sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
23 Gennaio 2011 ARCHEOLOGIA
http://www.thelocal.de
RICOSTRUITO IL VOLTO DI UNA DONNA MORTA IN UNA PALUDE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Un team di esperti hanno presentato i loro risultati Giovedi ad Hannover, comprese le simulazioni del viso della donna ritrovata in una palude chiamata "Moora". Archeologi hanno iniziato a studiare il ritrovamento oltre sei anni fa, secondo le notizie rilasciate dalla rivista Der Spiegel .

Gli esperti della University Medical Center Hamburg-Eppendorf (UKE) han generato un modello digitale delle ossa, che è stato usato per fare una replica del cranio della donna di palude. Più tardi, cinque ricercatori provenienti dalla Germania e dal Regno Unito han presentato una serie di ricostruzioni facciali.

"Adesso si può guardare il volto di una giovane donna che viveva in un'epoca in cui Roma era ancora solo un piccolo villaggio", ha detto Stefan Winghart, responsabile della sede regionale per la conservazione del patrimonio della Bassa Sassonia.

Dopo aver esaminato il cadavere Moora, i ricercatori hanno stimato l'età della sua morte intorno ai 17/19 anni. La sua vita fu breve ma massacrante: La squadra ha determinato che la giovane donna soffriva di malnutrizione, infiammazione cronica, la curvatura della colonna vertebrale - così come un tumore benigno alla base del cranio. Vi erano anche un paio di fratture del cranio a causa di traumi.

Gli esperti hanno detto Moora probabilmente ha vissuto una vita di intenso lavoro fisico - e probabilmente regolarmente effettuava carichi pesanti, come brocche d'acqua, mentre stava attraversando la palude.

Quando i resti di Moora sono stati inizialmente scoperti - tra le vertebre, capelli e pezzi di cranio - il corpo non è stata trattata come un reperto archeologico. Fino ad un test del DNA che ha sostenuto il contrario, il cadavere è stato sospettato di essere il corpo della giovane donna Elke Kerll, scomparsa nel 1969 dopo essere andata in una discoteca.

Dopo che una mano umana era stata scoperta nel sito cinque anni dopo, gli archeologi hanno cominciato a dare un'occhiata più da vicino. La datazione al radiocarbonio completato presso l'Università di Kiel, ha confermato che la ragazza era morta tra 764 e 515 aC.

Nonostante gli sforzi dei ricercatori per saperne di più sulla vita di Moora, le circostanze della sua morte rimangono un mistero. Il team ha determinato che la giovane donna era nuda, al momento della sua morte - e l'assenza di abbigliamento o gioielli nel sito sembra suggerire che la giovane donna non ha subito un incidente mortale. Ma il ritrovamento è anche in contraddizione con la conoscenza storica delle pratiche di sepoltura comune durante l'età del ferro, dove la maggior parte dei corpi sono stati cremati.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >