sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
15 Gennaio 2011 ARCHEOLOGIA
http://www.pasthorizons.com/
IL PIU' COMPLETO DATABASE MEDIEVALE SCOZZESE E' ORA ONLINE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Il più completo database europeo di sempre che descrive gli abitanti nei secoli centrali del Medioevo è stato ora pubblicato online grazie ad un finanziamento della Arts and Humanities Research Council (AHRC).

Il database multidimensionale contiene informazioni su ogni persona di cui più di 6.000 documenti dalla Scozia tra il 1093 e 1286. Esso mostra non soltanto chi fossero, ma dà un'idea di come essi siano collegati gli uni agli altri come individui, nelle diverse parti della società, sia come gaelici sia come non-gaelici.

Il Professor Dauvit Broun, Principal Investigator, dell' Università di Glasgow, ha dichiarato: "Il database consentirà agli studiosi in tutto il mondo, così come chiunque abbia un interesse per la storia scozzese di studiare la gente di un regno medievale senza precedenti. "

"Il progetto si concentra sul 12 ° e 13 ° secolo poiche' questo è il periodo in cui ' la Scozia 'e lo ' scozzese 'come si è cominciato a fare e dire quello che fa oggi. Entro la fine di questo periodo, sembra essere stato dato per scontato che il re regnasse su di un singolo paese i cui abitanti erano un solo popolo: gli scozzesi. Ma questo contrasta con l'inizio di questo periodo, quando il re è stato pensato come governante su un certo numero di regioni e di popoli diversi.

"Il modo in Scozia e gli scozzesi è venuto per essere così radicalmente ridefinito in questo periodo non possono essere spiegati semplicemente con le gesta di uomini potenti. Il suo segreto sta nella storia del popolo in generale che ha creato questa nuova identità da se stessi e questo è ciò che rende questo periodo così affascinante da studiare. Il 'paradosso' è che, a quel tempo, la Scozia è stata sempre più inglese, con il governo, la chiesa, l'economia, il diritto, la lingua e la cultura è diventata molto più vicina in Inghilterra rispetto a prima. Tuttavia, il risultato non era semplicemente un prolungamento dell 'Inghilterra nel nord. Invece, questa nuova identità è stato collegato a una presa di coscienza consapevole dello stato della Scozia come un regno indipendente. "

La banca dati - che si trova a questo link:

www.poms.ac.uk

è stata prodotta dalla guida AHRC progetto finanziato Glasgow, 'Il paradosso della Scozia medievale, dal 1093 al 1286' che comprende anche ricercatori di Edimburgo e del King's College di Londra.

Il successo del progetto ha attirato ulteriori finanziamenti dal AHRC per un nuovo progetto triennale di collaborazione - con ricercatori di Lancaster, Edimburgo e King's College di Londra - lo sviluppo della banca dati per studiare la società transfrontaliera e l'indipendenza della Scozia durante gli anni 1216-1314 .

Il progetto si concentra sul periodo che inizia con il fallimento della rinascita di breve durata con Alessandro II, di un 'regno Scoto-Northumbrian' nel 1216-1217, e termina con l'abolizione formale della proprietà terriera dei transfrontalieri da Robert I nel novembre 1314 in seguito alla sua vittoria a Bannockburn.

TAG: Medioevo

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >