sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
30 Novembre 2010 PALEONTOLOGIA
http://www.monash.edu.au
SCOPERTA IN AUSTRALIA LA PIU' ANTICA ASCIA AFFILATA AL MONDO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Gli scavi archeologici intrapresi in maggio 2010 a Nawarla Gabarnmang nel nord dell'Australia ha scoperto quest'ascia.

E' attualmente il più antico strumento di pietra affilata in tutto il mondo, ed è stato scoperto nel nord dell'Australia da un ricercatore Monash University e un team di esperti internazionali.

L'utilizzo di uno strumento di pietra tra i nostri più antichi antenati ominidi data a 3, 4 milioni di anni fa, però, il primo uso di lavorazione per affilare i bordi di uno strumento di pietra come asce è chiaramente associato con gli esseri umani moderni, altrimenti noto come Homo sapiens sapiens.

Monash University archeologo e membro del team che ha fatto la scoperta, il dottor Bruno David ha detto che mentre ci sono state segnalazioni di assi molto più vecchio di essere trovati in Nuova Guinea, gli attrezzi non erano a terra.

"Questo suggerisce che la tecnologia ascia si è evoluta in un uso successivo di rettifica per creare bordi più acuminati" ha detto il dottor David.

"Il frammento di pietra rinvenuto è datato a 35.000 anni fa, che pre-data i più antichi esempi di strumenti in pietra affilata che erano datati intorno ai 22, 000-30, 000 anni fa dal Giappone e del Nord Australia."

Gli scavi archeologici intrapresi in maggio 2010 a Nawarla Gabarnmang nel nord dell'Australia hanno scoperto il manufatto.

Nawarla Gabarnmang è un grande rock-rifugio nel paese Jawoyn aborigena nel sud-ovest di Arnhem Land. La scoperta del rifugio-rock è stata fatta da Ray Whear e Chris Morgan dall'Associazione Jawoyn, mentre è in volo in elicottero il 15 giugno 2006.

La scoperta della scure è stata fatta da un team di ricercatori tra cui Jean-Michel Geneste dal Centro Nazionale di Preistoria del Ministero della Cultura in Francia, Hugues Plisson dal Centre National de la Recherche Scientifique presso l'Università di Bordeaux in Francia, Christopher Clarkson presso l'Università di Queensland, Jean-Jacques Delannoy dal Centre National de la Recherche Scientifique presso l'Università della Savoia in Francia e Fiona Petchey presso l'Università di Waikato in Nuova Zelanda.

"Il loro commercio in tutto il panorama non è mosso solo lo strumento stesso, ma soprattutto le forze simbolici e ancestrali del loro punto di origine. Ascia Nawarla Gabarnmang, che si trova 40 km circa dalla sua fonte, è la prova di 35.000 anni di circolazione di strumenti, tecnologie e idee attraverso il paesaggio del nord australiano, "ha detto il dottor David.

"Questa nuova prova indica che l'Australia è stato un importante centro di innovazione tecnologica 35.000 anni fa.

"Questa scoperta aiuterà i ricercatori in Australia e in tutto il mondo ad esaminare l'evoluzione del comportamento umano ed i primi avanzamenti tecnologici, " ha detto.

La scoperta è riportata nel numero di dicembre di Archeologia australiano, la rivista ufficiale degli Australian Associazione Archeologica Inc. Il progetto è stato finanziato dal governo australiano indigeni Beni programma gestito dal Dipartimento di Sostenibilità, Ambiente, Acqua, popolazione e dei Comuni.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >