sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
15 Gennaio 2011 ARCHEOLOGIA
Archaeology Daily
L'INFLUENZA DEL CLIMA SULLA CADUTA DELL'IMPERO ROMANO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

Pensate piccole variazioni di temperatura e livello delle precipitazioni non hanno un grande impatto?

Un periodo prolungato di tempo umido ha stimolato la diffusione della peste bubbonica nel medioevo, secondo un nuovo studio. E un periodo di 300 anni di tempo imprevedibile ha coinciso con il declino dell'Impero Romano.

Il cambiamento climatico non era necessariamente la causa di questi e di altri importanti eventi storici, dicono i ricercatori. Ma lo studio, che ha messo insieme una storia anno per anno, di temperatura e delle precipitazioni in Europa occidentale, risalente sino a 2.500 anni, offre il quadro ancora più dettagliato di come il clima e la società si sono intrecciate per millenni.

Con uno sguardo al passato, il lavoro può aiutare la società a prepararsi meglio per il cambiamento climatico in futuro, informando le decisioni di politica pubblica sulla gestione dell'acqua e altre risorse.

"Abbiamo bisogno di avere una migliore comprensione circa il sistema climatico antica e la sua variabilità a capire la situazione moderna", ha dichiarato Ulf Büntgen, un paleoclimatologo presso il Istituto federale di ricerca di Zurigo. "Non fornisce previsioni. Ma ci puo' essere di grande aiuto per comprendere i meccanismii e le correlazioni tra clima e società".

Büntgen e colleghi hanno collaborato con diversi archeologi ed hanno realizzato una banca dati di oltre 9.000 pezzi di legno risalente a 2.500 anni. I campioni provenivano sia da piante vive e resti di edifici e altri manufatti in legno, il tutto da Francia e Germania. Misurando l'ampiezza degli anelli di crescita annuale nel bosco, i ricercatori sono stati in grado di determinare i livelli di temperatura e delle precipitazioni su base anno per anno.

Per ottenere le temperature annuali, hanno misurato gli anelli di alberi di conifere di alta quota, che crescono più velocemente in estati più calde e più lento negli anni più freddi. Per misurare le precipitazioni, si son guardati le larghezze degli anelli bassi delle querce, che crescono più velocemente in questi anni con più alti livelli di precipitazioni. Altre tecniche ha permesso di capire esattamente l'anno di ogni anello.

Nel complesso, le analisi hanno dimostrato che il grado di cambiamenti climatici che si verificano oggi è senza precedenti negli ultimi 2.500 anni, è stata pubblicata una relazione di questo studio oggi sulla rivista Science. Poiché i modelli correlati dati meteo con gli anni esatti, i ricercatori sono stati anche in grado di concentrarsi su specifici momenti della storia.

Ancora e ancora, i dati suggeriscono, il clima ha inciso la cultura in modo drammatico. Insolitamente turni estremi e frequenti nei modelli climatici tra i 250 e 550, per esempio, è coinciso con un periodo di sconvolgimenti eccezionali in situazioni politiche ed economiche dell'Europa.

Appena le condizioni metereologiche si sono stabilizzate nuovamente tra circa 700 e 1000, d'altra parte, le società cominciarono a crescere e prosperare nelle campagne del nord-ovest dell'Europa. Nello stesso periodo, colonie norvegesi sorsero in Islanda e Groenlandia.

Il Clima sembra anche aver giocato un ruolo determinante per la diffusione dell'epidemia di peste nera, che ha ucciso circa la metà della popolazione dell'Europa centrale nel 1347. Per decenni hanno portato allo scoppio, il nuovo studio trovato, estati umide e in un attimo grande freddo in corrispondenza con l'inizio di una piccola era glaciale. Tali condizioni possono aver contribuito a una diffusa della carestia e in generale delle condizioni di salute che predisposero la gente a prendere la peste.

Un altro periodo particolarmente freddo nel secolo 17° in corrispondenza con la guerra dei trent'anni ', un tempo in cui molte persone abbandonarono l'Europa e migrarono in America.

"Non è che ci fosse una guerra perché faceva freddo, " ha detto Büntgen. "Ma le condizioni non erano le migliori. La società era già colpita molto da questa agitazione politica, e la gente ha sofferto ulteriormente a causa delle temperature estive e del gran freddo degli inverni".

Insieme, i risultati offrono nuove linee precise e la straordinaria prova per la comprensione della storia delle società umane, ha detto David Stahle, una geoscienziato presso l'Università di Arkansas, Fayetteville.

"Quando dicono 536 dC, che è un anno eccezionale per quello che era probabilmente una massiccia eruzione vulcanica, non significano 535 dC o forse 534 dC", ha detto. "Significano 536 dC senza dubbio. E 'inchiodato".

Le correlazioni non provano nulla, ha aggiunto, e l'abbondanza di siccità, il freddo scatta e gli eventi climatici si associano ad altri grandi eventi culturali. Ma i risultati dimostrano come il clima ha agito come uno dei tanti fattori che hanno modificato la vita delle persone. Ora, possiamo vedere cosa succede in periodi di tempo prima che strumenti meteorologici monitoravano le escursioni termiche.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >