sei in Home > Mistero > News > Dettaglio News
9 Dicembre 2010 MISTERO
Joseph Robert Jochmans http://www.forgottenagesresearch.com
CONOSCENZE PERDUTE : GLI ANTICHI CONOSCEVANO IL PARAFULMINE ?
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 27 min. circa

In nessun luogo nella storia ebraica è accennato una sola volta che un fulmine abbia colpito il Tempio di Salomone, nei molti secoli della sua esistenza. La ragione di questo, ci dice Giuseppe Flavio, è perchè una foresta di punti d'oro coprivano il tetto del Tempio, che a loro volta erano collegati con connettori dorati sui lati del Tempio, leader nel terreno.

L'Archeologo greco Chryssoula Kardara, nel suo esame delle immagini d'arte minoica di siti tempio montagna a Creta, molti dei quali risalgono al XVI secolo aC, crede che tutti avevano parafulmini. Questi santuari erano legati al culto del tuono, e testi Minoan ha parlato della capacità del sacerdotesse 'attraverso le aste di portare non solo gli scarichi giù dal cielo, ma anche pioggia. Le aste erano raffigurate come a punta lunga lancia-come pali equidistanti si estende verso il cielo alto sopra il recinto sacro, e si diceva che erano fatte di rame. Le tradizioni Minoan dicevano che queste aste erano state progettate da una misteriosa razza specializzata nella lavorazione del metallo chiamati i "Telchini". Conoscenze di una civiltà preistoriche che si erano dimenticate?

Lungo il fiume Nilo, flagstaffs rivestito in rame erano di solito posti di fronte ai piloni dei templi, alcuni bastoni raggiungendo un'altezza di trenta metri. Le iscrizioni risalenti al III secolo B.C.E. descrivere la personale presso il tempio tolemaico di Edfu, nel sud dell'Egitto, dedicato al dio Horus, in questo modo:

"Questa è la porta alta del dio falco di Edfu, il trono di Horus il portatore di un fulmine. Alberi sono disposti a coppie in modo da fendere il temporale nelle altezze del cielo. "

The Ktesias greco, scrivendo intorno al 400 aC, ha raccontato riguardante una pratica analoga in India:

"Iron posto sul fondo di una fontana di acqua e di fatto nella forma di una spada, con il punto verso l'alto, in suo possesso, non appena è stato così fissato nel terreno, di proprietà di evitare tempeste e fulmini".

E 'chiaro come parafulmini dall'antichità non erano il risultato di una scoperta casuale o timore superstizioso, ma sono il prodotto finale di un'attenta ricerca scientifica. Noi lo intuiamo soprattutto quando leggiamo queste parole, da un lavoro antico indù di origine sconosciuta, il Oupnek cappello:

"Per conoscere la natura del fuoco, la luce del sole e della luna, e l'energia del fulmine: questo è tre quarti della conoscenza, e la scienza di Dio".

Gli antichi sembrano aver fatto un passo al di là di Benjamin Franklin, inventore del parafulmine moderno nel 1752, perché vi è la prova che non solo capito fulmini, ma anche la controllata per i propri scopi. Un importante studioso di studi esoterici, Eduard Schuré, dati che dimostrano che i Re Magi o uomini di saggezza in Babilonia e in Persia poteva controllare quello che chiama "fuoco pantomorphic" e "luce astrale" in aria. I loro templi sono stati accesi giorno e notte con un "splendore degli dei", misterioso accompagnato da brontolii di tuono. Schuré osservato:

"I Magi potrebbe generare, condensarsi ed erogare energia elettrica a volontà e potrebbe dirigere correnti elettriche dell'atmosfera e delle correnti magnetiche della Terra come frecce."

In modo simile, uno dei primi re di Roma, Numa Pompilio, è stato ben appreso nelle scienze mistico degli Etruschi, un popolo enigmatico cui origini si perdono nell'antichità. Lo storico Plinio ha rivelato che Numa conosceva il segreto di forzare Giove Tonante a scendere a terra, e ha indicato che due processi sono stati coinvolti. Il tuono prima ottenuto (impetrare), e il secondo il fulmine desiderata (cogere). Sembrerebbe che il re romano sapeva di alcuni processi di concentrazione della elettricità atmosferica su una distanza (il tuono che indica l'approccio di concentrazione), e una volta un punto di saturazione è stato raggiunto, ha creato il catodo che ha portato la celeste scintilla in essere e diretto a un punto specifico.

lavoro che Numa è quello di essere presi sul serio può essere visto in una tragedia collegato sia da Plinio e Tito Livio. Tullo Ostilio, un principe più tardi di Roma, ha riscoperto il "Libro di Numa" dopo il vecchio re era morto, e ha deciso di seguire le sue istruzioni per far cadere il "celeste della clientela." Ma ha eseguito i riti imperfettamente, con il risultato che egli è stato colpito a morte dal flash, e il suo palazzo è stato completamente consumato.

pratica di concentrare e dirigere con precisione le energie atmosferico The Ancients 'è più inquietante alla luce della incapacità della scienza moderna per duplicare l'impresa stessa. Da dove tale conoscenza viene? Ammiano Marcellino (IV secolo dC) registrati che, molto prima degli Etruschi:

"I Magi conservata perpetuamente nella loro fuoco forni che ha miracolosamente dal cielo".

Il Servio romano ha rivelato inoltre:

"I primi abitanti della terra non è mai portato il fuoco ai loro altari, ma attraverso la preghiera ha portato giù il fuoco celeste".

Così, la messa a fuoco di una qualche forma di energie psichiche è stato coinvolto nel processo. Secondo la leggenda che Servio conservato, fu Prometeo, l'ultimo dei Titani, la prima gara di abitare la terra secondo i greci, che "ha scoperto e ha rivelato all'uomo l'arte di far scendere il fuoco dall'alto".

Altre leggende suggeriscono anche che la conoscenza e l'uso dell'elettricità atmosferica origine da una civiltà sconosciuta che esisteva prima di tutti il noto culture antiche, da un primordiale Golden Age lungo passato.

Tra gli Ebrei sono molte tradizioni l'uso di energia elettrica in un epoca remota. The Aggadah indica che la generazione di Enos, un nipote di Adamo, il fondatore della civiltà Antidiluviano-fu il primo a "controllo delle forze celesti, " la manipolazione del fulmine e delle energie atmosferica.

Secondo il Goriandes storico, Alessandro il Grande ha scritto al suo maestro durante la sua conquista della Persia che un'isola situata al largo della costa dell'India era abitata da uomini che credevano che un tempo Kenan, il pronipote di Adamo, era stato sepolto in la loro isola. Prima del diluvio, la loro tradizione è andato, un'alta torre era situato sopra il sepolcro, proteggendo in modo notevole. Chiunque si avvicinò alla tomba fu colpito a morte da un lampo che è stato dimesso dalla cima della torre. La tomba era stata a lungo distrutti dal diluvio, ma la storia della sua torre miracoloso era stato perpetuato da ogni generazione che abitano l'isola dopo la grande catastrofe.

Altrove, nel racconto del Libro della Genesi, troviamo due riferimenti a una "finestra" l'Arca di Noè, il patriarca scampato al diluvio. Il secondo riferimento è in Genesi 08:06, e il vocabolo ebraico usato è "apertura", Challon, o fuori di Noè che ha pubblicato il suo uccelli. Il primo riferimento, tuttavia, in Genesi 6:16, utilizza un diverso parola tsohar-che non significa affatto finestra. Quando è utilizzato su 2002 altre occasioni nel Vecchio Testamento, è dato il significato, "una luminosità, una brillantezza, alla luce del sole di mezzogiorno." Suoi affini hanno la parola riferirsi a qualcosa che "brilla, luccica o splende. "Molti studiosi ebrei della scuola tradizionale identificare il Tsohar come" una luce che ha la sua origine in un cristallo lucente. "tradizione esoterica ebraica per secoli ha descritto il Tsohar come un gioiello o perla che Noè pendeva dal tetto della il, e dal potere conteneva in sé Ark, illuminato l'intero vaso.

La sorgente di luce di Noè sembra essere stato conservato nella storia fino a ora tarda, per noi troviamo le indicazioni che Salomone d'Israele hanno posseduto nel 1000 aC Un libro della tradizione ebraica dal titolo La regina di Saba e il suo unico Figlio Menyelek, contiene questa dichiarazione:

"Ora la casa di Salomone, il re era illuminata come di giorno, per la sua saggezza aveva fatto splendente perle (tsohar) che erano simili a il sole, la luna e le stelle nel tetto della sua casa".

Salomone era ben consapevole della esistenza di una tecnologia già avanzata, e che la conoscenza di questa tecnologia è stata lentamente perso attraverso i secoli, poiché egli ha scritto, in Ecclesiaste 1:9-11:

"Non c'è nulla di nuovo sotto il sole. C'è qualcosa di che si può dire: Ecco, questa è una novità? E 'stato già dei vecchi tempi, che è stato prima di te. Non vi è alcun ricordo di tempi lontani, non ci sarà più un ricordo di cose che sono a venire con quelli che verranno dopo ".

In epoche più tardi ancora, sappiamo da documenti storici che tali società segrete ebraico come cabbalisti conservati conoscenza di elettricità il più tardi il periodo medievale.

Eliphas Levi ha registrato la storia del misterioso rabbino francese Jechiele, che è stato consigliere alla corte di Luigi XIII secolo IX. Jechiele, ha scritto i suoi contemporanei, spesso stupito il re con la sua "luce abbagliante che si accese." La lampada non possedeva alcun olio o stoppino, e Jechiele ha collocato davanti alla sua casa per tutti da vedere. Che fonte segreta della lampada del potere era, tuttavia, non è mai rivelato il rabbino.

Un altro dispositivo, che Jechiele utilizzati per proteggere se stesso, era un Doorknocker che letteralmente scioccato i suoi nemici. I cronisti del XIII secolo ha raccontato come:

"Ha toccato un chiodo conficcato nel muro del suo studio, e una scoppiettante, bluastro immediatamente scintilla saltava via. Guai a chi tocca il battente di ferro in quel momento. Avrebbe piegarsi in due, urlare come se fosse stato bruciato, poi sarebbe scappato veloce come le sue gambe potevano portarlo. "

Sembrerebbe che Jechiele spinto un pulsante di scarica che ha inviato una corrente elettrica nel battente di ferro della porta, un po 'fulminanti qualsiasi visitatore indesiderato.

Un certo numero di studiosi moderni, da uno studio dettagliato delle autorità classica greca e romana, credo che il famoso Faro Faro di Alessandria non è in possesso di un incendio ordinario come il suo faro, ma che invece era dotato di una qualche forma di potente fonte di illuminazione elettrica . Primo storico Giuseppe Flavio secolo registrato che la luce Pharos era così brillante da poter essere visto da marinai trecento stadi di distanza-in misura moderno, una distanza di oltre 32 miglia, qualcosa che non avrebbe potuto essere raggiunto solo da un fuoco che brucia ordinario in cima di una torre alta. Sia Tazio e Chacreas raffigurata la luce del faro "il sorgere di un secondo sole di essere una guida per le navi." Secondo Libanio, la luce era detto di essere "come la luce del sole, in modo tale che non si poteva guardare direttamente in esso. E 'di gran lunga superiore alle lampade ad olio accese ogni giorno dagli egiziani ".

Né può essere un fuoco ordinario proiettato come uno o più flussi di luce come il Pharos è stato detto di realizzare. Il Marcellino storico romano ha scritto su il Faro di essere la fonte di alcuni "fari splendente" che ha emesso i modelli faro rotante su acque poco profonde, lontano dal porto. Nel XV secolo italiano studioso Leon Battista Alberti conservato la storia che le luci Pharos "sono stati appesi in vibrazione continua (?), E tenuti sempre a muoversi da un posto all'altro".

Il Faro di Alessandria non sembra essere stata unica, comunque. Siciliano antico monete denari d'argento, coniata tra il 42 e il 40 aC, ritraggono un altro faro che un tempo custodito il porto di Messina, e mostra una statua di Nettuno al suo apice partecipazione non un incendio o torcia, ma un fascio di luce senza fumo.

Anche in precedenza, il drammaturgo greco Eschilo, nel V secolo aC descritto come nei giorni precedenti la guerra di Troia i Micenei antichi avevano utilizzato le torrette di segnalazione in cima cime delle montagne in tutta la regione dell'Egeo, che sono stati utilizzati per "trasmettere messaggi sui loro fiamme dorate con travi a vista, come se da un altro e sole straniero".

Non solo è stato il Pharos illuminata con l'elettricità, ma così appare erano porzioni della città di Alessandria stesso. Lo scrittore greco Achille Tazio descritto come la sera la città era così illuminata, "non vi era alcun segno di notte." Ha osservato che la metropoli era pieno di "righe innumerevoli colonne", ciascuno con la propria fonte di luce insolita, e che, a causa di loro, "era come se un altro sole era sorto che i raggi diffonderlo in ogni direzione. Lì ho visto una città la cui bellezza rivaleggiava con quella del cielo di giorno. "

Storie di "luci senza fiamma" e altri aggeggi antichi elettrici continuano a resoconti storici di tutto il mondo. Numa Pompilio, il re romano che potrebbe far cadere un fulmine dal cielo, è stato anche detto di aver posseduto una "lampada perpetua" che ardeva nel santuario dedicato a lui Giove Tonante. Abbastanza interessante, lampade simili sono stati associati con altri templi di Giove. Il luogo sacro di Hadad a Baalbek vantava la meraviglia di "pietre luminose" che sono stati illuminati da "fulmini". E al famoso santuario di Giove Ammone, in Egitto, Plutarco segnalato l'esistenza di una lampada che aveva bruciato una luce senza sfarfallio continuamente per diversi secoli. Allo stesso modo, Pausania descritto un simile "lampada d'oro" nel Tempio di Minerva, che ha anche prodotto una luce per lunghi periodi.

S. Agostino, nel quarto secolo, ha osservato che in Egitto, "Ci fu, ed è ancora, un tempio di Venere, in cui una lampada brucia così fortemente a cielo aperto che nessuna tempesta di pioggia o si estingue." Quanto a dove una tale meraviglia inspiegabile provenienza, il padre dei primi cristiani ha scritto inoltre:

"Siamo aggiungere a quella lampada inestinguibile una miriade di altre meraviglie di origine umana e / o magico. Se scegliamo di negare la realtà di loro, noi ci siano in conflitto con la verità dei libri sacri in cui crediamo. Così sia l'ingegno umano ha messo a punto in quella lampada inestinguibile qualche espediente basato su antiche conoscenze oppure è stato escogitato per magia per dare agli uomini qualcosa da ammirare in quel santuario. "

Ancora nel sesto secolo, sotto il regno di Giustiniano, una "lampada senza fuoco" è stato segnalato in Antiochia, che non erano usciti per cinque secoli. Più tardi ancora, quando il sepolcro di Pallante fu aperto nei pressi di Roma nei primi anni del 1400, è stato trovato per essere illuminata da una lanterna misteriosa che aveva conservato all'interno della tomba illuminata per più di due mila anni.

Il Venerabile Beda raccontato la storia del pellegrinaggio del suo compatriota Arculfus inglese in Terra Santa nel corso dell'anno 670, e sulla sua visita alla Chiesa del Monte degli Ulivi (poi distrutta nel secolo XI), ha detto della sua fonte mirabile del illuminazione. Rev. James R. MacPherson nel 1895 ha offerto questa traduzione:

"La luminosità di queste lampade è così grande che, come la loro luce è copiosamente versato attraverso le otto vetrate dalla cima del Monte degli Ulivi, non solo è la parte della montagna più vicina alla basilica intorno a ovest di illuminazione, ma anche il sentiero alto che si innalza da passi fino alla città di Gerusalemme, dalla Valle di Giosafat, è chiaramente illuminato in maniera splendida, anche nelle notti buie, mentre la maggior parte della città che si trova più vicina a portata di mano sul lato opposto è altrettanto illuminati dalla stessa luminosità ".

Il pellegrino presto anche aggiunto:

"In quella chiesa rotonda, oltre alla luce abituale delle otto lampade di cui sopra come modelli luminosi all'interno della chiesa di notte, di solito ci sono aggiunti nella notte dell'Ascensione del Signore, altre luci quasi innumerevoli, che per la loro luminosità terribile e mirabile, versato in abbondanza attraverso i vetri delle finestre, non solo illuminare il Monte degli Ulivi, ma fanno apparire del tutto in fiamme;. mentre tutta la città e le località nelle vicinanze sono anche illuminati "

Il mistico greco Apollonio di Tiana, nel suo viaggio in India nel I secolo, si chiedeva in materia di "questo fantastico paese delle meraviglie" tra cui "colonne di luce che proiettava verso l'alto, come i proiettori" e "pietre radiosa che illumina la città e trasformato in luce giornata. "Ha altresì parlato di" fuoco che si vede in alto sollevata in aria e balli in etere "di cui" di notte implorare il raggio di luce non prendere male la notte, ma per rimanere con loro, come hanno già lo portò giù. "

Il viaggiatore cinese Yuan-Chwang, che viaggiavano la lunghezza d'India nel VII secolo, ha raccontato riguardante una serie di santuari religiosi nel sub-continente e di come fossero stati di illuminazione:

"Nel sud-ovest del paese era un monastero in una montagna; le tope pietra (stupa) di questo monastero esposti luci soprannaturali e altri miracoli; ombrelloni collocati dai fedeli su di esso tra la cupola e la amalaka vi rimase come aghi sono detenuti da un magnete . A nord-est di questo monastero collina, era un altro con uno stupa Tope-come la precedente in sue meraviglie. Lontano, a sud è stata la (Ceylon) paese, e da questo luogo nelle notti di calma si poteva vedere la luce brillante dalla perla sulla cima dello stupa tope-over reliquia del Buddha in quella regione. "

Nel 1886, archeologo scozzese James Burgess ha scritto riguardanti l'ubicazione e dettagli di oggetti recuperati tra le rovine di un terzo secolo aC stupa buddista chiamata Amaravati. Lo stupa era situato sulla riva sud del fiume Krishna vicino l'incrocio con l'Air Moony River, a circa mezzo miglio ad est di antica Dharanikotta-che significa "Magic City." Qui nel 1796 un ufficiale britannico chiamato Colonnello Mackenzie aveva iniziato l'esplorazione di un tumulo localmente conosciuto come Dipaldinne, che ha le connotazioni, "Colle delle luci" o "Collina delle lampade." Nel 1816 Mackenzie tornò con una grande spedizione di esperti per entrambi Dipaldinne e anche Amaravati, ed era in seconda posizione ha scoperto un certo numero di pietre finemente intagliato in legno raffigurante vari pilastri sormontati da grandi dischi incandescenti. In diversi casi i dischi sono visti essere alimentato da due serpenti indica due polarità. Intorno ad ogni pilastro brillanti sono numerosi fedeli con le braccia e le mani alzate.

Autore-ricercatore Larry Brian Radka offre una descrizione tecnica di una delle immagini di pietra:

"La radiazione spirale provenienti dal proiettore e il fiore di loto su cui si basa sono antichi simboli indiani che rappresenta il sole, che sono le iniziative del caso per la accendendo fari di luce emessa dal fuoco arco dalla luce. pedali diffusione del fiore specchio la dispersione atmosferica di fasci di luce. La luce dell'arco di grandi dimensioni, alta corrente, cavi elettrici siano correttamente in loop per permettere gioco per la rotazione dello specchio elettrico, e quindi vengono inviati verso il basso attraverso il supporto girevole alla sua batteria pesante in una gabbia che si appoggia comodamente sulle gambe robuste. collari decorati del serpente indicare che è sotto controllo come lui sputa fuori il suo incendio di origine elettrica mentre si prepara a iniettare (attivazione) il suo veleno letale elettrico in cavo appeso fuori dalla sua bocca. Tutti i tecnici sacerdotale, tranne i portatori cavo-Laden-chiudon le mani verso l'alto, in ringraziamento per il beneficio meraviglioso è il serpente elettrico sputa via. Questo artefatto misure 2 piedi e 8 pollici da 3 piedi e 10 pollici, e si trova nel Museo Nazionale di India, a Nuova Delhi ".

Nel 1881, assiriologo Hormuzd Rassam antichi rinvenuti a Sippara-ora Abu Habba in Iraq i resti di un santuario che portava il nome Ebabbara, che significa "la Casa Brillante". All'interno del santuario ha trovato una grande tavoletta cuneiforme in marmo dedicata dal re Nabu -Apal-iddina (circa 850 aC) al dio Shamash. Il dio è raffigurato seduto su un trono e circondato da una struttura con un tetto di serpente la cui testa poggia in cima ad una colonna. Sporgente dalla bocca del serpente è la parte superiore di un'altra rappresentazione di Shamash, che detiene due cavi che sono collegati a ciò che i testi chiamano l '"immagine d'oro", un disco del sole che irradia con i raggi in tutte le direzioni, situato sulla un altare di scatola.

I testi identificare ulteriori Shamash come il "dio faro" e il disco solare, che egli affronta e manipola è rappresentato come "per il cielo e la terra con lustro." Prima che il disco d'oro vengono tre sacerdote-fedeli con le mani alzate nella sua adorazione e in protezione da suo splendore.

Altre iscrizioni sembrano riferirsi alla configurazione specifica di alcune divinità in certi luoghi. Si legge: "Sin, Shamash, Ishtar devono essere collocati uno di fronte all'altro, come un oceano che scorre corrente tra il serpente e la colonna." Se il peccato come il dio della luna rappresenta una polarità negativa e Ishtar, la dea Venere è una polarità positiva, Shamash e simboleggia l'unione dei due in una corrente alternata, quindi l'iniezione di energia elettrica "tra il serpente e la colonna" nel dispositivo di potere che circonda Shamash può essere quello che i poteri della "statua d'oro", così che divenne "un secondo sole. "Un altro dice il testo, " Ho fatto la tiara d'oro-disco di Shamash a brillare di nuovo e ha reso luminosa come il giorno ".

professore di Oxford di storia antica George Rawlinson trovato la prova che l'illuminazione elettrica può essere sopravvissuto nel mondo antico, il più tardi il settimo secolo. Il Palazzo Bianco di Ctesifonte, la capitale della dinastia sassanide dei re persiani, aveva un sistema di illuminazione più insoliti. Come Rawlinson ha descritto da fonti persiano: "Il tetto a volta presentato alle rappresentanze occhio dei corpi celesti, il sole, la luna e le stelle, mentre i globi, probabilmente di cristallo e metallo brunito, appeso da esso a varie altezze, l'illuminazione lo spazio buio con mille lustri. "

Nelle Indie Orientali, le storie dei nostri giorni di luci a sinistra da una cultura perduta persistono. Gli isolani dello Stretto di Torres erano noti fino al XIX secolo, di avere posseduto palle strana pietra sempre più incandescente chiamato booyas, che emetteva un brillante blu-verde. In Nuova Guinea, vicino al Monte Wilhelmia, South African ingegnere CS Downey riferito trovare i popoli indigeni adorare palle di pietra grande dodici metri di diametro posto in cima a colonne, che illuminato su porzioni di foresta pluviale come l'illuminazione al neon moderna. Downey ritiene che questi popoli ", aveva ereditato la sfera incandescente da una civiltà di cui non c'è traccia nelle nostre storie."

I popoli antichi del Nuovo Mondo ha avuto anche la loro parte di misteriosi "luci perpetuo" e altre meraviglie. Il colonnello Percy H. Fawcett, che ha guidato numerose spedizioni nelle giungle del Brasile in cerca di città perdute, è stato detto da un indigeno brasiliano che in una regione remota attraverso la quale i flussi di Amazon, che aveva visto le rovine di edifici giganteschi, molti dei quali erano, "illuminata da una grande piazza di cristallo che si siede su una piattaforma al centro della stanza." Il brasiliano ha affermato che non si poteva guardare direttamente la luce, così luminosa sono, ma sono sempre stati lì, anche per i suoi antenati avevano parlato dell'esistenza delle luci '. Alcune civiltà sconosciuta era morto anni fa, ma il potere che aveva illuminato la loro città era ancora vivo. Fawcett, la scrittura di autore britannico Lewis Spence, ha espresso la sua opinione:

"Queste persone hanno una fonte di illuminazione che è strano per noi. In realtà si trattava di un residuo di una civiltà che è andato e che ha mantenuto la vecchia conoscenza ".

In un altro caso, Fawcett è stata raccontata dal capo della Nafaqua tribù della zona tra i fiumi Xingu e Tabalatinga-che egli ha sostenuto di conoscere la sorte di una città perduta, con molti templi strano che possedeva "stelle di luce, cosa che mai uscì "Fawcett in seguito scrisse un commento più rivelatore.:

"Questa non era l'ultima volta che ho sentito parlare di queste luci permanenti trovato occasionalmente in antiche case di culto costruito da una civiltà dimenticata del vecchio. C'è stato qualche segreto mezzi di illuminazione noto agli antichi, che deve ancora essere riscoperto dagli scienziati di oggi, un metodo per sfruttare le forze a noi sconosciute. "

Anni dopo il figlio della Fawcett, Brian, ha aggiunto questa nota alle parole di suo padre:

"Alla luce dei recenti (tecnologico) gli sviluppi, non c'è motivo per chiudere la 'luci che non passano mai' come mito. Il mondo è stato immerso in uno stato di barbarie da cataclismi terribili. Continenti diminuito negli oceani e altri emersi. Popoli sono state distrutte ei pochi superstiti scampati sono stati in grado di esistere solo in uno stato di barbarie.

"Le arti antiche erano del tutto dimenticato e non è per noi, nella nostra ignoranza a dire che la scienza dei giorni antidiluviano non avevano avanzato oltre il livello che abbiamo raggiunto".

Tre secoli prima, nel 1601, il cronista portoghese Barco Centera descritto una città perduta chiamata Gran Moxo, situato su una isola nel lago Grasso Matto nei pressi della sorgente del fiume Paraguay, che pur avendo una sorgente di luce enigmatica. Egli ha scritto:

"Sulla sommità di un pilastro, 25 metri di altezza, è stato un grande 'luna." E' illuminato tutta l'oscurità e le ombre dissipare lago di notte e di giorno, in modo che tutti è apparso molto brillante. "

Legends of continuamente brillanti luci, con il mistero aggiunta di edifici senza finestre, sono ancora esistenti tra le antiche culture dell'America centrale. R. Mooney, un autore di storia anomala, ha sottolineato:

"Quando gli spagnoli arrivarono nelle Americhe è stato detto che le città luminoso, illuminato da stelle, pendevano dai tetti, che non usciva mai. La descrizione ci ricorda una qualche forma di illuminazione elettrica che è stata di sconosciuto corso in Europa in questo momento. "

Nessuna traccia di illuminazione, come è stato trovato dai conquistatori conquistatrice, le fonti di luce dopo essere stato rimosso e nascosto dalla fuga popoli civili indigeni. Ma tra le rovine dei Maya, si può visitare oggi molti grandi edifici che sono completamente senza finestre, ma non mostrano segni di annerimento da fuoco o di lampade a olio o torce. Qualche altro metodo di illuminazione dovuto essere utilizzati per vedere in queste antiche sale.

L'enigma di illuminazione senza fumo è uno che trova molti paralleli nella terra del Nilo come bene. Orientalista del XIX secolo di Madame Helena P. Blavatsky, nella sua opera monumentale Iside Svelata, ha osservato:

"E 'genrerally affermato che né i primi abitanti del Mosaico volte, e neppure le nazioni più civili del periodo tolemaico erano a conoscenza di elettricità. Se rimaniamo indisturbato nel presente parere, non è per la mancanza di prove del contrario. "

Nel 1894, l'astronomo britannico Sir J. Norman Lockyer, nella sua indagine dettagliata degli antichi templi egizi e di tombe, fatte queste osservazioni:

"In tutte le tombe appena aperto non ci sono tracce di un qualsivoglia tipo di combustione aver preso posto (i, e., dal fuoco, torce, candele o lampade ad olio). Quindi, del tutto evidenti è questo che il mio amico, M. Bouriant, mentre stavamo discutendo la questione in Tebe, ridendo, ha suggerito la possibilità che la luce elettrica era noto agli antichi Egizi ".

Eppure oggi i ricercatori moderni non sono più considerare questo come uno scherzo.

Come esempi positivi, nessuna traccia di fumo era mai trovato nella Grande Piramide di Giza nella sua camere superiori, o nelle tombe sotterranee dei Faraoni nella Valle dei re. Infatti, in nessuna delle oltre quattrocento documentate e riccamente decorate sistemi sotterranei trovano in tutta la Valle del Nilo vi è alcuna traccia di residuo di fumo originale, dal periodo in cui il ornamentazioni sono state fatte. Quali segni di fuliggine appaiono oggi sono stati da tombaroli, esploratori e turisti che sono entrati in gran periodi successivi. Per di più, nessuna delle pitture tombali o incisioni si ritraggono qualsiasi tipo di torcia o lampada vengono usati per scopi di tutti i giorni, e solo in rari casi quando viene utilizzata in riti religiosi-e successivamente a fini puramente cerimoniale.

Si è pensato che forse gli Egizi usavano alcuni complicato sistema di specchi per portare la luce del sole nelle camere di sepoltura, ma non rimane di tale sistema sono mai stati trovati. Inoltre, da numerosi specchi egiziani che sono sopravvissuti, sappiamo che la loro efficienza riflessione è stata inferiore a 25 per cento. Una serie di tali specchi necessario per raggiungere in parti più profonde delle tombe sarebbero state in grado di trasferire luce molto poco o niente affatto.

L'unica alternativa è che gli egiziani avevano senza combustione di fonti di luce. Dal momento che gli egiziani, come abbiamo già visto, sembrano aver posseduto energia elettrica per la galvanotecnica gioielli d'oro, che possono avere posseduto lampade elettriche per illuminare le loro tombe durante la costruzione e la decorazione. La fonte di energia elettrica che può essere stato o da batterie, o atmosferici, o dalla terra stessa, come molte delle antiche tombe e templi lungo il Nilo sono stati costruiti centri di energia della terra e le linee di corrente.

Report Update-Were lampade ad olio che serve ad illuminare le tombe egiziane, dopo tutto?

L'idea che ogni forma di illuminazione utilizzando il fuoco dal petrolio che brucia non avrebbe funzionato durante il tempo in cui gli antichi Egizi wer decorare le loro tombe, in quanto avrebbe prodotto troppo di fuliggine è stata contestata da un numero di scettici.

esperimenti reali utilizzando piccoli vassoi pieni di olio di oliva con uno stoppino di cotone impregnato d'olio accesa sul bordo del vassoio produrrà una fiamma relativamente senza fumo. Un pizzico di sale aggiunto l'olio riduce il contenuto di fuliggine ulteriore, più il posizionamento di una qualche forma di copertura sopra la fiamma impedisce che detriti di carbonio poco c'è da raggiungere il tetto.

Inoltre, alcune delle iscrizioni tomba nella Valle dei Re impartire istruzioni agli artigiani in materia quanto olio e stoppini erano stanziati ogni giorno per il loro lavoro, per cui sappiamo che, almeno nelle tombe più tardi-datato, alcune sotto forma di lampade ad olio era effettivamente impiegato.

Tuttavia, quando si guarda più a fondo per prove su che tipo di fonte di illuminazione è stato utilizzato, alcune domande rimangono interessanti.

Ho personalmente visitato e ha esaminato l'arte funeraria, nella maggior parte delle tombe del Nuovo Regno Valli del Re, Regine e di nobili, così come le tombe reali Vecchio Regno a Saqqara. Ciò che mi stupisce sempre è che, specialmente nei primi artwork, c'è una maggiore attenzione per i dettagli di design, forma e colore che non avrebbe potuto essere eseguito con solo qualche lampada olio sputtering. In realtà, ciò che diventa molto evidente è che si tratta delle tombe in precedenza che possiedono il lavoro più dettagliato, mentre negli esempi più tardi camera mortuaria l'arte è più generalizzata, anche più crudo al confronto.

Ciò che questo suggerisce è che la prima tomba artigiani devono aver avuto a loro disposizione una fonte di gran lunga migliore e più luminoso di illuminazione con il quale hanno fatto le loro creazioni incredibili, mentre i loro discendenti in seguito ebbe a che fare con molto meno metodi di illuminazione ideale, soprattutto, lampade ad olio. Nel frattempo, l'accesso ad una tecnologia superiore che potrebbero produrre una luce costante e affidabile nelle tombe è stato perso.

Il nocciolo del problema non è quanto le lampade a olio fatto fuliggine, ma che i loro fuochi combinata anche creato calore. Quando diverse lampade sono stati utilizzati in una tomba, il calore accumulato da esse generate sarebbe salito fino al soffitto e avrebbe cambiato definitivamente la composizione chimica della sua pittura che copre in modo lieve ma rilevabili. Non solo in questa posizione, ma anche dove è stato tentato di lavoro dettagliato, che richiede molte lampade da mettere in stretta vicinanza con l'opera d'arte, anche qui la vernice sarebbe stato quasi impercettibilmente modificata. E, fedele alla forma, l'analisi chimica moderna in molte delle tombe poi mostrare solo una lieve deformazione nei pigmenti vari utilizzati in queste posizioni esatte.

E tuttavia-e qui è il significativo punto nelle prime tombe, soprattutto tra gli esempi Regno, non si decompone chimici causati da calore è presente. Né sui soffitti, né soprattutto in quelle aree dove l'opera d'arte più complicato dettagliata verifica, i segni rivelatori della l'uso di lampade ad olio che producono calore non ci sono.

Da questa evidenza, è ovvio che qualcosa è stato impiegato, qualcosa che non emettono calore eccessivo e non ha provocato cambiamenti nella vernice circostante. Potrebbe questa fonte sono stati scoperti alcuni illuminazione elettrica che è stato anche un notevole calore di basso livello del produttore?

Naturalmente non sapremo la risposta completa a questo mistero fino a quando l'attuale resti di un antica lampada elettrica sono finalmente trovato.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >