasportati in vita in Africa!

Tuttavia, Rosen (1994) suggersisce che l'elefante nel dipinto potrebbe possa essere una rappresentazione simbolica di un elefante piuttosto che la raffigurazione di un esemplare vivo. L'idea qui è che, dato che l'accompagnatore è rappresentato con le zanne, l'artista ha aggiunto un elefante in miniatura per indicare l'origine conosciuta di queste zanne. Il suggerimento è stato inoltre fatto che gli artisti egiziani a volte ha fatto vedere gli animali non-umani più piccole di dimensioni di quelle reali in modo che gli animali non prendevano molto spazio nella processione illustrata (Davies N. de Garis, cit Masseti 2001). Ma poi qualcuno dice che gli artisti egiziani solo non ha fatto le cose in questo modo e, in ogni caso, l'elefante nel dipinto non ha l'aspetto stilizzato - è raffigurato come un animale vero e proprio, di dimensioni di vita animale. Contro l'idea di elefante nano peloso possa essere una miniatura stilizzata è il fatto che una giraffa anche lei in una tomba viene mostrata alto come era possibile .

Come avrete già intuito, vi è poi una terza possibilità: questo è che gli elefanti Rekhmire non è né un mammut siberiano né un torto, in scala simbolica 'elefante', ma forse una rappresentazione di uno dei pigmei del Mediterraneo-dimora specie di isola. La maggior parte degli elefanti nani Mediterraneo sono stati gli animali del Pleistocene, che erano ormai lontani dal tempo dei Faraoni, ma Masseti (2001) ha osservato che una popolazione di elefanti nani sembrano aver indugiato in isolamento sull'isola greca di Tilos (che si trova tra Rodi e Kos). Gli elefanti Tilos apparentemente rimangono senza nome ma sono stati spesso paragonati a quelli di Malta e la Sicilia.

In ogni caso, la datazione al radiocarbonio di elefanti nani della Tilos pone evidentemente alcuni di loro in una data abbastanza recente come circa 4300 anni (+ / - 600 anni), il che significa che si sovrapponevano con la presenza di persone Età del bronzo sull'isola (Masseti 2001). Esiste la possibilità remota, quindi, che gli elefanti Tilos furono catturati dagli antichi egiziani e quindi oggetto di scambi con i vicini popoli orientali ed egiziani - in effetti, si conoscono che scambi noto si son verificati tra queste regioni nel corso della tarda età del bronzo.

Quindi sinora non si è giunti ad alcuna certezza, anche se l'ipotesi del Mammuth nano rimane quella più "intrigante"


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >