sei in Home > Scienza > News > Dettaglio News
2 Gennaio 2011 SCIENZA
ditadifulmine.com
4 GENNAIO 2011 : ECLISSI PARZIALE DI SOLE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Nella mattina di martedì 4 gennaio 2011, alcune parti del mondo assisteranno ad un'eclissi parziale di sole. Le zone interessate saranno l'Europa, il Medio Oriente e alcune zone dell'Estremo Oriente, come l'India. L'eclisse non sarà invece visibile in Nord e sud America.

Non aspettatevi un'eclissi di sole totale: anche nelle zone di massima copertura, il nostro astro verrà coperto al massimo per l'80%. Le eclissi parziali non sono generalmente molto utili dal punto di vista scientifico, ma rimangono comunque un fenomeno spettacolare e facilmente osservabile da chiunque, a patto che ci si protegga adeguatamente dalla luce solare.

"Le eclissi parziali sono divertenti" dice Jay Pasachoff, astronomo del Williams College e presidente della International Astronomical Union's Working Group on Eclipses. "E sono più rilassanti per gli scienziati come me rispetto alle eclissi totali, dato che la pressione sui gruppi scientifici è bassa e non si deve fare tutto di fretta. Vedere un'eclissi parziale può essere d'ispirazione agli studenti per studiare sodo e comprendere l'universo".

Per Pasachoff, che ha fatto delle eclissi una vera e propria specializzazione, è la 52° eclissi di sole. Come detto in precedenza, l'utilità scientifica delle eclissi parziali non è importante quanto per quelle totali, ma è un'occasione ghiotta per radiotelescopi e telescopi a raggi-X di studiare la struttura delle tempesta solari, per lo meno nella parte non coperta della nostra stella.

L'eclisse del 4 gennaio 2011 durerà, in Europa, circa 80 minuti. La Luna coprirà gradualmente il sole lungo un periodo di circa 3 ore. Nel suo momento di massima copertura, l'eclissi sarà all'altezza dell'orizzonte in Gran Bretagna, e coprirà circa il 75% del diametro solare. A Parigi e Berlino, il sole sarà coperto all'80% all'alba, e man mano che ci si sposta verso Est, la percentuale di diametro solare coperta si fa sempre più ridotta: 67% ad Atene, e 55% in Israele e Egitto.

Non bisogna MAI sottovalutare la luce solare, anche durante le eclissi. Non è mai abbastanza sottolineato il fatto che guardare il sole direttamente provoca gravi danni alla vsta, ed è sempre consigliato (sarebbe meglio dire "richiesto") l'utilizzo di filtri solari per telescopi, spessi occhiali scuri per l'osservazione diretta, o metodi di osservazione indiretta come la proiezione del disco solare su un cartoncino.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >