sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
14 Gennaio 2011 STORIA
NPR
LA FORESTA DELL'AMAZZONIA ERA SEDE DI CIVILTA' AVANZATE E NON ANCORA SCOPERTE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

Son state dette molte cose sull' Amazzonia: che si trattava di una vasta giungla vergine, solo che i suoi abitanti erano cacciatori-raccoglitori, e che la foresta pluviale è stata troppo ostile per avere accolto grandi civiltà. Ma sempre di più, dicono gli archeologi si sta scoprendo che il Rio delle Amazzoni fu la culla di avanzate civiltà prima dell'arrivo degli europei.

Stiamo andando vicino al cuore della foresta pluviale e nel cuore del passato. L'Amazzonia è sempre stata descritta come una vasta giungla vergine, dove le persone hanno appena lasciato un segno. Gli unici abitanti sono stati ritenuti cacciatori-raccoglitori. La foresta pluviale è stato considerato troppo ostile per aver sostenuto grandi civiltà del passato.

Ma gli archeologi ora dicono che invece di essere un buco nero storico, l'Amazzonia è stato una volta la culla di civiltà anche molto avanzate prima che gli europei arrivassero centinaia di anni fa. Juan Forero ha viaggiato per anni nella giungla peruviana a visitare un sito recentemente scoperto.

Augusto Oyuela, archeologo presso la University of Florida, guida una barca a motore nei fiumi della giungla. Ci sono scimmie, uccelli variopinti, e una foresta così fitta che è difficile fare progressi, talmente fitta che sembrerebbe fosse stata sempre così. Solo che, dicono gli scienziati non lo era.

Invece, dice Oyuela, sostiene che vi fosse una civiltà prospera e avanzata . Dice che la prova è sotto i suoi piedi e tutto intorno: si può evincere dallo studio dei terreni poveri che sono stati arricchiti, dai frutteti di alberi da frutto semi-addomesticati.

Dr. Augusto OYUELA (Archeologo, Università della Florida): Tutto questo bosco è stato selezionato dagli esseri umani attraverso centinaia di anni di uso.

Forero: Questa scena, dicono gli scienziati, è ripetuto più e più volte in tutta l'Amazzonia. Utilizzo di tecniche di indagini a mezzo di laser-scanner, Radar ed altre tecnologie, han consentito agli archeologi di scoprire sempre piu' argini, fossati e altre opere artificiali. Ciò ha indotto gli archeologi come il brasiliano Eduardo Neves a ripensare che l'Amazzonia non sia stata come appare prima dell'arrivo degli europei.

Dott. EDUARDO NEVES (archeologo): L'idea che l'Amazzonia rappresenta una foresta incontaminata, uno degli ultimi posti al mondo che è stato toccato da azione umana, sta cadendo a pezzi.

Forero: Ci sono i detrattori, ovviamente, che dicono che le nuove teorie si basano più su un pio desiderio che scienza. Ma questi, hanno indetto varie conferenze invitando centinaia di archeologi per discutere le nuove scoperte. E ci sono libri acclamati circa le scoperte, come Charles Mann "1491" e David Grann "Lost City of Z"

Il nuovo modo di pensare ha dato credito molto di più per le relazioni di esploratori spagnoli scritto agli inizi del 1500. Avevano scritto sulle città trovando bianco luccicante. Ma perché non c'erano maestose rovine di pietra - e le successive generazioni di esploratori incontrano bande di cacciatori primitivi - la scienza ha ritenuto che l'Amazzonia era quasi sempre stato il modo in cui è oggi. Poi è arrivata Anna Roosevelt e il suo scavi alla fine del 1980 a Isola di Marajó alla foce del Rio delle Amazzoni.

Dr. Anna Roosevelt (archeologo): Hanno grandezza. Hanno complessità. Essi sono sorprendenti, e non sono primitivi.

Forero: Lei ha parlato della civiltà ha scoperto dopo aver trovato ceramiche elaborate, fondazioni di case e segni di agricoltura estensiva. Molti altri poi l'han seguita in profondità nella giungla, tra cui Augusto Oyuela, l'Università della Florida archeologo.

Il più grande indizio è forse il suolo, che qui - come altrove in tutta l'Amazzonia - era troppo povero per sostenere una civiltà.

Dr. OYUELA: Quello che abbiamo qui è un alto contenuto di carbone, fosforo e calcio.

Aggiunta di tali elementi, Oyuela spiega, creato nel suolo, ricco di sostanze nutrienti come il Midwest americano. E poi ci sono gli alberi.

Questo è un paesaggio che ogni albero, o la maggior parte degli alberi che si vedono oggi, è stato selezionato dalla storia, con l'uso del passato.

Vi sono grappoli semi-addomesticati di palme, i discendenti di alberi da frutta gestito da indiani secoli fa. Oggi, naturalmente, la grande civiltà che han prosperato qui sono andati via prima che arrivassero gli esploratori spagnoli . Ma i loro discendenti son rimasti.

Sono in corso altri studi per capire che tipo di civiltà abitasse nella giungla dell'amazzonia ed in che epoca.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >