sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
25 Novembre 2010 STORIA
http://cosmiclog.msnbc.msn.com
SON MAI ESISTITI DAVIDE ED IL RE SALOMONE ?
FOTOGALLERY
Thomas Levy
tempo di lettura previsto 4 min. circa

Forse il re Davide e Salomone non sono mai esistiti nella realtà? Il lungo dibattito circa l'accuratezza dei racconti biblici si ripropone in tv e nella stampa.

David è una delle figure più conosciute nelle scritture ebraiche - grazie alla sua vittoria con una fionda sul gigante Golia, la sua scelta divina, come il re degli Israeliti, presunto autore del Libro dei Salmi, e, naturalmente, il suo collegamento con la tradizione cristiana e musulmana. Suo figlio, Salomone, è stato descritto come il costruttore del primo Tempio ebraico, famoso per la sua saggezza e ricchezza, ma anche per le sue mancanze.

Le storie bibliche sollevano un problema enorme per gli archeologi: se queste persone sono state così famose, perché non hanno lasciato alcuna traccia archeologica nell'intera regione? Alcuni esperti hanno suggerito che per tutta la loro vita sia David che Salomone erano, nella migliore delle ipotesi, figure minori nel Medio Oriente antico, la cui reputazione è cresciuta nei secoli che seguirono. Secondo questi esperti, la Gerusalemme del 10 ° secolo aC era poco più di una ridente paese di collina, e non come la città scintillante descritta nei libri delle Cronache.

Ad avvalorare questa ipotesi son emersi alcuni indizi in questi anni.

Una scritta su un monumento di pietra ritrovata in Israele di Tel Dan sito archeologico è stato datato al 9 ° secolo aC e sembra riferirsi ad un reale "Casa di Davide", anche se tale interpretazione è stata contestata.

Un'altra lapide, trovata su un frammento di ceramica del decimo secolo aC, rappresenta il primo esempio conosciuto di scrittura ebraica.

Il sito israeliano in cui è stato accertato rinvenuto il frammento, Khirbet Qeiyafa, sembra essere stata una città fortificata prendendo in circa sei ettari di area. Gli archeologi hanno trovato centinaia di ossa di bovini, caprini, ovini e pesce - ma non ossa di maiale, che li ha portati ad affermare che questo è stato un sito della Giudea, piuttosto che un insediamento filisteo.

I ricercatori hanno anche trovato i resti di una vasta operazione di estrazione del rame in Giordania, che rimanda di nuovo al 10 ° secolo aC ed avrebbe fornito a Salomone la sua ricchezza.

Alcune di queste prove sono al centro della trasmissione "Domande sulle miniere del Re Salomone", prima assoluta questa sera su PBS emittenti pubbliche-TV, così come "Kings of Controversy", che uscirà nella copertina del National Geographic per il numero di dicembre.

Lo show televisivo, che è una produzione congiunta per il National Geographic e la società di documentari "Nova", si concentra sul funzionamento del rame minerario in Giordania. Questo scavo, condotto da antropologo Thomas Levy dell'Università della California a San Diego e archeologo giordano Mohammad Najjar, ha trovato antiche attrezzature rame-fusione e un enorme cimitero antico - così come la datazione al carbonio dei campioni suggeriscono che il sito sia esistito nel suo culmine durante il regno di Salomone. L'evidenza suggerisce anche che l'operazione è stata interrotta alla fine del 10 ° secolo, così come descritto nella Bibbia.

Gli scettici dicono che la datazione al carbonio non è abbastanza precisa per confermare se il sito di rame-fusione è stato controllato dal biblico Salomone o da una dinastia locale più tardi. In un'intervista, Levy ha riconosciuto che le prove raccolte finora non sono state conclusive per determinare che sia stato Salomone a detenerne il commercio.

"Per essere onesti, non possiamo metterci la mano sopra ancora, " mi disse. "Dobbiamo fare più scavi."

Ma Levy ha detto che il sito minerario di rame detiene ampia evidenza che gli enti locali, piuttosto che gli egiziani o Assiri avevano il controllo del funzionamento.C'è di più, la portata e la complessità del lavoro che doveva essere fatto - compreso il mantenimento di una forza enorme di schiavi - sarebbe al di là della capacità organizzativa degli abitanti del villaggio collinare di fondo.

"Ci sono state delle società a livello statale che vivevano nel sud della Giordania, molto probabilmente, " ha detto.

Quando Levy ha iniziato questo lavoro, non ha cercato di dimostrare che David e Salomone fossero realmente esistiti. "Sono un antropologo, " mi disse. "Io non sono uno studioso della Bibbia. Il mio lavoro è scavare nella storia, non di indagare nella vericità di libri."

Alla luce delle recenti scoperte, tuttavia, Levy è arrivato alla conclusione che "abbiamo bisogno di riesaminare il rapporto tra tutti i testi storici", compresa la Bibbia.

"E 'una risorsa importante che non dobbiamo trascurare, " ha detto.

Levy e colleghi hanno approfondito il loro punto di vista nel numero di settembre della rivista Antiquity. "Abbiamo utilizzato l' esperienza biblica nell' archeologia in Giordania come un esempio di come si possa fare ciò in qualsiasi parte del mondo", ha detto. Per esempio, ha detto, saghe islandesi potrebbero essere utile per districare l'archeologia scandinava, o il Mahabharata potrebbe far luce sulla storia antica dell'India.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >