sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
11 Gennaio 2011 ARCHEOLOGIA
Rossella Lorenzi http://news.discovery.com
SCOPERTA LA RICETTA EGIZIA PER LA MUMMIFICAZIONE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Alcuni ricercatori in Svizzera son riusciti a mummificare una parte di un corpo con il sale utilizzando lo stesso processo di essiccazione utilizzato dagli antichi Egizi.

Uno degli obiettivi del progetto era quello di scoprire i danni che può provocare il processo di mummificazione al DNA.

L'esperimento, che è attivo da più di quattro mesi, prende ispirazione da uno studio realizzato nel 1994 da Ronald Wade, direttore del Maryland Anatomici Consiglio di Stato, e Bob Brier, uno dei massimi esperti di mummie e di egittologia.

Nel corso di tale studio, Brier e Wade hanno replicato per la prima volta la mummificazione egizia utilizzando gli strumenti e le procedure degli imbalsamatori antichi.

"Stiamo cercando di migliorare su questo importante esperimento utilizzando i più moderni metodi, come la tecnologia radiologica, risonanza magnetica e la tomografia computerizzata. È un progetto unico, il primo del suo genere", l'anatomista svizzero e paleopatologo Francesco Rühli ha detto a Discovery News.

Mentre Brier e Wade hanno utilizzato un corpo completo maschile, Rühli, capo della Swiss Mummy Project presso l'Università di Zurigo, ha usato solo due gambe che sono state tagliate da un organismo donatore femminile.

Una gamba è stata utilizzata in uno studio di controllo e posto in un forno a 40 gradi Celsius (4, 4. Gradi Fahrenheit), con basso tasso di umidità per riprodurre la naturale mummificazione come è avvenuta nel deserto egiziano.

L'altra gamba è stata posta in un mix di imbalsamazione a base di pino e rivestito con natron, sostanza fatta di un sale usato dagli Egizi per asciugare il cadavere.

Una miscela di quattro composti di sodio, Natron, era l'ingrediente chiave nel processo di mummificazione egizia antica, che ha richiesto la rimozione di tutti gli organi interni tranne il cuore attraverso una incisione di un quattro di pollice sul lato sinistro del corpo.

Dopo che il cervello è stato estratto attraverso il naso, i pacchetti di natron sono stati collocati nella cavità del corpo precedentemente lavato, e infine il natron era ammucchiato sopra il cadavere. La sostanza di sale come era applicata anche per asciugare gli organi interni rimossi, che sono stati poi collocati in vasi.

La protezione dei corpi dal decadimento e di conservazione in una forma riconoscibile era estremamente importante per gli antichi egizi, che credevano che la gente voleva i loro corpi nella vita ultraterrena.

Corpi sono stati imbalsamati già nel 2613-2494 aC, al tempo dei Faraoni della dinastia quarto. Tuttavia, già nel 5000 aC, i corpi sono stati conservati seppellendoli semplicemente nel calore e secchezza della sabbia del deserto.

Le tecniche più efficaci sono stati utilizzati tra il 1567 e il 1200 aC attraverso panni di lino che sono state trattate con oli vegetali, resine e altre sostanze organiche al fine di fornire un rivestimento antibatterico ed impermeabile contro l'umidità delle tombe sotterranee.

Tuttavia, il natron è rimasto il più importante ingrediente del processo di mummificazione.

"Il nostro esperimento ha dimostrato che è effettivamente possibile mummificare un essere umano col natron. In realtà, si avrebbe bisogno di molto Natron. Non vi è dubbio che l'industria natron aveva una grande diffusione in Egitto ", ha detto Brier .

Per l'esperimento del 1994, son stati utilizzati circa 273 chilogrammi (601 libbre) di natron. Rühli ne ha utilizzato circa 60 kg (132 libbre) solo per la gamba. Sorprendentemente, la disidratazione per mezzo del natron nel laboratorio svizzero ha preso dai 30 a 40 giorni come riferito dallo storico greco Erodoto e da altri autori antichi.

"Dopo tre mesi, la risonanza magnetica ha mostrato che la gamba ha ancora sacche di umidità", ha detto Rühli.

Tuttavia, la gamba era già apparso come quello di una mummia antica, il che suggerisce che il tempo può avere anche una sua componente.

"La gamba è rigida, specialmente la zona piedi piuttosto che la zona della coscia", ha detto Rühli.

Per quanto riguarda la gamba di controllo, non si è riuscita a disidratare completamente e ha iniziato a decomporsi dopo una settimana.

A differenza dei suoi colleghi statunitensi, Rühli non ha intenzione di seguire la disidratazione natron con involucro di lino.

Brier, che al momento sta lavorando a un progetto simile con le sue mummie, trovato Rühli esperimento molto interessante.

"E 'un progetto molto importante. Usando le ultime tecnologie certamente possono aumentare la nostra conoscenza sul processo di mummificazione antico", ha detto Brier.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >