sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
3 Gennaio 2011 PALEONTOLOGIA
Bangalore Mirror Stone Page
ANCORA SULLA SCOPERTA DELLE MAPPE PREISTORICHE A VOLO D'UCCELLO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Un team di ricercatori del Survey of India ha portato alla luce alcune mappe disegnate sul tetto di una grotta in Karnataka (India) che risalgono al 1500-2000 aC. Quello che fu pensato per essere un luogo di sepoltura megalitica con dipinti di animali ed esseri umani, potrebbe essere la prova della capacità cartografica degli indiani già ai tempi della preistoria.

La scoperta di vice soprintendente archeologo TMKeshava ed i suoi colleghi a pochi mesi fa nelle grotte del villaggio Chikramapura sulla riva sinistra del fiume Tungabhadra's (distretto di Koppal) si crede di essere la prima mappa in assoluto che raffigura la visione di una regione disegnata da uomini preistorici fatta a mezzo di una visione aerea.

Mentre i dipinti di animali come mucche, scene di caccia e figure umane sono comuni in tutta insediamenti preistorici, solo le grotte Chikramapura, raffigurano mappe con queste caratteristiche. "Siamo rimasti sbalorditi dalla scoperta", ha detto Keshava. "Uno studio precedente, nel 1984 fatto da studiosi come il dott R Sundara si era soffermato solo sulla funzionalità della grotta arrivando a determinare che erano solo sepolture megalitiche, ma ora possiamo dire che la cosa più straordinaria di queste grotte sono le mappe, " .

Secondo Keshava, l'uomo preistorico ha ottenuto la vista a volo d'uccello di una zona, scalando una collina a piedi. Avrebbe poi osservato il suo insediamento - case, sentieri, corsi d'acqua, ecc Con queste immagini in mente, li avrebbe dipinnti nella sua caverna. "Le abbiamo confrontato con le mappe attuali e siamo rimasti letteralmente senza parole per i risultati", ha detto

Decifrare il significato esatto dei dipinti non è stato facile per gli esperti, ma hanno trovato molte similitudini con le mappe dei nostri giorni. Addirittura in queste mappe son state utilizzate dei segni convenzionali quali triangoli per rappresentare poggi quasi identici ai simboli usati nelle nostre mappe attuali. Inoltre, un passaggio stretto è stata paragonata alla figura di un essere umano, mentre il simbolo scala-come indica un percorso. Ci sono voluti Keshava e la sua squadra che ha lavorato per quasi un anno per confermare i risultati.

I dipinti sono stati raffigurati su granito e sono stati fatti con argilla rossa. L'insediamento di forma circolare è di 35 metri di raggio. "Tuttavia, a causa della esposizione agli elementi, alcune parti dei dipinti si son rovinate", ha detto un archeologo. Gli esperti dicono che il merito della scoperta va ad alcuni pastori del villaggio Anegundi. I dipinti, invece, sono in pericolo di essere perduto per sempre, a meno che non vengano prese misure velocemente per la loro salvaguardia. Aree circostanti sono diventati centri di estrazione e questo potrebbe distruggere i dipinti.

TAG: Preistoria

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >