sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
23 Novembre 2010 STORIA
Fredrik Larsson liutprand
L'ANTICA COLONIZZAZIONE DELLA GROENLANDIA
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 5 min. circa

Quasi tutti hanno qualche volta sentito parlare o letto qualcosa sui feroci vichinghi, o normanni. Si può anche conoscere la saga di Eric il Rosso, che scoprì la Groenlandia. Ma questo non è del tutto vero!

Prima di raccontare la storia di Eric il Rosso e della Groenlandia, diamo un'occhiata a che cosa potesse avere spinto la gente dalla Scandinavia a compiere esplorazioni in tutto il mondo. Le fonti scritte medievali e anche le pietre runiche rivelano una società che sembra incoraggiasse in qualche modo le persone a viaggiare all'estero per compiere grandi imprese. La domanda è: perché alcune persone volevano lasciare la Scandinavia? Una ragione è che durante l'era vichinga (c 793-1050 d.C. o 1066) alcune persone in Scandinavia divennero sempre più potenti come capi, il che, ai loro nemici, ovviamente non piaceva. Secondo alcuni archeologi vi era anche sovrappopolazione, soprattutto nella parte occidentale della Norvegia, e la gente cercava nuove terre. Per colonizzare nuove aree c'era bisogno di navi e di persone. Le navi erano molto importanti perché molte persone e intere famiglie si recassero all'estero (Ólafsson 2000:144).

Come ebbe inizio la colonizzazione della Groenlandia? Abbiamo sia le fonti scritte, nella maggior parte dei casi, medievali, sia anche materiali archeologici provenienti dalla Groenlandia. All'inizio del X secolo, un uomo conosciuto come Gunnbjörn Ulfsson o Gunnbjörn Ulf-Krakuson dalla Norvegia toccò la costa montagnosa della Groenlandia in un posto chiamato Gunnbjarnarsker (gli scogli di Gunnbjörn). Intorno al 970 Snæbjörn Galti e Styrbjörn navigarono sino a Gunnbjarnarsker e vi posero i loro quartieri d'inverno. Ma non colonizzarono la Groenlandia (Hain 1845:899).

Secondo la saga di Eric il Rosso la colonizzazione della Groenlandia reale cominciò negli anni 985-987 d.C. Si dice che Eric il Rosso e i suoi seguaci toccassero la Groenlandia quindici anni prima che l'Islanda fosse cristianizzata e gli archeologi e gli storici oggi dicono che ciò è accaduto intorno all'anno 1000. Questo dovrebbe significare che la colonizzazione ebbe inizio nel 985 d.C. Eric il Rosso salpò probabilmente dalla parte nord-occidentale dell'Islanda con 25 navi. C'erano uomini, donne, bambini ma anche bovini, ovini e caprini, insieme con tutte le attrezzature necessarie, per stabilire una colonia. Il viaggio molto avventuroso ridusse le 25 navi a solo 14, che raggiunsero la Groenlandia. Le altre affondarono o tornarono in Islanda. Eric il Rosso era il leader di questa spedizione e quando la flotta toccò la Groenlandia Eric il Rosso fu il primo a scegliere il posto per la sua fattoria. Probabilmente la fattoria appartenente ad Eric il Rosso è Brattahlid, nello Eriksfiord, oggi conosciuto come Tunigdliarfik, nella parte meridionale della Groenlandia. L'insediamento divenne noto come Eystribygð o la colonia orientale. Eric il Rosso era anche il padre di Leif il Felice, noto anche come Leif il Santo, che sarebbe andato a Vinland (Ingstad 1965:13). Eric il Rosso era abile quando si trattava di pubbliche relazioni e la sua idea di chiamare quella terra Groenlandia, benché fosse più coperta di ghiaccio dell'Islanda, funzionò molto bene (Schledermann 2000:189). Colonizzare la Groenlandia era molto costoso in quanto era a grande distanza dalla Scandinavia. L'obiettivo di andare in Groenlandia per molti rappresentava probabilmente la possibilità di diventare ricchi attraverso il commercio, la caccia e l'agricoltura, ma questa è un'altra storia. Ma le tante aziende agricole della Groenlandia, insediate dai norvegesi sull'isola per 500 anni, mostrano che fu una colonizzazione di successo.

Quando i Vichinghi sbarcarono con le loro esplorazioni in Groenlandia avevano abitudini diverse. Quando approdarono si stabilirono in Budir, che era una sorta di accampamento temporaneo. Il nome è un po' diverso a seconda di dove si trova in Groenlandia: nella parte orientale della Groenlandia ricevettero il nome di Finnsbúðir, Karlbúðir nel nord-ovest della Groenlandia e Leifsbúðir nel Vinland. L'esplorazione era fatta durante l'estate e durante l'inverno la gente rimaneva nei campi (Rafnsson 2001:116).

La Groenlandia è citata nelle fonti scritte per la prima volta in una lettera del papa nel 1053 d.C. (Rafnsson 2001:110). In Norwegie Historia (2003) la Groenlandia è descritta come la parte occidentale dell'Europa e si diceva che l'isola fosse quasi collegato con l'Africa.

A nord degli insediamenti norvegesi vivevano gli Skrælingar che utilizzavano come denti di tricheco e pietre come coltelli (Ekrem&Mortensen 2003:55). La Groenlandia è indicata come un paese indipendente (Ekrem&Mortensen 2003:176).

Gran parte della vita in Groenlandia ricordava il tipo di vita del nord della Scandinavia e dell'Islanda. I viaggi per mare sui fiordi, le conoscenze per costruire case di pietra e di torba e l'essere in grado di adattarsi alle condizioni che il nuovo ambiente richiedeva erano ancora molto importanti. Non fu possibile stabilire lo stesso sistema agricolo della Scandinavia, perché il clima era diverso. I Norvegesi dovettero adattarsi alla regione artica andando a caccia di caribù e di foche (Ingstad 1965:18).

Così i Norvegesi poterono colonizzare la Groenlandia, ma molte domande rimangono aperte: come potevano davvero sopravvivere? C'era solo ferro meteoritico in Groenlandia, e ii ferro era fondamentale al momento per i Norvegesi. La maggior parte del tempo non potevano realizzare oggetti di ceramica? Quindi cosa usavano per gli articoli da cucina? E perché scomparvero così velocemente senza lasciare traccia? Molte domande rimangono da risolvere e che riceveranno una risposta qui su Archnews quindi rimanete sintonizzati per le cose più interessanti circa i Vichinghi in Groenlandia!

Riferimenti:

Ekrem, I.&Mortensen, L.B. 2003. Historia Norwegie. Museum Tusculanum Press, University of Copenhagen: Köpenhamn.

Hain, A. K.G. 1845. Grönlands Historiske Mindesmærker band 3. Kongelige Nordiske Oldskrift-Selskab: Köpenhamn.

Ingstad, H. 1965. Västervägen till Vinland. Forum: Stockholm.

Ólafsson, H. 2000. Sagas of Western Expansion. In Vikings the North Atlantic Saga. Eds Fithugh, W&Ward, E. I. Smitshonian Books: Washington.

Rafnsson, S. 2001. The Atlantic Islands. In The Oxford Illustrated History of the Vikings. Ed Sawyer, P. Oxford University Press: Oxford.

Schledermann, P. 2000. 1000 A.D. East meets West. In Vikings the North Atlantic Saga. Ed Fithugh, W&Ward, E. I. Smitshonian Books: Washington.

L'autore: Fredrik ha studiato alla Lunds University, dove ha conseguito un diploma di Master in archeologia e la laurea in Archeologia storica, concentrandosi sulla Scandinavia da circa 15.000 anni a.C. ai giorni nostri.

Immagine: Fiordo Nuuk della Groenlandia Copyright 2007 Fredrik Larsson

Fonte: http://www.archnews.co.uk/world-archaeology/european-archaeology/3190-how-did-the-norse-really-colonize-greenland.html


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >